Pubblicità

Il phubbing: una nuova forma di esclusione sociale

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 780 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il termine Phubbing è stato creato dalla combinazione delle parole “Phone”, telefono, e “Snubbing”, snobbare. Fa riferimento ad una situazione sociale in cui una persona interagisce con il proprio cellulare o altro dispositivo, piuttosto che interagire con la persona presente.

Il phubbing una nuova forma di esclusione socialeQuando ci troviamo all'interno di una relazione, sia essa amicale o intima, e l'altro ci sta ignorando perché impegnato ad interagire con il proprio smartphone, siamo di fronte al cosiddetto “phubbing”.

Il termine Phubbing è stato creato dalla combinazione delle parole “Phone”, telefono, e “Snubbing”, snobbare. Fa riferimento ad una situazione sociale in cui una persona interagisce con il proprio cellulare o altro dispositivo, piuttosto che interagire con la persona presente.

In un'interazione sociale, un “phubber” può essere definito come la persona che inizia ad interagire con il proprio dispositivo, mentre un “phubbee” è colui/colei che è destinatario del comportamento di phubbing.

L'uso di questo e di altri termini relativi all'uso dei dispositivi mobili mette in luce un problema crescente con i diversi tipi di tecnologia, incluso il delicato equilibrio di condivisione del tempo e dell'attenzione quando si affrontano due interazioni molto diverse nello stesso momento.

Il fenomeno del Phubbing è molto comune, almeno nelle culture occidentali. In una recente indagine statunitense, nove intervistati su dieci hanno affermato di aver usato il proprio smartphone durante la loro attività sociale più recente.

Vi è anche la prova di come esso sia socialmente dannoso, lasciando le persone meno soddisfatte delle loro interazioni faccia a faccia e generando sentimenti di risentimento e isolamento.

È proprio un recente studio pubblicato sul Journal of Applied Social Psychology che ha esplorato le ragioni di questi effetti.

Pubblicità

I risultati si basano sul Dottorato di ricerca di Varoth Choptitayasunondh presso l'Università di Kent, Inghilterra, che, insieme alla co-autrice, Karen Douglas, ha chiesto ad un gruppo di partecipanti di sesso femminile (età media, 19 anni) di assistere ad un'animazione di tre minuti in raffigurante una conversazione tra due persone.

A loro è stato chiesto di immaginare se stessi come una delle persone nell'animazione, e successivamente esprimere giudizi sulla conversazione e su come si sentivano.

Vi erano tre condizioni in cui il compagno di conversazione del partecipante variava in termini di utilizzo del telefono cellulare durante la conversazione.

Nella prima condizione, il telefono dell'interlocutore dei partecipanti è rimasto inutilizzato sul tavolo durante tutta la conversazione.

Nella seconda condizione, l'attenzione dell'interlocutore è stata rapidamente attirata da qualcosa sul proprio telefono, trascorrendo il resto dell'interazione facendo phubbing, mantenendo lo sguardo sullo schermo mentre periodicamente ridacchiavano per ciò che visualizzano.

La terza condizione era caratterizzata da un'interazione in cui l'interlocutore dei partecipanti si impegnava in esplosioni di phubbing intervallati da periodi in cui ignoravano il telefono.

I 128 partecipanti hanno quindi vissuto diverse tipologie di phubbing. Tuttavia, maggiore era presente l'esperienza di phubbing peggiore era considerata la qualità dell'interazione.

I ricercatori ritengono che il phubbing abbia questo effetto perché viene vissuto come forma di esclusione sociale, analogo a quando le persone non hanno altra scelta che mangiare da soli nella caffetteria della scuola o scoprire che i loro amici non rispondono alle loro chiamate.

La caratteristica di tale fenomeno è che questa esclusione si verifica durante la condivisione di un incontro fisico e, almeno a livello teorico, di un'interazione.

Coerentemente con questi dati, i due autori hanno scoperto che il phubbing ha influenzato negativamente i bisogni fondamentali dei partecipanti, incluso il loro senso di appartenenza, il bisogno di significato e autostima, proprio come è stato riscontrato per le forme più tradizionali di esclusione sociale.

Più il phubbing minacciava questi bisogni, più i partecipanti si sentivano male riguardo all'interazione e alla relazione, e questo era vero indipendentemente da quanto fossero tipici e socialmente accettabili tali comportamenti.

Gli autori suggeriscono l'importanza di condurre ulteriori ricerche su tali meccanismi, in quanto i suddetti risultati mettono in risalto un aspetto sottile ma onnipresente della nostra esperienza quotidiana, che può facilmente creare circoli viziosi di distacco ed elicitare sensazioni in cui, anche se circondati da persone, ci si sente soli ed esclusi.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: smartphone esclusione sociale, phubbing

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

News Letters

0
condivisioni