Pubblicità

Ma le diete servono? Intervista a Rosanna Bellanich

0
condivisioni

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 1120 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

In una vita frenetica come la nostra e tutta orientata alla ricerca della salute fisica e psichica, le diete sono uno degli argomenti più discussi ed affrontati. Ma le diete servono a qualcosa? Oppure è necessario modificare altro? Lo chiediamo a Rosanna Bellanich, autrice de "Alla faccia delle diete! Vivere sani, forti e belli", Edizioni Psiconline.

alla faccia delle dieteA due anni dalla pubblicazione di "Dire addio alla fame nervosa" Rosanna Bellanich torna a parlare di corretta alimentazione, stavolta nel volume dal titolo "Alla faccia delle diete! Vivere sani, forti e belli" (Punti di Vista - 16,00), un testo molto scorrevole che dà utili consigli per uno stile di vita sano, puntando l'attenzione, con toni spesso scherzosi sulle errate abitudini alimentari che con il tempo possono mettere in serio pericolo la nostra salute.

Il libro è rivolto a tutti coloro che desiderano acquisire la giusta informazione in tema di nutrizione e stile di vita e assimilare competenze individuali per gestire la propria alimentazione in modo sano, corretto e allo stesso tempo piacevole.

Psiconline
Un titolo accattivante che sembra invitare il lettore a mettere da parte le diete prescritte per godersi i piaceri della buona tavola. Ma è proprio così?

Rosanna Bellanich
Non proprio. Si tratta di un manuale che insegna a mantenersi in un giusto equilibrio evitando rigide e noiose prescrizioni e sfrenate sregolatezze.

Perché mangiamo cibi nocivi per la nostra salute o in quantità assolutamente sconsigliabili pur sapendo di stare mettendo a serio rischio il nostro benessere fisico?
Perché mantenere uno stile di vita sano è difficile. Il libro aiuta a farlo in modo meno rigido e molto più piacevole.

Secondo lei quali persone riescono meno ad osservare un regime dietetico sano?
Non ci sono particolari categorie di persone che non riescono ad osservare le regole. In genere cambiare certe abitudini poco salutari,  radicate da anni è molto difficile. Per questo dieta e stile di vita non devono mai essere rigide prescrizioni faticose e difficili da attuare, ma devono essere un cambiamento dolce e graduale, compatibile con il proprio modo do vivere.

Quando si può affermare di avere un peso corporeo ragionevole? Si può raggiungere il peso corporeo ideale e mantenerlo per sempre senza dover rinunciare a mangiare con gusto?
Il peso ragionevole è quello il più possibile vicino a quello ideale, raggiungibile però senza troppi sforzi e rinunce, che ci permetta di sentirci bene ed avere valori ematici accettabili. In questo modo il peso diventerà nel tempo una normalità.

Quali sono gli errori alimentari in cui spesso incorriamo e che ci fanno ingrassare o peggio ammalare?
In genere mangiamo troppo. Troppi grassi animali, troppi zuccheri, troppe poche fibre vegetali, troppo alcol. Ma non bisogna commettere l'errore di privarci troppo.

Ci sono cibi che è meglio evitare di mangiare anche in piccole quantità?
No. Anche i cibi meno sani si possono assumere, ma in piccole quantità e solo saltuariamente, per il piacere del gusto.

Cosa dire ai giovani sempre affamati che ingurgitano di tutto senza preoccuparsi delle conseguenze, consolandosi con la giustificazione del "mi è consentito mangiare tutto perché sono giovane"?
Fortunati, ma attenzione, perché una lunga vita sana si comincia a costruire già da ragazzi.

copertina alla faccia delle diete v001 sitoVengono pubblicizzate diete miracolose che promettono di perdere i chili di troppo e mantenere il peso forma per sempre. Cosa direbbe a chi si ostina a seguire rigidamente ora una, ora l'altra dieta?
Sono pericolose, non tanto perché sono nutrizionalmente carenti, ma perché essendo molto restrittive vengono abbandonate molto presto e inculcano nella persona un senso di fallimento e inadeguatezza che può innescare o peggiorare un'eventuale depressione.

È possibile essere in sovrappeso senza per questo avere problemi quali valori di colesterolo, trigliceridi o glicemia troppo alti?
Sì è possibile, ma il sovrappeso da solo costituisce uno dei fattori di rischio per le malattie metaboliche.

Oggi sembra essere molto difficile mangiare sano con tutti i cibi che sono a nostra disposizione, inoltre assumiamo purtroppo anche cibi molto contaminati da pesticidi, ormoni, antibiotici ecc., come possiamo difenderci dalle insidie nascoste in alimenti apparentemente sani?
Questo è molto difficile da sapere per il consumatore. Frodi e inquinamenti alimentari sono  sempre possibili. Comunque nonostante tutto la vita media almeno in Italia sta aumentando e questo mi fa pensare che gli eventuali contaminanti attuali non siano poi così pericolosi. Comunque buona norma è leggere sempre le etichette e consumare possibilmente prodotti locali.

Si leggono opinioni molto controverse sulla possibilità di sostituire lo zucchero con dolcificanti, dato che anche questi ultimi sembrano essere comunque nocivi per la salute? Esiste la possibilità di dolcificare gli alimenti senza ricorrere a prodotti derivati da una lavorazione chimica?
L'Istituto Superiore della Sanità conferma che i dolcificanti attualmente in commercio non sono dannosi. Tuttavia è meglio consumarli in piccole dosi e non somministrarli ai bambini e alle gravide. Purtroppo non ci sono attualmente in commercio dolcificanti non chimici. I prodotti naturali derivati dalla frutta o il miele o lo zucchero grezzo sono comunque zuccheri.

Cosa pensa degli stili alimentari che si stanno diffondendo negli ultimi anni e che escludono completamente prodotti quali latte, uova, carne, pesce?
Le linee guida mondiali riconoscono l'essenzialità delle proteine animali perciò dobbiamo mangiarle. È pur vero che ne mangiamo troppe, ma mangiarne troppo poche o niente ci fa venire una malattia che si chiama sarcopenia e ne risentono muscoli, ossa e organi interni.

Nel capitolo "Come fare" lei suggerisce qualche ricetta per illustrare come preparare cibi sani e gustosi, come cucinarli e come abbinarli tra loro in modo salutarmente sicuro e allo stesso tempo gradevolmente appetitoso, non sembra essere difficile seguendo i suoi consigli. Addirittura vedo che include cibi come maionese, pane e cioccolato... Molto insolito in effetti, è una dieta adatta a tutti?
Le ricette contenute nel libro sono preparazioni modificate in modo da renderle più sane, concepite però con particolare attenzione a mantenerne inalterato o quasi il sapore. Si sono adatte a tutti.

Per concludere... quali consigli darebbe a chi, in vista dell'estate volesse perdere qualche chilo (5-6)?
Mangiare in modo sano, come descritto nel manuale, secondo i dettami della piramide alimentare e fare un dolce ma costante movimento.

Ringraziamo la dott.ssa Rosanna Bellanich per aver risposto esaurientemente alle nostre domande, non rimane che mettersi al lavoro seguendo i suoi preziosi consigli!

 

Acquista il libro su Amazon

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: psiconline dieta mediterranea Intervista bellanich

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Le parole della Psicologia

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni