Pubblicità

Affrontare il fallimento e uscire dalla trappola

0
condivisioni

on . Postato in Crescita personale | Letto 798 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il fallimento troppo spesso viene vissuto come una trappola, un meccanismo dal quale diventa difficile uscire piuttosto che come un’esperienza dalla quale trarre preziosi insegnamenti, ma i fallimenti nella vita non solo sono inevitabili ma anzi sono necessari.

Affrontare il fallimento e uscire dalla trappolaUn rischio che si corre in questi casi è quello di cadere in un circolo vizioso, uno schema del fallimento che fa sì che la persona, convintasi di non poter raggiungere buoni risultati, finisca per impegnarsi poco nel raggiungimento di un obiettivo finendo con l’ottenere realmente un risultato scarso: è la profezia che si auto-avvera. Il fallimento verrà attribuito alle scarse capacità della persona piuttosto che allo scarso impegno e il circolo riprende, alimentandosi pericolosamente ogni volta.

Altre volte invece le persone, per difendersi dall’esperienza del fallimento, creano delle vere e proprie strategie di auto-sabotaggio: inconsciamente o consciamente si cerca l’alibi, la giustificazione per non essere riusciti a raggiungere il proprio obiettivo. Un esempio è andare ad una festa la notte prima degli esami e attribuire poi la pessima prestazione alla stanchezza, al mal di testa e allo stato di intontimento generale col quale si è affrontata la prova.

Un altro meccanismo dal quale bisogna guardarsi bene e che crea quella sensazione cronica di fallimento è quello che ci porta a fissare degli standard troppo elevati. Questo farà si che o non li si raggiungano mai o che non li si raggiungano mai abbastanza bene, la costante pressione alla quale si è esposti porta ad essere facilmente irritabili e scontrosi, perennemente insoddisfatti del proprio operato.

Pubblicità

Ma come uscire da queste vere e proprie trappole mentali?

Una buona strategia sta nel distinguere tra gli aspetti dell’obiettivo che sono sotto il nostro controllo e quelli che invece non lo sono.

Fate una vera e propria lista con due colonne, a sinistra gli aspetti che possiamo controllare, a destra quelli che NON possiamo controllare. Tra quest’ultimi sottolineate quelli che potete migliorare (ad esempio abilità e competenze): farlo sarà il vostro prossimo obiettivo. Ora concentratevi sulla colonna di sinistra e interrogatevi: in che modo questi aspetti mi hanno ostacolato? Come trasformarli, come renderli più efficienti?

Avere un senso di padronanza e controllo sugli eventi, analizzarli e comprenderli ci consente di trasformare quel senso di demoralizzazione e impotenza che accompagna un fallimento in uno stimolo, un punto da cui partire con maggiore consapevolezza per provare e riprovare ancora senza perdere la motivazione, aumentando così le probabilità di successo.

Il circolo da vizioso si trasforma in virtuoso.

Ricordate sempre che Wiston Churcill affermava che "Il successo è l'abilità di passare da un fallimento all'altro senza perdere l'entusiasmo".

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: fallimento

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Due nemici sotto lo stesso tet…

maria, 69 anni     Salve ! Sto vivendo un momento abbastanza difficile e complicato della mia vita e da sola non riesco ad uscirne, ecco perch...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni