Pubblicità

Il gruppo esiste grazie ai suoi simboli

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 831 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (8 Voti)

Su cosa si fonda l’appartenenza ad un gruppo? Secondo un nuovo studio sarebbero i simboli a determinarne non solo l’identità ma anche le caratteristiche e le relazioni.

il gruppo e i suoi simboliLe organizzazioni hanno i loghi, le squadre hanno le mascotte, gli Stati hanno le bandiere e gli inni nazionali. Ma su cosa si fonda l’appartenenza ad un gruppo?

Come viene visto un gruppo dai suoi membri e, soprattutto, da chi non vi appartiene? Secondo un nuovo studio, sarebbero proprio i simboli a determinarne non solo l’identità, ma anche le caratteristiche e le relazioni.

In una serie di esperimenti, le psicologhe Shannon Callahan ed Alison Ledgerwood, dell’Università della California a Davis, hanno trovato che loghi, bandiere ed altri simboli di gruppo facevano sì che individui diversi apparissero più uniti, validi e minacciosi agli estranei.

Questi effetti appartenevano anche a quei gruppi, i cui membri sembravano avere poco in comune.

In una prima serie di test online, infatti, le ricercatrici hanno chiesto ai partecipanti di valutare una serie di gruppi diversi (a volte immaginari, a volte reali) in base a quanto essi sembrassero uniti, organizzati, competenti, minacciosi ed amichevoli.
Come già emerso in una ricerca passata, i gruppi i cui membri sembravano più simili gli uni con gli altri in apparenza, erano considerati i più uniti.

Parte della ragione per cui le persone tendono a vedere un gruppo politico o una squadra come un’entità reale, unita e potenzialmente minacciosa, potrebbe essere perché hanno questi simboli di gruppo”, ha spiegato Ledgerwood.

Inoltre, le studiose hanno chiesto agli studenti universitari di valutare gruppi del mondo reale in base alla competenza ed alla cordialità percepite, poi ne hanno selezionato otto (atei, operai, conservatori, ebrei, nativi americani, persone obese, immigranti e disabili) ed hanno detto loro di indicare quanto ogni gruppo sembrasse unito, esperto ed amichevole.
I risultati hanno indicato che avere un simbolo faceva apparire tutti i gruppi più coesi e competenti, ma anche meno cordiali.

Pubblicità

Una seconda serie di esperimenti suggeriva che le persone sapevano, a livello intuitivo, anche quando e come usare i simboli di gruppo per raggiungere l’impressione desiderata. Infatti, i partecipanti dello studio tendevano a scegliere di mostrare una bandiera o un logo, quando volevano che il loro Stato o gruppo sembrasse unito e minaccioso, mentre adottavano azioni gentili, come portare del cibo o altri regali, quando miravano alla collaborazione.

I risultati di questo studio appaiono estremamente importanti per guidare le organizzazioni e gli altri gruppi a decidere se adottare un simbolo.

Potrebbe dipendere da quali sono i loro obiettivi”, ha detto Ledgerwood. “Se vogliono sembrare veramente competenti e coordinati, dovrebbero avere un logo. Ma se il loro obiettivo è sembrare inclusivi, cooperativi ed aperti agli estranei, un logo potrebbe essere controproducente”.

Gli studi, infatti, evidenziano anche quali rischi comporta l’adozione di simboli: polarizzano le persone, rendono i gruppi più monolitici di quello che sono e fanno aumentare i conflitti noi-contro-loro.

Quando pensiamo ai gruppi come entità unite, perdiamo di vista gli individui e non vediamo ciascuno di essi nella sua diversità. Questo può realmente ostacolare la cooperazione”, ha detto Ledgerwood. “Ogni lato vede l’altro lato come unito e minaccioso, così devono essere uniti e minacciosi a loro volta. Se una nazione vuole avere un dialogo produttivo, per esempio, questo potrebbe essere davvero difficile quando tutti continuano ad ostentare i propri simboli”.




Fonte: PsyPost.org

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: gruppo loghi

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Articolo 1 - Codice Deontologi…

Iniziamo il lungo viaggio fra gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani con il commento all'articolo 1, a cura di Catello Parmentola e di El...

Le parole della Psicologia

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters

0
condivisioni