Pubblicità

Stesso psicoterapeuta contemporaneamente per il singolo e per la coppia?

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 929 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Essere seguiti da un bravo psicoterapeuta porta a pensare di voler affrontare con lui anche i problemi e le difficoltà del proprio rapporto di coppia. Ecco le 3 ragioni principali per le quali il vostro psicoterapeuta non dovrebbe essere anche quello della coppia.

Lo stesso psicoterapeuta per il singolo e per la coppiaLa vostra relazione è provata e volete il miglior psicoterapeuta possibile ad assistervi. Perciò, vorreste chiedere aiuto proprio a quel professionista che vi conosce meglio – il vostro psicoterapeuta personale – affinchè assista voi ed il partner nell’affrontare i problemi nella relazione.

Non fatelo! Ciò comporterà solo dei problemi! Potrebbe sembrare una grande idea, ma, in realtà, è la ricetta per un disastro.

Qui di seguito vengono spiegate le tre ragioni principali, per le quali non dovreste usare lo psicoterapeuta che vi segue a livello personale anche per la psicoterapia di coppia.

1. Lo psicoterapeuta deve essere imparziale.

Non importa quanto possa essere imparziale uno psicoterapeuta: è probabile che il vostro partner crederà che lui o lei vi favorisca. Pensateci!

Per mesi, o anni, avete condiviso i vostri pensieri e sentimenti più profondi con questa persona.

Pubblicità

Dopo aver affrontato una seduta comune difficile, sarà probabile che userete il tempo della sessione privata per condividere e ribadire la vostra versione della storia. È comprensibile che il vostro compagno pensi che voi e lo psicoterapeuta siate d’accordo.

Perché ci sia una vera guarigione, dovete sentire entrambi che il professionista che vi segue è neutrale e che supporta entrambi allo stesso modo.

2. La vostra relazione viene prima

Quando i terapeuti lavorano con le coppie, “la relazione” diventa il cliente.

La psicoterapia di coppia esamina come le azioni di entrambi influenzino la salute del vostro legame. È vero che con essa potete esplorare chi siete come individui, al fine di apportare importanza, onestà e passione alla vostra relazione, ma questo non è il posto per un lavoro individuale, che vada in profondità.

Potrebbe essere stimolante focalizzare l’attenzione sui punti in cui c’è bisogno, quando alternate alcune sessioni incentrate su di voi come parte della coppia ed altre sulla vostra crescita personale.

E, di nuovo, torna il problema affrontato nel punto precedente: se vi piacciono le vostre sessioni personali, tenetevi questo psicoterapeuta per voi e trovatene un altro per la coppia.

3. Crescete insieme come coppia

Lo psicoterapeuta di coppia vi chiederà di fare una serie di cose. Se egli è nuovo per entrambi, voi ed il vostro partner dovreste essere più propensi a dare un’opportunità alle sue proposte.

Egli, ad esempio, potrebbe farvi immedesimare in situazioni difficili ed identificare situazioni alternative. Vi eserciterete ad interagire con un linguaggio più supportivo e meno biasimante.

Un’altra tecnica, potrebbe essere quella di discutere della propria giornata l’uno con l’altra, seguendo degli argomenti guida, come, ad esempio, nel “PAIRS’ Daily Temperature Reading”:

  • Apprezzamento: citate qualcosa che l’altro ha fatto per voi e ringraziatelo. Esempio: “Apprezzo che tu abbia preparato il mio piatto preferito per cena”.
  • Informazioni nuove: condividete qualcosa di nuovo che vi è successo durante il girono. Esempio: “Ho rivisto un amico del college oggi”. Oppure: “Ho fatto una vendita importane a lavoro questo pomeriggio”.
  • Perplessità: fate domande su ciò che non capite. Questo aiuta entrambi a prevenire di fare assunzioni errate. Esempio: “Mi sto chiedendo perché i Johnson si stanno trasferendo?”. Oppure “Perché mi hai detto di non invitare gli Smith alla nostra festa?”.
    Pubblicità
  • Problemi e consigli: condividete i sentimenti riguardo un problema che volete cambiare. Esempio: “Mi sento così a disagio quando torno a casa e trovo le tue scarpe vicino la porta. Se ti piace lasciare le tue scarpe lì, posso comprare un cesto decorato e ce le puoi mettere dentro”.
  • Speranze, desideri e sogni: condividete un desiderio che avete per la vostra vita futura insieme. Può essere semplice e realistico oppure selvaggio e pazzo. Esempio: “Perché non salpiamo insieme intorno al mondo?”. Oppure: “Mi piacerebbe ballare con te al matrimonio di nostra figlia!”.

Mantenere vivo l’amore nella vostra relazione è importante.

Quindi, cercate uno psicoterapeuta che sia nuovo per entrambi. Il vostro potrebbe suggerirvi qualcuno. E date alla vostra relazione un’opportunità reale per un nuovo inizio.

 

Fonte: PsychCentral.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: psicoterapia relazione psicoterapeuta psicoterapia di coppia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

News Letters

0
condivisioni