Pubblicità

Come realizzare i propri sogni

0
condivisioni

on . Postato in Crescita personale | Letto 3471 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Consigli per alimentare la forza di volontà e raggiungere i propri obiettivi con successo

realizzare i propri sogniChe si tratti di propositi per il nuovo anno o di qualsiasi altro traguardo che vogliamo raggiungere, la maggior parte di noi con il tempo inizia a “mollare la presa” e scoraggiarsi nel portare avanti i propri obiettivi. Troppo spesso i nostri sforzi falliscono e ci ritroviamo incapaci di staccare i nostri fondoschiena dal divano o le nostre mani dal cioccolato!

C'è una ragione scientifica per questo, che fondamentalmente fa riferimento ad un indebolimento dell’autocontrollo.
La buona notizia, tuttavia, è che la ricerca mostra anche che mantenere i nostri buoni propositi non sarà difficile.

In uno studio sulla forza di volontà condotto dallo psicologo Roy Baumeister, i ricercatori hanno cotto al forno dei biscotti al cioccolato, inebriando il loro laboratorio con un profumo meraviglioso. Hanno poi chiamato i partecipanti.
Alcuni di essi sono stati invitati a mangiare i biscotti al cioccolato e una ciotola di cioccolatini disposti davanti a loro. Altri sono stati invitati, nello stesso laboratorio con lo stesso delizioso odore, a mangiare dei ravanelli poco appetibili disposti accanto agli invitanti biscotti e cioccolatini.
In seguito, ad entrambi i gruppi è stato assegnato un compito: lavorare su un puzzle che era, a loro insaputa, irrisolvibile.

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che hanno avuto maggior autocontrollo, esercitato mangiando i ravanelli ed evitando i biscotti e i cioccolatini allettanti, hanno rinunciato a risolvere il puzzle molto più rapidamente rispetto a quelli che avevano mangiato i cioccolatini (o rispetto al gruppo di controllo a cui non erano stati mostrati né dolci né ravanelli).

Perché succede questo?

L'autocontrollo in realtà ci esaurisce, è una risorsa limitata come la benzina o la carica del nostro cellulare. Più lo utilizziamo, meno ne abbiamo.

I ricercatori hanno scoperto che l'autocontrollo consuma letteralmente il glucosio. Vi siete mai chiesti perché si hanno maggiori probabilità di abbuffarsi di gelato di sera? L'autocontrollo viene impoverito man mano che il giorno avanza.
Dopotutto, usiamo l'autocontrollo tutto il giorno al lavoro.

Pubblicità

Dall'alba al tramonto facciamo del nostro meglio per:

1. Controllare i nostri impulsi

Questo potrebbe significare rimanere concentrati su un compito invece di rinunciarci o cedere alle distrazioni (es. controllare Facebook) o tentazioni (uscire prima dal lavoro per incontrare gli amici).

2. Controllare le nostre prestazioni

Ciò significa persistere e dare il nostro meglio, nonostante la sensazione di stanchezza.

3. Controllare il nostro comportamento e le nostre emozioni

Questo potrebbe consistere ad esempio nel mantenere un tono e un atteggiamento professionale anche quando l'ambiente di lavoro è sgradevole o quando i nostri colleghi o manager prendono decisioni che non condividiamo.

4. Controllare i nostri pensieri

Noi lottiamo per concentrarci sul nostro lavoro, nonostante i molti sogni ad occhi aperti, i pensieri e le fantasie che compaiono nelle nostre menti .


Ecco come evitare che l’indebolimento della forza di volontà abbia la meglio su di te:


1. Ricorda, la mattina è d'oro

L'autocontrollo è più forte al mattino poichè hai avuto tutta la notte per alimentarlo. Cosa significa questo?
Se hai deciso di esercitarti di più, fallo al mattino .
Se stai cercando di attenerti a una dieta, prepara i tuoi pasti per il giorno e assicurati di lasciare tutto ciò che non è nella tua dieta fuori dalla tua portata.
Se il tuo obiettivo è quello di scrivere un libro o completare un grosso progetto di lavoro, metti da parte le prime ore del giorno per farlo.

2. Gestisci la tua energia, rimanendo calmo

Mantenere la calma ti rende potente. La ricerca mostra che le persone preferiscono emozioni "ad alta intensità" come l'eccitazione, o anche lo stress.
Pensaci: la gente beve caffè e aspetta fino all'ultimo minuto per fare le cose perché dipende dall’adrenalina per svolgere il proprio lavoro.
La conseguenza sia dell’eccitazione che dello stress, tuttavia, è che affaticano il corpo; e maggiore è la stanchezza, minore sarà l’autocontrollo.
Quindi, è necessario gestire la tua energia.

Quando il cellulare è scarico lo colleghi per ricaricarlo: fai la stessa cosa con te stesso. In particolare, partecipa ad attività che ti aiutano a mantenere la calma in modo da non esaurirti così in fretta: yoga, meditazione ed esercizi di respirazione. Fallo anche se ciò significa prenderti una pausa nel mezzo della giornata lavorativa.
Perché? La ricerca mostra che quando si fa qualcosa come meditare o pregare - anche per poco tempo - si può riempire il serbatoio dell’autocontrollo.

3. Rilassati in altri settori della tua vita

Non fare troppi progetti e non cercare di esercitare l'autocontrollo in troppi nuovi settori della tua vita in una volta sola. Fai le cose con calma e rilassati in alcuni settori (ad esempio, lascia che la casa sia disordinata ogni tanto) quindi non prosciugarti impiegando l’autocontrollo in ogni aspetto della tua vita e in ogni momento della giornata.
Scegli il settore in cui ritieni che l'autocontrollo sia più importante (per esempio, sul posto di lavoro) e concediti più leggerezza per altre cose della tua vita.

4. Focalizzati sull'obiettivo finale

Come sottolinea il neuroscienziato Elliott Berkman: "Quando si lavora su cose sulle quali si vuole veramente lavorare, si hanno meno probabilità di perdere l’entusiasmo”. Egli sostiene che se ci ricordiamo qual è l'obiettivo finale del nostro proposito, presumibilmente qualcosa che vogliamo, riusciamo a raccogliere l'energia necessaria per esercitare l'autocontrollo.


Seguendo questi consigli, vedrai che sarà possibile mantenere i tuoi propositi, avere più forza di volontà e raggiungere i tuoi obiettivi.
Quindi, vai avanti e fai la maggior parte delle cose al mattino, rimani calmo, concediti un po’ di negligenza e leggerezza per alcune cose e tieni gli occhi sul premio.


Tratto da Psychology Today

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Sara D’Annibale)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: emozioni autocontrollo successo obiettivi energia impulsi calma forza di volontà propositi prestazioni premio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

News Letters

0
condivisioni