Pubblicità

I processi cognitivi sono influenzati da età e cultura

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 838 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Una ricerca dell'Università di Cambridge ha cercato di analizzare e comparare le capacità e i processi cognitivi di bambini e genitori provevienti da diverse aree geografiche del mondo.

I processi cognitivi sono influenzati da età e culturaUno studio innovativo, condotto dalle ricercatrici Michelle R. Ellefson e Claire Hughes dell’Università di Cambridge, ha analizzato le capacità cognitive di bambini e genitori, provenienti sia da Hong Kong, che dal Regno Unito.

La ricerca ha rilevato differenze culturali in abilità cognitive importanti tra i partecipanti adolescenti, ma non nei loro genitori.

I nostri risultati mostrano un contrasto importante tra gli adolescenti del Regno Unito e di Hong Kong, per quel che riguarda le funzioni esecutive, il quale potrebbe aiutare a comprendere le differenze sostanziali che emergono nel loro successo accademico”, ha spiegato la Dott. essa Ellefson. “Bisogna notare, tuttavia, che queste discrepanze non si estendono ai loro genitori. Ciò porta a chiedersi se esse possano affievolirsi nel tempo”.

I risultati sono pubblicati sulla rivista “Psychological Science”.

Lo studio sulle funzioni esecutive

La ricerca suggerisce che le funzioni esecutive, ovvero quelle capacità cognitive più elevate che usiamo per ragionare, pianificare ed adattarci velocemente alle circostanze, sono collegate con diversi risultati a lungo termine e sono formate da vari fattori, incluse le influenze genitoriali e culturali.

Pubblicità

Alla luce di questo, la Dott. essa Ellefson, la Dott. essa Hughes ed i loro colleghi hanno deciso di assumere un nuovo approccio per esaminare queste capacità, inserendo sia le prospettive evolutive, che quelle culturali, in un unico studio.

Pertanto, un totale di 1.428 bambini e genitori, provenienti da Hong Kong e Regno Unito, ha completato gli stessi quattro compiti, progettati per misurare le funzioni esecutive legate a inibizione, memoria di lavoro, cambio del compito e pianificazione.

I risultati dello studio

I risultati hanno rivelato che, in media, i bambini di Hong Kong avevano punteggi più alti rispetto ai coetanei del Regno Unito. Per esempio, il punteggio medio di una funzione esecutiva dei primi, con età di 10 anni, era quasi uguale a quello dei bambini inglesi di 12 anni.

Al contrario, tale differenza non è stata riscontrata tra i genitori dei due Paesi.

Quando i ricercatori hanno confrontato la prestazione tra le generazioni, hanno trovato che i genitori tendevano a rispondere in modo più accurato rispetto ai figli, ma impiegavano più tempo.
Questo spiegherebbe perché non ci sono differenze tra le due provenienze: costoro eviterebbero gli errori rallentando il tempo di risposta.

Infine, è emersa, indipendentemente dalla cultura di riferimento, una correlazione modesta, ma di valore, tra i punteggi dei genitori e dei bambini: era molto probabile che i figli di genitori, che avevano avuto una prestazione elevata, avessero lo stesso livello cognitivo.

Pubblicità

Considerazioni

Nel complesso, la ricerca evidenzia i benefici del combinare più prospettive teoriche in un unico studio, il quale permette di osservare le somiglianze e le differenze tra le culture e tra i gruppi di età.

“I nostri risultati indicano che i contrasti culturali possono variare, nella natura, così come nella portata, nei diversi stadi della vita”, hanno concluso le ricercatrici. “Lo studio dimostra, inoltre, che gli psicologi dell’età evolutiva devono uscire dai ‘bunker dell’età’ per studiare gli argomenti con una prospettiva più ampia”.

 

 

Fonte: Psychological Science

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: apprendimento infanzia processi cognitivi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters

0
condivisioni