Pubblicità

L'emozione sorprendente che si nasconde dietro l’ansia

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 6098 volte

3.6666666666667 1 1 1 1 1 Votazione 3.67 (3 Voti)

Non riuscire a riconoscere la propria rabbia aumenta lo stress e i  problemi di salute.

emozione sorprendente“Di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente; si limitano a piangere sulla propria situazione; ma quando si arrabbiano allora si danno da fare per cambiare le cose.” (Malcolm X)

Raramente si associa la rabbia all’ansia,  gli individui, infatti, tendono a fingere di non provare rabbia per salvare le apparenze, preferendo cosi' mostrarsi come gentili, educati, responsabili agli occhi degli altri.

Ma, bisogna prestare attenzione al sentimento della rabbia  perché essa rappresenta l'emozione primaria di fondo dell' ansia.

La rabbia è una delle emozioni più  potenti, quando essa non viene gestita in maniera appropriata, potrebbero generarsi forti ripercussioni per la salute psicofisica dell'idividuo.

Secondo una ricerca pubblicata dall’ “ American Psychological Association”, l'ansia e la rabbia rappresentano due fattori potenzialmente pericolosi per la salute, in quanto:
•    aumentano la vulnerabilità a malattie delle vie respiratorie superiori;
•    compromettono il  sistema immunitario;
•     aumentano i livelli di lipidi nel sangue; 
•    aumentano il rischio di malattie cardiovascolari potenzialmente mortali.

Uno studio condotto dalla “ Concordia University “ mostra che per le persone con disturbi d'ansia generalizzati  (GAD), la rabbia rappresenta molto di più di un emozione, ma è qualcosa che intensifica l’ansia; in particolare, quando non viene espressa ma  interiorizzata.

La relazione rabbia-ansia è raramente lineare.  Poche volte si tende a manifestare in maniera esplicita tale sentimento, questo perché essere arrabbiati non premia.

Spesso una persona tende a reprimere la propria ira  in seguito ad un appproccio educativo ricevuto durante l'infanzia.

Contesti educativi possono convincere che esprimere la rabbia è scortese, fuori da un comportamento di controllo e pericoloso per se stessi e per gli altri.

Quando gli adulti hanno paura della loro ira  tendono a reprimere le loro emozioni.

Ma tali sentimenti non  possono essere negati per tanto tempo perché agire "come se" una determinata  situazione o comportamento di una persona non ha ferito né sconvolto, significa negare il proprio stato emotivo autentico.

In realtà, seppure i modelli educativi insegnano che le sensazioni sgradevoli non devono essere espresse, riconosciute o convalidate,  esse provocano gravi conseguenze sulla persona, generando confusione, vergogna e  senso di inadeguatezza, tutte sensazione che si protraggono nel tempo.

Pubblicità

Ad esempio, quando individui, vittime di bullismo, non possono comunicare la loro rabbia cominciano a autoconvincersi che hanno veramente qualcosa che non va, essi si ritrovano a  provare sentimenti di umiliazione e  rabbia, i quali non tendono a scomparire.

La transizione verso l'età adulta e una vita trascorsa a nascondere le proprie emozioni, indurrà i soggetti ad affrontare le diverse situazioni  adottando capacità di coping insalubri.

Bisogna rendersi conto che esprimere la  rabbia, in maniera adeguata, non genera problema per gli altri, i quali al contrario, apprezzeranno il comportamento autentico.

Eccco le seguenti operazioni che possono aiutare l'individuo a gestire meglio la rabbia:

1)Ascoltare  i propri  sentimenti: molto spesso non viene insegnato come gestire i sentimenti di rabbia, spesso, infatti,  si dimentica che la gestione è importante per concedersi il tempo e lo spazio necessario per affrontare un turbamento emotivo.
A volte l'obiettivo non è quello di "risolvere" il problema, ma di imparare a fermarsi e a riconoscere sensazioni sgradevoli.

2. Normalizzare la  rabbia: la rabbia non è un'emozione negativa, essa spesso rappresenta una risposta adeguata ad un 'ingiustizia subita".
Essa può anche portare a risultati più favorevoli come una maggiore motivazione per cambiare quello che c'è di sbagliato nella propria vita personale e con l'ambiente circostante.

3.Sviluppare  confini fermi e coerenti: è importante decidere se è più saggio e opportuno  resistere alla persona o ad una situazione che  turba, o esprimere la propria ira, prestando particolare attenzione al processo di pensiero in modo da rimanere nel "qui" e "ora".

4. Fare i conti con le ferite dell'infanzia: questo è di sicuro un compito arduo.
A volte i genitori possono aver commesso degli errori, ma focalizzarsi solo e sempre sulle ferite del passato non permette di vivere la vita presente.
Considerarsi sempre una vittima non permetterà di concentrarsi sui propri punti di forza e realizzare i propri obiettivi.
Una psicoterapia può aiutare a eliminare credenze centrali negative e distaccarsi da eventi passati.

Liberarsi dalla propria rabbia non significa vivere in uno stato di rabbia costante, ma di non fingere che non esista.

L’ira è un’emozione umana naturale ed è necessario sperimentarla. Solo così essa può esseere manifestata in modo sano.

La chiave per  gestire la rabbia in maniera efficace è saperla esprimere al momento giusto, nella giusta quantità, e alle persone giuste.

 

Tratto da Psycology Today

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: ansia salute rabbia stato emotivo coping

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

News Letters

0
condivisioni