Pubblicità

Articolo 39 - il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani commentato

0
condivisioni

on . Postato in Il Codice Deontologico degli Psicologi commentato articolo per articolo | Letto 651 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.39 (Formazione e informazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spiega ed approfondisce gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani

Articolo 39 il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani commentato

Articolo 39

Lo psicologo presenta in modo corretto ed accurato la propria formazione, esperienza e competenza.

Riconosce quale suo dovere quello di aiutare il pubblico e gli utenti a sviluppare in modo libero e consapevole giudizi, opinioni e scelte.

Nei Rapporti con la Società è particolarmente esposta l’etica attiva poiché è esposto lo psicologo nel mondo e questo convoca la sua responsabilità riguardo al tipo di figura professionale che va a sagomare e alla appropriatezza e coerenza dei messaggi che media e promuove.

La presentazione in modo corretto ed accurato della propria formazione, esperienza e competenza è esemplarmente importante in questo discorso.

Intanto perché descrive il rigore e la qualità del professionista nel descrivere correttamente la propria formazione.

Questo proprio per l’importanza che va ad assegnare alla formazione, in un Mercato professionale spesso opaco a riguardo, con concorrenze contigue di professionisti o anche soggetti casual di cui non si capisce mai bene a che titolo.

Inoltre, la comunicazione corretta della formazione costituisce anche una sollecitazione implicita a possederne termini corretti, titoli reali e coerenti: acquisire una qualificazione formale per potere esercitare e anche per potere dirla, ben sapendo della puntuta attenzione deontologica ‘vigente’ su tale aspetto.

Farebbe anche pensare uno psicologo, supremo tecnico e esperto della comunicazione, che va a comunicare male se stesso e la propria formazione.

Che va a descrivere una ricaduta dannosa nel mercato professionale, con conseguente responsabilità etica e professionale a riguardo.

Pubblicità

Ovviamente, ‘gonfiare’ la propria formazione per ‘catturare’ mercato è un tipo di ‘imbroglio’ che può comportare responsabilità giuridiche, prima ancora che specificamente deontologiche.

Ma ciò che qui interessa sottolineare è che una formazione detta male dallo psicologo, scorretta, approssimata o millantata, per limiti o interessi, impedisce un orientamento mirato degli utenti verso la miglior risposta alla propria domanda.

È quindi oltremodo importante che lo psicologo riconosca quale suo dovere quello di aiutare il pubblico e gli utenti a sviluppare in modo libero e consapevole giudizi, opinioni e scelte.

Questo secondo comma dell’articolo, supera il discorso della formazione e del mercato professionali e atterra completamente nell’etica attiva, ci parla di quello che lo psicologo promuove nel mondo oltre e fuori dagli ambulatori e dagli stretti contesti di esercizio professionale.

Ma va anche oltre il generico benessere, i valori positivi e le istanze sane.

Entra coraggiosamente nel merito qualitativo di qualcosa che riguarda molto da vicino lo professione psicologica: la libertà di giudizi opinioni e scelte è, infatti, esercitabile solo se si matura la legittimità di se stessi, il diritto alla propria soggettività (l’autentico Oggetto della Psicologia).

Quindi questo Comma porta anche nel mondo l’Oggetto della Psicologia che maggiormente abita i contesti più o meno chiusi di esercizio professionale.

Il comma dice libero e consapevole.

Della libertà abbiamo detto ma qualcosa di altrettanto probante va detto a proposito della consapevolezza di giudizi, opinioni e scelte.

Perché lo psicologo media l’incontro del Soggetto con se stesso.

Dopo questo incontro, ogni esito di sé è più onesto e preciso, consapevole e governato.

I giudizi, le opinioni e le scelte più consapevoli sono, semplicemente, più autenticamente rappresentativi di se stesso, del più vero se stesso.

Essendo proprio Oggetto della professione psicologica la focalizzazione di sé e la maggiore  consapevolezza (e cognizione) di sé, ancora una volta questo comma non fa altro, come è giusto ed inevitabile in una logica di etica attiva, che portare anche nel mondo lo psicologo e i suoi fondamentali Oggetti professionali.

Pubblicità

L’articolo, quindi, non si riferisce tanto ad un pubblico generico, ma anche e soprattutto agli utenti.

Ma in questo Capo sono esposti i rapporti con la Società e, quindi, abbiamo preferito questo taglio nello svolgimento del commento.

È bello e importante considerare che, pubblico o utenti che siano, non si parla di sintomi o di clinica ma si parla di funzionare in modo libero e consapevole.

Tutti.

In questo comma, la professione psicologica dice qualcosa ai cittadini e alla società.

Qualcosa che può far bene al mondo.

Pura etica attiva.

Per questo, il 39, insospettabilmente, è uno degli articoli più belli e importanti del Codice Deontologico degli psicologi italiani.

 

Settimana dopo settimana prosegue il nostro commento di tutti gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani. L'appuntamento è per la prossima settimana con il commento all'Articolo 40. Non mancate.

In questa pagina trovate tutti i commenti finora pubblicati!

(a cura del Dottor Catello Parmentola e dell'Avvocato Elena Leardini)

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: psicologia codice deontologico catello parmentola elena leardini Codice Deontologico degli Psicologi Italiani articolo 39

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Quando lei maltratta lui (1574…

DELUSO 60, 59 anni     Incontrati a 46 anni io 40 lei, divorziati entrambi, io convivevo con una signora da 8 anni, lei con un figlio di 10 (unic...

Presa in giro (1574783413891)

Berna,  20 anni     Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione. Mi chiamo benedetta e s...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni