Pubblicità

Adolescenti che minacciano il suicidio

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 1467 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Gli adolescenti tendono ad essere drammatici e, alla loro età, la minaccia di suicidio è piuttosto frequente. Come affrontare una tematica così complessa? In questo articolo alcuni semplici consigli.

adolescenti che minacciano il suicidioGli adolescenti hanno la tendenza ad essere drammatici.

A molti non piace ammetterlo, ma anche noi lo siamo stati a quell’età, almeno in una certa misura. Ora che siamo genitori (o mentori, caregiver, amici, o altri familiari) di un adolescente, l’universo ci sta dando un assaggio di cosa si prova ad essere dall’altra parte.

D’altronde, un po’ di angoscia è tipica del periodo adolescenziale.

Tutti ricordiamo la prima volta che nostra madre ha offeso la nostra band preferita. Lei ha detto: “Non mi piace questo gruppo”. Quello che noi abbiamo sentito è stato: “Sei stupido ad ascoltarli ed hai un gusto terribile in fatto di musica”.

Quando gli adolescenti si arrabbiano, però, bisogna far attenzione. Tutti abbiamo detto cose, quando eravamo arrabbiati, di cui, poi, ci siamo pentiti, però bisogna considerare che le menti dei ragazzi non sono completamente formate e che alcune lezioni di vita, che noi adulti diamo per scontate, loro non le hanno ancora imparate. In più, quando sono irritati, essi si scatenano e tendono a dire proprio quelle cose che sentono ci feriranno di più.

Cercare di commettere il suicidio è un punto di questa escalation, abbastanza tipico per un teenager sconvolto, che vuole attaccare, in qualunque modo, l’altro.

Non ignorare nessun tentativo di suicidio, anche se sei “sicuro” che stanno mentendo.

Pubblicità

La nostra società è carente nel campo dell’educazione alla salute mentale e nella prevenzione del suicidio, per cui molti adulti non sanno cosa fare quando qualcuno cerca di commettere il suicidio, figuriamoci se a tentarlo è un ragazzo.

La nostra tendenza naturale è ignorare cose che ci fanno sentire a disagio o che non capiamo. Comunque, fare ciò quando sono gli adolescenti che cercano di commettere il suicidio è una cattiva idea – anche se sei sicuro che sia solo una sceneggiata.

In genere, ci sono due ragioni per cui gli individui affermano di voler tentare il suicidio:

  • Stanno considerando di porre fine alla loro vita ed hanno bisogno di cure mediche.
  • Stanno cercando di manipolarti e, facendo questo, (non intenzionalmente) rendono più difficile prendere sul serio quelle persone che non stanno mentendo.

Dedicarsi alla prima ragione è ovvio; preoccuparsi per la seconda ti assicura che il ragazzo non minimizzi le esperienze delle persone che hanno veramente bisogno di aiuto, perché gridare al lupo non solo li ferisce, ma causa anche un effetto a catena, che le scoraggia dal chiederlo.
E questo non va bene.

Cosa fare, allora, quando un adolescente ti dice che sta pensando di suicidarsi?

Se un ragazzo ti dice che sta considerando la possibilità di suicidarsi, cerca immediatamente aiuto per la persona. Non ignorare questa affermazione e non cercare di affrontarla da solo. Le malattie mentali, le crisi dovute ad una condizione psicologica ed i pensieri di suicidio sono problemi seri, che hanno bisogno dell’intervento di personale specializzato.
Anche se sei sicuro che l’adolescente in questione stia “solo facendo una sceneggiata”, chiedi aiuto in ogni caso. I tentativi di suicidio non sono qualcosa da prendere alla leggera. Alcune persone si giustificano, dicendo che non vogliono “perdere il loro tempo” o “far perdere tempo al dottore”, con qualcosa che credono sia solo il risultato di un tentativo di manipolazione da parte del ragazzo. E avrebbero torto a pensarlo.

Il suicidio ha effetti permanenti.

Vuoi prenderti questo rischio, se c’è anche un 1% di possibilità che ti stia sbagliando? Considera, inoltre, che un adolescente può imparare, in questo modo, una lezione molto importante: tentare il suicidio non è un’arma che può essere brandita in una discussione o uno strumento per la manipolazione. Per cui, intervenendo, egli rischia di ricevere delle cure mediche che gli permettono di sopravvivere, oppure di vivere un’esperienza che gli cambierà la vita e che lo renderà una persona migliore. Non c’è un aspetto negativo.

Nonostante possa trattarsi di manipolazione, angoscia o di declamazioni drammatiche di un adolescente, prendete sempre questi tentativi sul serio. Anche se sei convinto che il tuo ragazzo non abbia di questi problemi.

Se venisse da me mio nipote e mi dicesse che ha una pistola carica sotto il suo letto, andrei comunque a guardare.
Tu non lo faresti?

 

 

Fonte: PsychCentral.com

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: adolescenza suicidio cosa fare

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti conflittuali e inesprimibili attraverso...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni