Pubblicità

Gli astronauti mostrano cambiamenti nella sostanza bianca

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 279 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Cosi come gli astronauti si adattano all'assenza di gravità nello spazio, cosi anche i loro cervelli mutano in un processo simile all'invecchiamento ma più rapidamente.

astronaut news

I cambiamenti negli astronauti sono stati osservati nella sostanza bianca del cervello, la massa di cellule nervose che permette la comunicazione cerebrale, ricevendo ed inviando segnali dalle cellule cerebrali.

I ricercatori hanno anche scoperto che i cervelli degli astronauti mutavano coerentemente con i cambiamenti nei liquidi, trovati più generalmente entro il corpo. La forza di questi cambiamenti aumentava con il numero dei missioni che gli astronauti facevano, rispetto al numero totale di ore vissute nello spazio. Lo studio è stato pubblicato sul giornale "JAMA Neurology".

"I cambiamenti nella sostanza bianca degli astronauti erano principalmente nelle regioni che controllavano i movimenti e che processavano le informazioni sensoriali" ha spiegato Racheal Seidler, professoressa di fisiologia e kinesiologia applicata all'Università della Florida e co-autrice dello studio.

Quando il corpo dell'astronauta è senza gravità nell'orbita terrestre, i segnali usuali di gravità mancano, il che può altarare le informazioni normali del sistema sensoriale. Per esempio, il sistema vestibolare fornisce le persone di un senso di equilibrio e consapevolezza del proprio orientamento nello spazio.

"Una parte del sistema vestibolare dipende anche dalla gravità, perciò gli input vengono alterati. I cambiamenti nella sostanza bianca erano nella stessa direzione di quelli che osserviamo con l'invecchiamento e riflettono un deterioramento" ha spiegato la Seidler. Inoltre, questi cambiamenti per la microgravità succedono più velocemente rispetto ai cambiamenti dovuti al normale processo di invecchiamento nella Terra.

Gli astronauti con i cambiamenti più grandi nella sostanza bianca mostravano anche un equilibrio più deficitario dopo che la missione era terminata. Seidler ed i colleghi studiarono questi cambiamenti utilizzando immagini di risonanza magnetica per diffusione (dMRI), analizzando i risultati della NASA tra il 2010 ed il 2015.

Di 26 scansioni in dMRI degli astronauti ottenute dalla "Lifetime Surveillance of Astronaut Health" della NASA, 15 furoni scansionati sia prima che dopo le loro missioni. 7 astronauti su 15 completarono una missione sullo space shuttle nell'ultimo mese o meno, mentre 8 astronauti aveva finito una missione di lunga durata negli ultimi 200 giorni o meno alla "International Space Station". 3 astronaute erano donne e 12 erano uomini.

Pubblicità

In aggiunta, per mostrare i cambiamenti nella sostanza bianca, le scansioni dMRI rivelavano anche i movimenti dell'acqua libera nel cranio (l'acqua libera, anche detta "acqua gravitazionale", è l'acqua libera di muoversi in risposta alla gravità). "Noi abbiamo osservato un accumulo di "acqua gravitazionale" alla base del cervello per via del cambiamento di gravità durante una missione spaziale" ha spiegato la Seidler.

Questo cambiamento nella distribuzione dell'acqua libera nel cervello è coerente con il combiamento totale dei fluidi nel cervello durante la microgravità, che è evidente osservando gli astronauti. C'è un aumento di liquidi nella metà superiore del corpo che risulta dalle visibili facce gonfie e dalle gambe più sottili dei membri del gruppo di astronauti.

I più grandi cambiamenti sono stati osservati negli astronauti con maggiore esperienza. Ma questo cambiamento non è semplicemente dovuto al numero di missioni fatte nello spazio dagli astronauti, ma invece dovuto alla quantità di tempo speso nello spazio.

"Noi abbiamo trovato qualche associazione col numero di tempo (in giorni) che gli astronauti hanno speso nello spazio. Questo suggerisce che la quantità di cambiamenti di gravità potrebbe essere un fattore importante" ha spiegato la Seidler.

La Seidler ed il suo team di ricerca sta analizzando dei dati aggiuntivi per osservare i cambiamenti nei cervelli degli astronauti 6 mesi dopo il loro ritorno sulla Terra, per valutare meglio l'impatto a lungo termine della gravità sul loro cervello.

In conclusione, la Seidler spera che la sua ricerca possa aiutare lo sviluppo di trattamenti per gli astronauti che ritornano sulla Terra. "Ci sono molte condizioni che influenzano il processamento delle informazioni dei sistemi somatosensoriali e vestibolare. Una migliore comprensione di come il cervello risponda a segnali sensoriali alterati potrebbe guidare nuovi e migliori interventi" ha concluso la Seidler.


Riferimenti Bibliografici:

  • Lee JK, Koppelmans V, Riascos RF, Hasan KM, Pasternak O, Mulavara AP, Bloomberg JJ, Seidler, RD, (2019): "Spaceflight-Associated Brain White Matter Microstructural Changes and Intracranial Fluid Redistribution" in "JAMA Neurology".

 

 

A cura del Dottor Claudio Manna

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: invecchiamento cervello sostanza bianca spazio equilibrio per saperne di più astronauti acqua gravitazionale dMRI

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Alloplastica

tendenza mentale a trasformare l'ambiente ed il prossimo. È un effetto della condotta che consiste in modificazioni esterne al soggetto, in opposizione a mod...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

News Letters

0
condivisioni