Pubblicità

L'importanza degli eventi della prima infanzia

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 345 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Il nostro sviluppo personale è praticamente determinato dagli eventi della prima infanzia, così come affermava Sigmund Freud alla fine del secolo scorso.

L'importanza degli eventi della prima infanziaSebbene molte delle sue idee siano state riformulate e/o superate, alcune moderne teorie psicologiche suggeriscono anche che le esperienze infantili svolgano un ruolo importante nel plasmare le nostre vite.

Ma c'è davvero qualche prova che le esperienze infantili difficili possono causare problemi psicologici comuni come l'ansia o la depressione più avanti nella vita? E se è così, che ruolo svolgono i genitori?

Non vi è dubbio che i genitori sono figure critiche nello sviluppo del bambino. Sappiamo che le prime esperienze familiari hanno effetti profondi e duraturi sui bambini, molte delle quali sono positive.

Le esperienze infantili avverse, tuttavia, possono causare danni o angoscia e disturbare in qualche misura lo sviluppo fisico e/o psicologico del bambino.

Esempi di tali esperienze includono la povertà, il maltrattamento, il divorzio dei genitori o la morte di un genitore. Queste esperienze sono estremamente comuni in tutto il mondo.

In Inghilterra, quasi la metà degli adulti ne ha vissuto almeno uno. Quasi uno su 10 ha vissuto quattro o più esperienze negative simili durante l'infanzia.

Gli studi hanno rintracciato e delineato collegamenti tra esperienze specifiche e vari esiti negativi, con effetti duraturi fino all'età adulta.

Pubblicità

Ad esempio, vivere il divorzio, la separazione, la perdita di un genitore o vivere con un familiare affetto da disturbo mentale aumenta il rischio di sviluppare problemi di salute mentale per tutta la vita.

E' anche noto che le avversità infantili sono spesso correlate. Ad esempio, il divorzio dei genitori può determinare un cambiamento dello status socio-economico di molte famiglie.

Gli studi hanno dimostrato che l'accumulo di circostanze avverse aumenta il rischio di vari problemi di salute mentale e persino il suicidio.

Il presente studio, pubblicato nella rivista “Frontiers in Psychology”, ha messo in evidenza come il divorzio dei genitori porti ad un aumento del rischio di depressione nella prole.

Per questa ricerca, sono stati uniti i dati di 18 studi pubblicati negli ultimi 35 anni, con oltre 24.000 partecipanti in totale.

I risultati dimostrano che coloro che hanno vissuto il divorzio dei genitori nell'infanzia, avevano il 56% in più di probabilità di sperimentare depressione in età adulta rispetto a coloro che non avevano avuto un'esperienza simile.

Vulnerabilità Vs resilienza

Come possono alcune esperienze infantili traumatiche avere un effetto permanente? Una possibile spiegazione è che l'esposizione a tali eventi aumenta la vulnerabilità di una persona agli effetti di eventi stressanti successivi.

Ad esempio, il divorzio è un'esperienza difficile che è correlata a sintomi di ansia e depressione durante l'età adulta.

Allo stesso modo, le persone che hanno sperimentato altre avversità precoci hanno un rischio ancora maggiore di sviluppare tali condizioni a seguito del divorzio.

Tuttavia, sperimentare le avversità nell'infanzia non rende necessariamente le persone più vulnerabili.

Infatti, alcuni bambini non subiscono quasi masi conseguenze negative anche di fronte a gravi avversità multiple - un tratto che gli psicologi chiamano resilienza.

In queste circostanze, l'esperienza negativa rafforza la resistenza allo stress successivo. Le persone resilienti conoscono se stesse quando attraversano momenti difficili, imparando come gestire al meglio il loro comportamento e affrontare lo stress in futuro.

Il modo in cui un bambino reagisce alle esperienze stressanti sembra dipendere da un complesso insieme di fattori che differiscono tra gli individui, compresi i loro geni, il temperamento, e le capacità cognitive.

I ricercatori stanno attualmente studiando quanto ciascuno di questi fattori aiuta a determinare se qualcuno sviluppa la resilienza.

Con i continui progressi nella genomica umana, la complessa interazione tra fattori genetici e ambientali sta iniziando a essere scoperta.

È importante ricordare che i risultati negativi dei traumi infantili non sono inevitabili. Anche in età adulta, non è ancora troppo tardi per lavorare su alcune esperienze traumatiche, anche quelle gravi come l'abuso fisico o emotivo e l'abbandono.

Programmi di intervento appositamente progettati per coloro che sperimentano molteplici avversità nell'infanzia - come la terapia cognitiva comportamentale o la psicoterapia psicodinamica - possono essere particolarmente utili.

Molte persone, tuttavia, trovano più semplice dare la colpa ai genitori per i loro problemi. Può sembrare che trovare una causa alla radice del dolore possa essere d'aiuto – sicuramente è meglio dare la colpa ai genitori che incolparsi.

Tuttavia, un ampio studio condotto su oltre 30.000 partecipanti provenienti da 72 paesi ha mostrato che il dare la colpa ai genitori non aiuta le persone a elaborare e metabolizzare le conseguenze negative di esperienze difficili.

Pubblicità

Lo studio ha infine scoperto che coloro che si sono soffermati su esperienze negative come l'abuso, indirizzando la colpa verso gli altri o sé stessi, senza intraprendere nessun percorso personale per lavorare su tali dinamiche, hanno avuto un rischio maggiore di soffrire di problemi di salute mentale rispetto a quelli che non lo hanno fatto.

Lo studio suggerisce quindi che i processi psicologici come quelli in cui la rabbia e la colpa vengono proiettati all'esterno possono essere più pericolosi per la salute mentale rispetto alle esperienze passate.

Se si vuole superare il peso del passato e prosperare, bisogna iniziare a prendersi cura di sé, attraverso un trattamento che fornisca quegli strumenti e quelle risorse che consentiranno di ripristinare un reale controllo sulle proprie emozioni e sulla propria vita.

A questo, bisognerebbe affiancare altre esperienze positive come attività fisica regolare e sostegno sociale, in quanto capaci di migliorare gli esiti psicologici – comprese le funzioni cognitive, la salute mentale ed il benessere.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 
 

Tags: sviluppo prima infanzia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni