Pubblicità

La nascita: l'emozione del primo incontro e l'inizio di un viaggio

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 1306 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Dopo la nascita, la conoscenza intima del primo incontro madre-bambino serve a porre le basi di quel legame comunicativo che sarà fondamentale per comprendersi nei primi giorni di vita.

La nascita. lemozione del primo incontro e linizio di un viaggioIl primo incontro è intenso, emozionante, confuso, incerto, concitato. Il primo sguardo, riconoscersi in un attimo come due espressioni, testimoni di un unico atto generativo: riconoscere se stesso nell’odore dell’altro, riconoscere il proprio respiro nel respiro dell’altro, ritrovare in quel tono di voce tutto il sapore di un mondo conosciuto, nello stupore di un nuovo mondo di cui si entra a far parte.

E dopo le lacrime, la fatica, lo sgomento, l’emozione, inizia una lunga strada di scoperta e conoscenza reciproca, perché, nonostante la fusione sperimentata per nove mesi, i due attori protagonisti del grande film della vita sono comunque due individui con due personalità distinte.

La gravidanza sicuramente dà l’avvio ad una conoscenza profonda tra madre e figlio, il feto inizia nel grembo a cogliere i primi segnali olfattivi che gli consentiranno di riconoscere l’odore della sua mamma fra tante; scopre le emozioni che vive la sua mamma ed il modo in cui esse si esprimono in lei attraverso le variazioni del ritmo cardiaco.

E questa conoscenza intima serve a porre le basi di quel legame comunicativo che sarà fondamentale per comprendersi nei primi giorni di vita.

L’alchimia che tante donne sperimentano quando riescono ad interpretare i pianti e i vocalizzi dei loro bambini; un’alchimia che è il prodotto di quel continuo scambio di informazioni sul piano non verbale che permettono ad entrambi  di riconoscersi dal primo momento.

E dopo l’emozione del primo incontro tutto è una scoperta! La scoperta tra due individui che sono parte uno dell’altro, ma che ad una parte comune aggiungono ognuno la propria personalità, unica ed irripetibile. Una personalità, quella del bambino, che deve potersi esprimere secondo le proprie caratteristiche, ambizioni e potenzialità.

Durante tutta la crescita mamma, e papà, devono impegnarsi nella scoperta di tutte le caratteristiche dell’individualità del proprio figlio e gioire nel facilitarne l’espressione. I genitori accompagnano i  figli durante il suo sviluppo, fornendo i binari entro cui viaggiare in tranquillità e sicurezza, fornendo il supporto quando il percorso subisce piccole deviazioni; ma non devono mai incrociare i propri binari, le proprie aspirazioni tradite, con quelle dei figli, potrebbero fuorviarne il viaggio.

E il bello di questo viaggio è scoprire giorno dopo giorno le potenzialità del proprio figlio, riconoscere in lui alcuni tratti familiari ma vederne anche tanti altri che sono solo suoi, che lo rendono un individuo unico ed irripetibile. Esiste un viaggio più emozionante, avvincente, misterioso, di quello che ha inizio con la nascita?

 

Dott.ssa Amati Maria, psicologa e psicoterapeuta familiare

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: madre bambino nascita

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La cronicità di una depression…

Arianna, 46 anni     Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di di...

Attacchi di Panico (1575078292…

helga, 48 anni     Soffro di attacchi di panico incontrollabili, ansia incontrollabile e angoscia crescente e costante. Paura incontrollabile...

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni