Pubblicità

Come la psicoterapia modifica i tratti di personalità

0
condivisioni

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 3235 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (9 Voti)

Una recente meta-analisi ha rilevato che bastano poche settimane di psicoterapia per produrre cambiamenti significativi e duraturi nella personalità dei clienti, in particolare alla riduzione del tratto di nevroticismo e nell'aumento di estroversione.

Come la psicoterapia modifica i tratti di personalitàUna nuova meta-analisi pubblicata nella rivista “Psychological Bullettin” ha esaminato 207 studi sulla psicoterapia e studi correlati pubblicati tra il 1959 e il 2013, che hanno coinvolto più di 20.000 partecipanti, con misure di personalità prese ripetutamente nel tempo.

L'analisi ha rilevato che solo poche settimane di psicoterapia sono associate a cambiamenti significativi e duraturi nella personalità dei clienti, in particolare alla riduzione del tratto di nevroticismo e all'aumento di estroversione.

Parlare di cambiamenti di personalità può apparire angosciante, perchèé si pensa alla personalità come un qualcosa che plasma il nostro modo di essere, di rappresentare mentalmente noi stessi e agli altri.

Tuttavia, dal punto di vista del benessere, i cambiamenti di alcuni tratti scoperti da questa nuova ricerca sono ben accetti e possono anche costituire la base dei benefici della psicoterapia.

Il nevroticismo o l'instabilità emotiva è un fattore di rischio non solo per la salute mentale ma anche fisica, e punteggi alti nell'estroversione sono invece noti per procurare maggiore felicità e più ottimismo.

Gli autori della ricerca, Brent Roberts dell'Università dell'Illinois e i suoi colleghi, riferiscono anche che il cambiamento di personalità è apparso molto rapidamente.

Pubblicità

Erano sufficienti quattro o più settimane di psicoterapia per indurre un cambiamento significativo. In effetti, il superare le otto sedute di psicoterapia non si traduceva nell'equazione “più psicoterapia maggiore cambiamento di personalità”.

I cambiamenti correlati alla psicoterapia del tratto del nevroticismo è stato particolarmente significativo: poche settimane di psicoterapia hanno portato ad una crescita della stabilità emotiva che normalmente ci si aspetterebbe di vedere esibire durante un'intera vita, in quanto solitamente la maggior parte di noi diviene emotivamente più stabile con l'avanzare dell'età.

Roberts e il suo team erano particolarmente interessati a verificare se i cambiamenti della personalità relativi alla psicoterapia riflettevano semplicemente un effetto dell'umore o un vero cambiamento nei tratti.

Coerentemente con l'idea che si trattasse di veri e propri cambiamenti di tratto, hanno scoperto che il cambiamento di personalità era maggiore nei partecipanti ai gruppi di trattamento rispetto a quelli in condizione di controllo, e che i cambiamenti perdurano nel corso degli anni senza “sbiadire”.

Dall'analisi dei risultati sono emersi altri dettagli:

  • l'estensione del cambiamento di personalità osservato è pressappoco la stessa per diversi tipi di psicoterapia, come quella cognitiva-comportamentale o psicodinamica;
  • l'ospedalizzazione è associata ad un minor numero di cambiamento;
  • i pazienti con diagnosi di depressione o disturbi di personalità hanno mostrato il maggior cambiamento di personalità rispetto ad altre condizioni;
  • la dimensione degli effetti era la stessa per sesso ed età.

Quest'ultima scoperta riguardante l'età ha affascinato i ricercatori, in quanto sembra sostenere “il principio di plasticità secondo cui la personalità è un sistema aperto e suscettibile di cambiamento durante la vita”.

Ovviamente, vi sono alcuni limiti, in particolare il fatto che gli studi in esame si basano quasi interamente sulle valutazioni self-report della personalità.

Pubblicità

L'articolo ha il merito di mettere in luce una conseguenza poco discussa della psicoterapia, e si nutre di un movimento più ampio nella psicologia clinica che riconosce l'importante ruolo della personalità nella salute mentale.

Nel prossimo futuro si potranno sviluppare interventi terapeutici che mirano più deliberatamente a modificare i tratti della personalità. La ricerca parla anche di un dibattito in corso nella scienza della personalità su quanto essa cambi realmente, con le nuove scoperte che discutono contro l'idea che il cambiamento possa avvenire solo lentamente.

I tratti della personalità non sono solo dei solidi predittori di importanti esiti della vita, ma sembrano anche suscettibili di intervento. Questo fatto apre le porte a una nuova era di ricerca che collega più fortemente personalità e psicologia clinica, e altri gruppi, come gli psicologi dell'educazione e gli economisti, che sono interessati a cambiare le persone e i loro comportamenti al fine di aiutarli nella loro vita”, hanno concluso i ricercatori.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: psicoterapia personalità tratti di personalità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

News Letters

0
condivisioni