Pubblicità

Articolo 16 - il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani commentato

0
condivisioni

on . Postato in Il Codice Deontologico degli Psicologi commentato articolo per articolo | Letto 1701 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ci introduce al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani

Articolo 16 il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani commentatoArticolo 16

Lo psicologo redige le comunicazioni scientifiche, ancorché indirizzate ad un pubblico di professionisti tenuti al segreto professionale, in modo da salvaguardare in ogni caso l’anonimato del destinatario della prestazione.

Molto di quanto commentato all’articolo precedente può valere anche per questo articolo.

Abbiamo infatti utilizzato l’esempio della Cartella clinica che, forzando un po’, potrebbe essere assimilata anche a una comunicazione indirizzata a professionisti tenuti al segreto (i colleghi che la condividono in una logica multidisciplinare).

E, d’altronde, già nel commento all’Articolo precedente si evocava anche la dimensione pubblicistica.

Perché i Contesti contano ma solo fino ad un certo punto: il vertice del discorso resta sempre l’elevato standard di riservatezza che lo psicologo è tenuto sempre comunque ad avere.

Cambiano i Contesti ma non si discute la riservatezza; cambiano gli articoli da commentare ma restano estensibili su tutti gli spettri le riflessioni a riguardo. 

Nel caso di questo Articolo 16, i punti di specificazione sono dati dal fatto che si tratta di comunicazioni scientifiche e settoriali (ancorché indirizzate ad un pubblico di professionisti tenuti al segreto professionale). E dal fatto che si parli di salvaguardare in ogni caso l’anonimato del destinatario della prestazione.

Pubblicità

Dovrebbe quindi trattarsi di comunicazioni pubbliche in cui vengono riportati per esempio dei casi clinici.

Comunicazioni pubbliche pare riferirsi a dimensioni di Convegno, Congresso, Master formativo, Docenza, Seminario…, ma non crediamo cambi molto nel caso della pubblicistica settoriale che pure è, senz’altro una forma di comunicazione pubblica.

Si parla di salvaguardare in ogni caso l’anonimato del destinatario della prestazione.

L’espressione destinatario della prestazione fa in prima istanza pensare ad un pregresso clinico che viene utilizzato come paradigma scientifico nell’ambito di una comunicazione pubblica.

Ma potrebbe, allo stesso modo, trattarsi del riporto degli esiti di una sperimentazione e destinatario della prestazione potrebbe indicare anche i soggetti-campione riguardati dalla ‘prestazione’ sperimentale.

Non è questo il punto focale.

Il punto focale è costituito dalla circostanza che si riportano in un altro Contesto (pubblico o, sicuramente, più pubblico) soggetti ed esperienze soggettive di un Contesto pregressamente istituito, con diversi standard di esposizione e quindi diverse misure di riservatezza e, forse con acquisizione di Consenso informato relativa non sempre a tutti i Contesti.

C’è come uno scarto determinato concettualmente dall’esposizione pubblica di un soggetto concreto, reale e individuabile, con tutte le conseguenze e i rischi del caso.

Questo scarto non consente più di vincolare lo psicologo solo ad una generica riservatezza riguardo ai contenuti della pregressa esperienza di relazione, clinica o meno.

Questo scarto impone addirittura un ulteriore Articolo del Codice Deontologico, questo che stiamo commentando, il 16, quasi esclusivamente per ricordare che va salvaguardato sempre (in ogni caso) l’anonimato del destinatario della prestazione.

Non si deve sapere chi è il soggetto in questione: non deve essere possibile in nessun modo risalire alla sua identità.

Anche perché in un contesto scientifico, il termine anagrafico in sé non ha alcuna importanza: conta la fattispecie soggettuale o situazionale indagata, il paradigma da eventualmente ricavarne.

L’Oggetto della Psicologia è il Soggetto, non quella persona fisica.

Ovviamente come si salvaguarda l’anonimato è un fatto tecnico-giuridico (le dimensioni giuridico-formali qui introdotte saranno compiutamente svolte nel commento all’articolo successivo, il 17) e non deontologico (a meno che una modalità sbagliata non convochi qualche Articolo del Codice).

Pubblicità

Deve esserci sempre, ovviamente, la possibilità di risalire processi e procedure per verificarne la validità, fino all’accertamento dell’esistenza delle persone fisiche e della veridicità della loro partecipazione.

Questo misura la responsabilità di quello che si comunica.

Ma le verifiche di cui sopra sono molto sottese, in una logica di diversi gradi di codificazione e registrazione che non afferiscono assolutamente alla comunicazione pubblica finale.

A quel livello, salvaguardare in ogni caso l’anonimato del destinatario della prestazione, è e resta sempre assolutamente indiscutibile.

 

Settimana dopo settimana prosegue il nostro commento di tutti gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani. L'appuntamento è per la prossima settimana con il commento all'Articolo 17. Non mancate.

In questa pagina trovate tutti i commenti finora pubblicati!

(a cura del Dottor Catello Parmentola e dell'Avvocato Elena Leardini)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: psicologia codice deontologico catello parmentola elena leardini Codice Deontologico degli Psicologi Italiani articolo 16

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

News Letters

0
condivisioni