Pubblicità

Terapia equina: legami uomo-animale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1004 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Uno studio recentemente condotto dall'Associazione americana Pet Products Manufacturers Association ha scoperto che il 74% dei proprietari di cani, il 60% dei proprietari di gatti e il 45% dei proprietari di uccelli considerava il loro animale domestico come un bambino o un membro della famiglia.

terapia equina,cavalliIl 62% dei proprietari di gatti e cani aveva riferito che il proprio animale domestico li aveva aiutati a rilassarsi e ad alleviare lo stress.

Il 59% dei proprietari di cani e il 37% dei proprietari di gatti era infatti convinto che i loro amici animali contribuivano non solo a farli sentire bene ed in salute, ma anche li avrebbero aiutati a vivere più a lungo.

Recenti ricerche hanno dimostrato che i proprietari di un cane hanno più probabilità di riuscire a sopravvivere dopo un infarto. Il cento per cento dei proprietari di cani intervistati ha detto che preferiscono rivolgersi più spesso ai loro compagni animali per un sostegno emotivo, anziché ad amici. Inoltre, il 100% parla con i propri animali domestici ed il 97% dei proprietari pensa che essi capiscano quello che dicono.

Dunque, perché proprio l’essere responsabili di qualcosa di diverso da noi (in particolare un’altra forma di vita), riesce ad aumentare le nostre connessioni emotive?

Pubblicità

Forse dipende dal fatto che nel prendersi cura di qualcos’altro, abbiamo meno probabilità di concentrarci sul nostro dolore. O forse perché essere in grado di aiutare qualcun altro fornisce un senso di controllo fondamentale nella propria vita.

Molti programmi di terapia equestre sono stati avviati per salvare i cavalli proprio per questo motivo. Soccorrendo i cavalli bisognosi di riabilitazione, spesso a causa di fame, trascuratezza o di abusi, questi programmi sono stati in grado di offrire ai partecipanti un ulteriore vantaggio già solo per l’essere accanto agli animali.

In particolare, i programmi che dispongono di cavalli che sono stati salvati da situazioni di maltrattamento fanno sentire alle persone che partecipano di avere persone un vero scopo.

Quando una persona si sente come se un cavallo abbia bisogno di lui/lei, ciò che quest’ultimo/a prova è che di conseguenza le sue azioni contano e sono importanti. Questo legame, naturalmente, diventa sempre più profondo quando un cavallo è in condizioni terribili.

Per una persona che sta combattendo con la depressione, un PTSD o una situazione di abuso, la sensazione che ciò che fanno può fare la differenza può avere un impatto positivo sul loro senso di benessere. Questo, naturalmente, è anche il motivo per cui l'atto del volontariato è un concetto molto comune nei programmi AA (Terapia Assistita con Animali) come nella psicologia positiva.

Così la prossima volta che ti senti un po' giù, considera di aiutare a salvare degli animali. E soprattutto per quanto riguarda i cavalli, ad es. restituendo un cavallo da corsa (una grande maggioranza dei cavalli trascurati sono cavalli da corsa) la sua piena gloria.

 

Tratto da PsychCentral

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: news di psicologia cavalli; cani gatti; animali;

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti conflittuali e inesprimibili attraverso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

News Letters

0
condivisioni