Pubblicità

Articolo 16 - il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani commentato

0
condivisioni

on . Postato in Il Codice Deontologico degli Psicologi commentato articolo per articolo | Letto 190 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ci introduce al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani

Articolo 16 il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani commentatoArticolo 16

Lo psicologo redige le comunicazioni scientifiche, ancorché indirizzate ad un pubblico di professionisti tenuti al segreto professionale, in modo da salvaguardare in ogni caso l’anonimato del destinatario della prestazione.

Molto di quanto commentato all’articolo precedente può valere anche per questo articolo.

Abbiamo infatti utilizzato l’esempio della Cartella clinica che, forzando un po’, potrebbe essere assimilata anche a una comunicazione indirizzata a professionisti tenuti al segreto (i colleghi che la condividono in una logica multidisciplinare).

E, d’altronde, già nel commento all’Articolo precedente si evocava anche la dimensione pubblicistica.

Perché i Contesti contano ma solo fino ad un certo punto: il vertice del discorso resta sempre l’elevato standard di riservatezza che lo psicologo è tenuto sempre comunque ad avere.

Cambiano i Contesti ma non si discute la riservatezza; cambiano gli articoli da commentare ma restano estensibili su tutti gli spettri le riflessioni a riguardo. 

Nel caso di questo Articolo 16, i punti di specificazione sono dati dal fatto che si tratta di comunicazioni scientifiche e settoriali (ancorché indirizzate ad un pubblico di professionisti tenuti al segreto professionale). E dal fatto che si parli di salvaguardare in ogni caso l’anonimato del destinatario della prestazione.

Pubblicità

Dovrebbe quindi trattarsi di comunicazioni pubbliche in cui vengono riportati per esempio dei casi clinici.

Comunicazioni pubbliche pare riferirsi a dimensioni di Convegno, Congresso, Master formativo, Docenza, Seminario…, ma non crediamo cambi molto nel caso della pubblicistica settoriale che pure è, senz’altro una forma di comunicazione pubblica.

Si parla di salvaguardare in ogni caso l’anonimato del destinatario della prestazione.

L’espressione destinatario della prestazione fa in prima istanza pensare ad un pregresso clinico che viene utilizzato come paradigma scientifico nell’ambito di una comunicazione pubblica.

Ma potrebbe, allo stesso modo, trattarsi del riporto degli esiti di una sperimentazione e destinatario della prestazione potrebbe indicare anche i soggetti-campione riguardati dalla ‘prestazione’ sperimentale.

Non è questo il punto focale.

Il punto focale è costituito dalla circostanza che si riportano in un altro Contesto (pubblico o, sicuramente, più pubblico) soggetti ed esperienze soggettive di un Contesto pregressamente istituito, con diversi standard di esposizione e quindi diverse misure di riservatezza e, forse con acquisizione di Consenso informato relativa non sempre a tutti i Contesti.

C’è come uno scarto determinato concettualmente dall’esposizione pubblica di un soggetto concreto, reale e individuabile, con tutte le conseguenze e i rischi del caso.

Questo scarto non consente più di vincolare lo psicologo solo ad una generica riservatezza riguardo ai contenuti della pregressa esperienza di relazione, clinica o meno.

Questo scarto impone addirittura un ulteriore Articolo del Codice Deontologico, questo che stiamo commentando, il 16, quasi esclusivamente per ricordare che va salvaguardato sempre (in ogni caso) l’anonimato del destinatario della prestazione.

Non si deve sapere chi è il soggetto in questione: non deve essere possibile in nessun modo risalire alla sua identità.

Anche perché in un contesto scientifico, il termine anagrafico in sé non ha alcuna importanza: conta la fattispecie soggettuale o situazionale indagata, il paradigma da eventualmente ricavarne.

L’Oggetto della Psicologia è il Soggetto, non quella persona fisica.

Ovviamente come si salvaguarda l’anonimato è un fatto tecnico-giuridico (le dimensioni giuridico-formali qui introdotte saranno compiutamente svolte nel commento all’articolo successivo, il 17) e non deontologico (a meno che una modalità sbagliata non convochi qualche Articolo del Codice).

Pubblicità

Deve esserci sempre, ovviamente, la possibilità di risalire processi e procedure per verificarne la validità, fino all’accertamento dell’esistenza delle persone fisiche e della veridicità della loro partecipazione.

Questo misura la responsabilità di quello che si comunica.

Ma le verifiche di cui sopra sono molto sottese, in una logica di diversi gradi di codificazione e registrazione che non afferiscono assolutamente alla comunicazione pubblica finale.

A quel livello, salvaguardare in ogni caso l’anonimato del destinatario della prestazione, è e resta sempre assolutamente indiscutibile.

 

Settimana dopo settimana prosegue il nostro commento di tutti gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani. L'appuntamento è per la prossima settimana con il commento all'Articolo 17. Non mancate.

In questa pagina trovate tutti i commenti finora pubblicati!

(a cura del Dottor Catello Parmentola e dell'Avvocato Elena Leardini)

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: psicologia codice deontologico catello parmentola elena leardini Codice Deontologico degli Psicologi Italiani articolo 16

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita psichica, è costituita da processi...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 18 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.18 (libertà di scelta), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo sett...

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

News Letters

0
condivisioni