Pubblicità

Analgesia durante gli episodi di sonnambulismo

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 3264 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il primo studio a concentrarsi sul dolore provato durante il sonnambulismo.

SonnambulismoUn nuovo studio sul sonnambulismo ha trovato un interessante paradosso: sebbene i sonnambuli hanno un aumentato rischio di avere mal di testa ed emicranie durante la veglia, durante gli episodi di sonnambulismo è improbabile che sentano dolore, anche quando subiscono un infortunio.

Dopo aver controllato le potenziali variabili confondenti, come l'insonnia e la depressione, i risultati dello studio mostrano che i sonnambuli hanno mostrato una probabilità quasi 4 volte maggiore,rispetto ai soggetti del gruppo di controllo,di riferire un episodio di mal di testa e 10 volte maggiore di avere emicrania.

Tra i sonnambuli che hanno esperito almeno un episodio di sonnambulismo con infortunio, il 79% sostiene di non aver percepito dolore durante l'episodio rimanendo addormentati nonostante si fossero fatti male.

"Il nostro risultato più sorprendente è stata la mancanza di percezione del dolore durante gli episodi di sonnambulismo ", ha detto il ricercatore principale dottor Regis Lopez, psichiatra e specialista di medicina del sonno presso l'Ospedale Gui-de-Chauliac a Montpellier, Francia . " Riportiamo qui , per la prima volta , un fenomeno di analgesia associato con il sonnambulismo".

Lopez e colleghi hanno condotto uno studio trasversale su 100 soggetti di controllo sani e 100 pazienti con diagnosi di sonnambulismo, tra cui 55 uomini e 45 donne. I sonnambuli avevano un'età media di 30 anni. Segnalazioni di dolore durante il giorno sono state rilevate da un medico e attraverso questionari di autovalutazione, in cui si indicavano la frequenza e la durata dei mal di testa e le caratteristiche di tali cefalee.

Quarantasette sonnambuli hanno riferito di aver sperimentato almeno un episodio di sonnambulismo pregiudizievole. Solo 10 di loro hanno affermato di essersi  svegliati immediatamente a causa del dolore; gli altri 37 non hanno percepito alcun dolore durante l'episodio , ma sentivano dolore più tardi nella notte o al mattino.

Alcuni pazienti hanno riportato ferite e fratture anche gravi a causa degli episodi di sonnambulismo, ma sostenevano di non essersi svegliati e di non aver avvertito dolore fino al risveglio.
 
"I nostri risultati possono aiutare a comprendere i meccanismi degli episodi di sonnambulismo", ha affermato Lopez . "Ipotizziamo che uno stato dissociato di eccitazione possa modificare i componenti del comportamento sonno-veglia, la coscienza e anche la percezione del dolore".


Tratto da Science Daily


(Traduzione e addattamento a cura della Dottoressa Sara D’Annibale)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: dolore sonnambulismo ferite infortunio mal di testa emicania cefalee analgesia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

News Letters

0
condivisioni