Pubblicità

Il Bilancio di Competenze

0
condivisioni

on . Postato in La psicologia del lavoro | Letto 5583 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Il bilancio di competenze è un percorso che mette a punto un progetto professionale attraverso l’analisi sistematica delle caratteristiche personali

bilancio di competenzeIn un contesto sociale, economico e lavorativo che si presenta sempre più mutevole complesso e competitivo, la formazione continua e l’orientamento acquisiscono nuovi significati e diventano di capitale importanza per mantenere il lavoratore aggiornato e portatore di competenze spendibili nel mercato del lavoro, consentendogli di divenire soggetto attivo a tutti gli effetti e  attore responsabile del proprio percorso professionale.

Il Consulente che opera nel settore dell’Orientamento si avvale del Bilancio di Competenze quale strumento elettivo per mettere a fuoco le conoscenze e le attitudini dell’individuo. L’obiettivo è quello di costruire un progetto professionale coerente con le caratteristiche della persona e spendibile nel contesto di riferimento, in un’ottica di autoconsapevolezza e valorizzazione del proprio potenziale.
Risulta di particolare utilità per coloro i quali si trovano ad affrontare situazioni di reinserimento lavorativo o ricollocazione professionale.

Il Bilancio di Competenze utilizza strumenti quali il colloquio e la somministrazione di schede di autovalutazione atte a favorire un processo di esplorazione e di autoriflessione sul proprio percorso formativo, lavorativo ed esperienziale, evidenziando nel contempo le aree di forza e di miglioramento dell’individuo utili a tracciare le piste di sviluppo percorribili.

Dall’analisi precisa dell’esperienza individuale maturata deriva una maggiore autoconsapevolezza, e dunque una maggiore capacità di orientare e definire un percorso professionale, in linea con le proprie predisposizioni e attitudini in un’ottica di progettualità.

La finalità del Bilancio di Competenze è di accompagnare l’individuo, attraverso l’analisi delle proprie competenze e l’individuazione delle proprie potenzialità e aspetti motivazionali, alla formulazione del proprio progetto professionale e contestuale verifica della sua spendibilità sul mercato del lavoro. L’efficacia del percorso è strettamente correlata ad una attiva collaborazione Cliente-Consulente e richiede una elevata motivazione individuale.  

STRUTTURAZIONE DEL  PERCORSO

1° fase: Analisi dei bisogni

In tale fase viene effettuata un’analisi e decodifica della domanda, definiti gli obiettivi e poste le premesse per la definizione del contratto di bilancio che viene sottoscritto da entrambe le parti (Consulente di Bilancio e Cliente).

2° fase: Investigazione

Rappresenta il nucleo centrale del percorso in cui avviene l’esplorazione e la ricostruzione del bagaglio esperienziale che sarà analizzato in funzione della fattibilità e spendibilità nel contesto individuale di riferimento.

3° fase: Restituzione e Accompagnamento

Il Bilancio si ritiene concluso con la restituzione del report al cliente in cui è evidenziata la sintesi dei contenuti emersi, sulla base dei quali viene messo a punto il piano di azione e si definiscono le modalità5 di attuazione del progetto professionale con successivo monitoraggio e verifica sulle azioni intraprese.

Pubblicità

Secondo una definizione dell’UNESCO (1970) orientare significa:
«Porre l’individuo in grado di prendere coscienza di sé e di progredire nell’adeguamento dei suoi studi e della sua professione alle esigenze della vita, con il duplice scopo di contribuire al progresso della società e di raggiungere il pieno sviluppo della persona».

Brevi cenni storici

Il Bilancio di Competenze si afferma in Francia nel 1991 come diritto del lavoratore a perseguire il proprio sviluppo professionale e a migliorare la propria condizione lavorativa o a modificarla ed è regolato a livello normativo (1405/1991). In base a tale Legge il lavoratore che si avvale del Bilancio ha diritto ad un permesso retribuito fino ad un massimo di 24 ore e ha la facoltà di decidere come utilizzare i risultati emersi. L’esito del Bilancio infatti non può essere comunicato ad altri senza il suo consenso.

Inizialmente il Bilancio era indirizzato solamente a persone che avevano maturato una esperienza professionale, più recentemente è rivolto anche ai giovani inoccupati con una funzione orientativa e di supporto nell’inserimento lavorativo. 

In Italia il Bilancio comincia a diffondersi negli anni ’90 attraverso una sperimentazione condotta dalla regione Emilia Romagna presso il centro di orientamento Polaris, ma non risulta ad oggi regolato a livello normativo come avviene in Francia.

 

Bibliografia:

  • “Il Bilancio di Competenze” A. Selvatici, M.G. D’Angelo.
  • “Scegli la tua professione- Il Bilancio delle Competenze per la creazione dell’obiettivo professionale”. G. Antoni, N.Giaconi

 

(a cura della Dottoressa Arianna Grazzini)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: autoconsapevolezza bilancio orientamento competenze progetto professionale analisi sistematica caratteristiche personali formazione valorizzazione potenziale progettualità bisogni accompagnamento restituzione

0
condivisioni

Guarda anche...

Vita da Psicologo

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei disturbo/i lamentato/i, attribuire loro un...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

News Letters

0
condivisioni