Pubblicità

I molteplici usi delle favole

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 4145 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (7 Voti)

L'uso delle favole nella terapia e nella scoperta, per i bambini, del proprio mondo emotivo.

favole, favola"Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perché i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti".
(G. K. Chesterton)

Le favole danno la possibilità ai bambini, e non solo, di entrare alla scoperta del proprio mondo interiore ed emotivo, aiutandoli a comprendere, verbalizzandoli, i sentimenti più complessi ed allo stesso tempo sono in grado di stimolare le loro capacità di ragionamento.

È possibile, infatti, attraverso le fiabe apprendere nuovi schemi di comportamento, imparare a rispondere più efficacemente a situazioni difficili o di disagio. In questo modo si impara a non rimanere vinti dalle emozioni che si vivono.

Riconoscersi nei protagonisti, identificandosi, darà loro modo di entrare in contatto con quelle emozioni, impareranno a riconoscerle, a dargli un nome e quindi ad esprimerle.

Spesso, quando si ascolta una fiaba si viene totalmente assorbiti da questa. Ancora di più nel caso dei bambini. Il bambino infatti entra totalmente nel mondo fatato, si veste degli abiti e delle azioni dei suoi protagonisti.

Quando si ascolta una favola, spesso, la possibilità di liberarsi della durezza della realtà può essere il fattore che permette al bambino di immaginare.

Immaginando, il bambino può giocare con temi che appartengono alla sua realtà psichica, compresi quelli difficili come l'amore, la morte, la paura, la rivalità fraterna, la separazione e l'abbandono.

 

L' uso delle favole in psicologia e psicoterapia

In psicologia e psicoterapia, le favole presentano un grande vantaggio nel lavoro con i bambini: il lieto fine. Il lieto fine stimola i processi di riparazione, fondamentali nello sviluppo emotivo del bambino.

Louisa Düss ha ideato delle piccole favole o storie nelle quali un protagonista si trova in una determinata situazione che rimanda ad uno dei diversi stadi dello sviluppo psicosessuale (stadio orale, anale, edipico, ecc.).

Il metodo delle storie da completare risulta essere un mezzo di indagine rapido, sostitutivo dell'interrogatorio psicoanalitico diretto del bambino. L'analisi delle risposte date dal bambino esige dagli esaminatori una conoscenza profonda del modello psicoanalitico, soprattutto per quanto riguarda la struttura della personalità e la comprensione delle situazioni simboliche rappresentanti determinati stati dell'evoluzione affettiva del bambino, ed anche una certa padronanza della tecnica dell'interrogatorio psicoanalitico.

Pubblicità

Le “favole della Düss", sono uno degli strumenti proiettivi maggiormente utilizzati nella psicodiagnosi infantile in quanto costituiscono un mezzo per individuare rapidamente eventuali conflitti ed il loro grado di gravità e possono servire come punto di partenza per un intervento psicoterapico sul bambino.

Questo utile strumento è costiituito da  10  storie. Per ognuna delle 10 favole che vengono presentate al soggetto, viene poi valutato un particolare aspetto della personalità del bambino:  

1) STORIA  DELL’UCCELINO:  per  valutare  l’attaccamento del fanciullo a uno dei due genitori oppure la sua dipendenza;

2) STORIA  DELL’ANNIVERSARIO  DI  MATRIMONIO:  per vedere se il soggetto ha ricevuto uno choc nella camera dei genitori (gelosia dell’unione dei genitori);

3) STORIA  DELL’AGNELLO:  per  indagare sul  complesso  di  divezzamento e su quello dei fratelli e/o sorelle;

4) IL  FUNERALE:  per indagare sull’aggressività, sul desiderio di morte, senso di colpa, auto-punizione;

5) UNA  STORIA  DI  PAURA:  per  indagare  sull’angoscia e l’auto-punizione;

6) LA  STORIA  DELL’ELEFANTE: per l’esame del complesso di castrazione;

7) LA  STORIA  DELL’OGGETTO  COSTRUITO: per indagare sul carattere di possesso e di ostinazione (complesso anale);

8) PESSEGGIATA CON IL BABBO E CON LA MAMMA: per mettere in evidenza il complesso di Edipo;

9) LA  STORIA  DELLA  NOTIZA:  per conoscere i desideri o i timori del fanciullo;

10) IL BRUTTO SOGNO: per controllo delle favole precedenti.

 

Il metodo di somministrazione

Lo Psicologo o il Terapeuta legge, una alla volta, l’incipit di dieci piccole favole o storie, nelle quali un protagonista si trova in una determinata situazione che rimanda ad uno dei diversi stadi dello sviluppo psicosessuale (stadio orale, anale, edipico,…..).

Il bambino dovrà completare le storie. In questo modo si ottiene uno strumento di indagine rapido e sostitutivo dell’interrogatorio diretto. L’analisi delle risposte date dal bambino permette di individuare eventuali conflitti o blocchi evolutivi ed il loro livello di gravità.

Partendo dai risultati del Test, si avrà una traccia da seguire per un intervento di sostegno psicologico o psicoterapeutico sul bambino.

E’ bene ricordare che il Metodo delle Favole della Duss, così come qualsiasi altro Test Psicodiagnostico, deve essere accompagnato dal colloquio, dall’osservazione e da altri Test utili all’obiettivo diagnostico (Test Carta e Matita, Children Apperception Test…) così da esere valido ed efficace supporto nella stesura della diagnosi psicologica.


PER CONCLUDERE...

Molti studi hanno dimostrato che le favole possono essere utilizzate con un'ampia versatilità in psicodiagnostica ma al tempo stesso, tuttavia, bisogna ricordarsi di non sottovalutare  mai sottovalutare l'importanza delle cose più semplici. Nella vita quotidiana, infatti,  il momento delle storie raccontate e ascoltate dalla mamma e dal papà, magari accoccolati tra le loro braccia, prende un significato emotivo molto più grande del gesto in sé.

<<La  vita  è  simbolicamente  una  fiaba  continua,  o  meglio "mille   fiabe"  che  iniziano e  si  concludono,  fiabe contemporanee che si sviluppano in tempi diversi e a volte si intrecciano tra loro>>

 


A cura della Dottoressa Emanuela Torrente

 

Per approfondimenti:

  • https://www.giuntios.it/catalogo/test/favole-della-duss;
  • https://www.quipsicologia.it/limportanza-delle-favole-nei-bambinie-non-solo/;
  • https://www.emotiva-mente.it/approfondimenti/favole.htm;
  • https://www.psinfantile.com/psicologia/la-favola-in-psicologia-utilita-del-metodo/;
  • Louisa Düss ;“Il metodo delle favole in psicoanalisi infantile”;  Gustavo Iacono, Adele Nunziante Cesàro ; pp. 164,  6a ristampa 2017;
  • Santagostino Paola, "Guarire con una fiaba. Usare l’immaginario per curarsi", Milano, Feltrinelli Editore, 2008, p. 95.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: psicologia psicoterapia emozioni favola test proiettivi favole; Düss;

0
condivisioni

Guarda anche...

Ricerche e Contributi

I test psicologici

Una rassegna dei principali Test psicologici disponibili in Italia. Ovviamente non ci sono tutti i reattivi ma abbiamo cercato di selezionare i principali o quelli maggiormente utilizzati. Tecniche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni