Pubblicità

I bambini e l'uso dei dispositivi tecnologici

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 2351 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I bambini usano sempre più precocemente i dispositivi tecnologici (smartphone, tablet, computer ecc..). In Italia 8 bambini su 10 tra i 3 e i 5 anni usano il cellulare dei genitori. Ma questi ultimi sono consapevoli dei rischi di un uso precoce di tali dispositivi?

bambini dispositivi tecnologiciLa Società Italiana di Pediatria si è espressa sul tema pubblicando un documento ufficiale sull'uso dei media device nei bambini da 0 a 8 anni di età.

Tale documento è stato pubblicato nella rivista "Italian Journal of Pediatrics", che ha individuato effetti positivi e negativi di tale utilizzo indicando l'età appropriata all'esposizione ai media device e le modalità giuste.

Le raccomandazioni della Società Italiana di Pediatria sono:

  1. Niente dispositivi tecnologici prima dei due anni, durante i pasti o prima di andare a dormire
  2. Limitare l'uso almeno ad un'ora al giorno nei bambini tra i due e i cinque anni, due ore al giorno per i bambini tra i cinque e gli otto anni
  3. Niente programmi con contenuti violenti
  4. Evitare l'uso di dispositivi tecnologici per calmare o distrarre i bambini

Inoltre la Società Italiana di Pediatria ha realizzato alcuni approfondimenti per i genitori sui rischi e le opportunità che derivano da un uso precoce dei dispositivi tecnologici:

Apprendimento: secondo degli studi recenti l'uso del touchscreen potrebbe interferire sullo sviluppo cognitivo del bambino in quanto è necessario una esperienza diretta e concreta con gli oggetti (ad esempio accarezzare un gatto su uno schermo e accarezzare un gatto veramente a livello tattile e di sviluppo del bambino sono differenti). Il bambino di età inferiore a tre anni può apprendere nuove parole attraverso dei video ma solo con la presenza di un genitore che può aggiungere ulteriori informazioni

Sviluppo: una quantità elevata di tempo davanti ad uno schermo può comportare una difficoltà nelle relazioni sociali e una bassa attenzione, aumento della difficoltà di concentrazione e comprensione. Le chat annullano l'attesa nell'interazione a due, con l'utilizzo di strumenti tecnologici il bambino non riesce a tollerare la frustrazione che deriva dall'attesa, dall'aspettare. Al di sotto di due anni "le interazioni dirette dei più piccoli con i genitori e con il mondo esterno sono fondamentali e importanti per un sano sviluppo del bambino a livello cognitivo, emotivo e relazionale" (Balbinot, Tamburlini del Centro per la Salute del Bambino Onlus di Trieste e il pediatra Toffol)

Pubblicità

Benessere: l'uso di strumenti tecnologici durante l'infanzia per più di due ore è associato ad un aumento del peso corporeo, questo perché di fronte ad uno schermo il bambino non consuma energie, e a problemi comportamentali. Alcune evidenze suggeriscono che esista una correlazione tra dolore muscolare del collo e spalle dovute alla postura non adeguata che viene assunta

Sonno: uno studio recente ha concluso che i bambini tra uno e quattro anni che hanno una televisione in camera presentano una peggior qualità del sonno, paura del buio, incubi e dialoghi nel sonno

Vista: l'esposizione eccessiva ad uno schermo può comportare una secchezza oculare, avvertire una sensazione di corpo estraneo nell'occhio, bruciore (sintomatologia dell'occhio secco)

Udito: una esposizione a intensi livelli di rumore senza interruzione può portare ad una alterata percezione dei suoni e di conseguenza interferire con lo sviluppo del linguaggio.

Infatti in una intervista ad un'equipe di logopediste dell'ospedale Buccheri La Ferla di Palermo è stato sottolineato proprio un incremento del ritardo del linguaggio nei bambini e nelle bambine. Le specialiste sottolineano una elevata povertà di vocaboli accompagnata da una eccessiva gestualità.

Le specialiste sottolineano che da un lato troviamo un ritardo del linguaggio dall'altro anche un mancato sviluppo motorio, cioè bambini che hanno difficoltà nel giocare a palla, andare in bici o allacciarsi le scarpe. Tali difficoltà potrebbe essere collegata ad una immobilità da videogioco.

È importante alla luce dei rischi accompagnare i bambini nella maniera corretta alla scoperta di smartphone e tablet e degli altri strumenti tecnologici.

"Nessuna criminalizzazione delle tecnologie digitali, anzi alcune applicazioni hanno mostrato un impatto positivo sull'apprendimento in età prescolare, purché usate insieme ai genitori [...]" (Presidente della Società Italiana di Pediatria Alberto Villani).

 

Bibliografia-sitografia

  • Documento della Società Italiana di Pediatria: https://link.springer.com/epdf/10.1186/s13052-018-0508-7?author_access_token=6oaDNSqFJnyZtZIbE_a8t2_BpE1tBhCbnbw3BuzI2RPIEeWQnP49LorU82s_wftFwl6IQ3o_8GPbpOEDK-MJXs6Hiy-rUc0QRiHvbpcremso914gbyVEn7ROFsVmdehLFiM_9aoWuKEGanvNlZig%3D%3D
  • https://www.csbonlus.org/
  • https://intreccio.eu/bambini-e-smartphone-in-aumento-i-ritardi-del-linguaggio-genitori-non-siate-fan-dei-figli/

 

A cura della Dottoressa Ilaria Luciani

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




Tags: infanzia smartphone pediatria dispositivi tecnologici tablet

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. Il paradigma (ovvero il modello di riferimento) alla...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni