Pubblicità

L'emozione sorprendente che si nasconde dietro l’ansia

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 5943 volte

3.6666666666667 1 1 1 1 1 Votazione 3.67 (3 Voti)

Non riuscire a riconoscere la propria rabbia aumenta lo stress e i  problemi di salute.

emozione sorprendente“Di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente; si limitano a piangere sulla propria situazione; ma quando si arrabbiano allora si danno da fare per cambiare le cose.” (Malcolm X)

Raramente si associa la rabbia all’ansia,  gli individui, infatti, tendono a fingere di non provare rabbia per salvare le apparenze, preferendo cosi' mostrarsi come gentili, educati, responsabili agli occhi degli altri.

Ma, bisogna prestare attenzione al sentimento della rabbia  perché essa rappresenta l'emozione primaria di fondo dell' ansia.

La rabbia è una delle emozioni più  potenti, quando essa non viene gestita in maniera appropriata, potrebbero generarsi forti ripercussioni per la salute psicofisica dell'idividuo.

Secondo una ricerca pubblicata dall’ “ American Psychological Association”, l'ansia e la rabbia rappresentano due fattori potenzialmente pericolosi per la salute, in quanto:
•    aumentano la vulnerabilità a malattie delle vie respiratorie superiori;
•    compromettono il  sistema immunitario;
•     aumentano i livelli di lipidi nel sangue; 
•    aumentano il rischio di malattie cardiovascolari potenzialmente mortali.

Uno studio condotto dalla “ Concordia University “ mostra che per le persone con disturbi d'ansia generalizzati  (GAD), la rabbia rappresenta molto di più di un emozione, ma è qualcosa che intensifica l’ansia; in particolare, quando non viene espressa ma  interiorizzata.

La relazione rabbia-ansia è raramente lineare.  Poche volte si tende a manifestare in maniera esplicita tale sentimento, questo perché essere arrabbiati non premia.

Spesso una persona tende a reprimere la propria ira  in seguito ad un appproccio educativo ricevuto durante l'infanzia.

Contesti educativi possono convincere che esprimere la rabbia è scortese, fuori da un comportamento di controllo e pericoloso per se stessi e per gli altri.

Quando gli adulti hanno paura della loro ira  tendono a reprimere le loro emozioni.

Ma tali sentimenti non  possono essere negati per tanto tempo perché agire "come se" una determinata  situazione o comportamento di una persona non ha ferito né sconvolto, significa negare il proprio stato emotivo autentico.

In realtà, seppure i modelli educativi insegnano che le sensazioni sgradevoli non devono essere espresse, riconosciute o convalidate,  esse provocano gravi conseguenze sulla persona, generando confusione, vergogna e  senso di inadeguatezza, tutte sensazione che si protraggono nel tempo.

Pubblicità

Ad esempio, quando individui, vittime di bullismo, non possono comunicare la loro rabbia cominciano a autoconvincersi che hanno veramente qualcosa che non va, essi si ritrovano a  provare sentimenti di umiliazione e  rabbia, i quali non tendono a scomparire.

La transizione verso l'età adulta e una vita trascorsa a nascondere le proprie emozioni, indurrà i soggetti ad affrontare le diverse situazioni  adottando capacità di coping insalubri.

Bisogna rendersi conto che esprimere la  rabbia, in maniera adeguata, non genera problema per gli altri, i quali al contrario, apprezzeranno il comportamento autentico.

Eccco le seguenti operazioni che possono aiutare l'individuo a gestire meglio la rabbia:

1)Ascoltare  i propri  sentimenti: molto spesso non viene insegnato come gestire i sentimenti di rabbia, spesso, infatti,  si dimentica che la gestione è importante per concedersi il tempo e lo spazio necessario per affrontare un turbamento emotivo.
A volte l'obiettivo non è quello di "risolvere" il problema, ma di imparare a fermarsi e a riconoscere sensazioni sgradevoli.

2. Normalizzare la  rabbia: la rabbia non è un'emozione negativa, essa spesso rappresenta una risposta adeguata ad un 'ingiustizia subita".
Essa può anche portare a risultati più favorevoli come una maggiore motivazione per cambiare quello che c'è di sbagliato nella propria vita personale e con l'ambiente circostante.

3.Sviluppare  confini fermi e coerenti: è importante decidere se è più saggio e opportuno  resistere alla persona o ad una situazione che  turba, o esprimere la propria ira, prestando particolare attenzione al processo di pensiero in modo da rimanere nel "qui" e "ora".

4. Fare i conti con le ferite dell'infanzia: questo è di sicuro un compito arduo.
A volte i genitori possono aver commesso degli errori, ma focalizzarsi solo e sempre sulle ferite del passato non permette di vivere la vita presente.
Considerarsi sempre una vittima non permetterà di concentrarsi sui propri punti di forza e realizzare i propri obiettivi.
Una psicoterapia può aiutare a eliminare credenze centrali negative e distaccarsi da eventi passati.

Liberarsi dalla propria rabbia non significa vivere in uno stato di rabbia costante, ma di non fingere che non esista.

L’ira è un’emozione umana naturale ed è necessario sperimentarla. Solo così essa può esseere manifestata in modo sano.

La chiave per  gestire la rabbia in maniera efficace è saperla esprimere al momento giusto, nella giusta quantità, e alle persone giuste.

 

Tratto da Psycology Today

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: ansia salute rabbia stato emotivo coping

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

News Letters

0
condivisioni