Pubblicità

Ti spaventano gli omosessuali? Forse inconsciamente ti attraggono!

0
condivisioni

on . Postato in Sessuologia | Letto 2046 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Una recente ricerca effettuata in Svizzera mostra che le attitudini negative verso gli omosessuali spesso sono correlate con l’attrazione inconscia verso immagini che li ritraggono.

Ti spaventano gli omosessualiI risultati di una ricerca pubblicata su “The Journal of Sexual Medicine” suggeriscono che può esserci una discrepanza tra le attrazioni impulsive inconsce e gli atteggiamenti consci che riguardano la sessualità.

Secondo i ricercatori ed i risultati presentati, studenti maschi del college che hanno manifestato delle attitudini negative nei confronti degli uomini gay mostrano invece una inclinazione inconscia verso le immagini di persone omosessuali.

Nello studio, infatti, i soggetti che mostrano attitudini negative verso le persone gay, rivelano poi un interesse maggiore nei confronti delle attività omosessuali rispetto a coloro che, al contrario, non mostrano questi comportamenti oppositivi.

Il Dr. Boris Cheval, della University of Geneva, in Svizzera, ha commentato questi risultati, spiegando che, ad oggi, è difficile dire quanto sia grande il ruolo che l’attrazione repressa verso gli individui dello stesso sesso gioca nella formazione degli atteggiamenti negativi contro i gay.

Già uno studio precedente aveva trovato, tramite la misurazione dell’erezione del pene, che circa la metà degli uomini che manifestavano delle concezioni negative nei confronti dei gay, si eccitavano, a livello sessuale, quando venivano loro mostrati dei video erotici in cui erano coinvolte persone omosessuali.

Tuttavia, penso che siano necessari altri studi per valutare in modo corretto l’importanza di questa attrazione negata”, ha osservato il Dr. Cheval.

 

Lo studio

I partecipanti allo studio, 38 studenti maschi eterosessuali della University of Geneva, completarono dapprima un questionario per valutare le loro attitudini verso gli uomini gay.

Pubblicità

In seguito, i ricercatori hanno fatto completare ai partecipanti un test computerizzato, conosciuto come “Prova del manichino”, costruito per misurare la loro tendenza impulsiva inconscia verso le immagini omosessuali. Il test richiedeva che essi muovessero, sul computer, una piccola immagine di una figura umana nella stessa direzione o in quella opposta, rispetto ad uno stimolo specifico al centro dello schermo. In particolare, questi stimoli erano costituiti da immagini di coppie omosessuali o eterosessuali.

I partecipanti, successivamente, sono stati sottoposti ad un’altra prova in cui dovevano visionare 20 foto di coppie omosessuali ed eterosessuali che dovevano essere valutate su una scala a 9 punti, da “molto spiacevole” a “molto piacevole”. Durante questa parte dell’esperimento, però, ai soggetti venne fatta indossare l’attrezzatura per effettuare le misurazioni tramite eye-tracking, al fine di valutare, con precisione, per quanto tempo essi guardavano ciascuna fotografia.

Il Dr. Cheval ed i suoi colleghi hanno trovato che gli uomini che avevano atteggiamenti negativi contro i gay si soffermavano per più tempo a guardare le fotografie delle coppie omosessuali, piuttosto che quelle delle persone eterosessuali, ma solo quando avevano una tendenza impulsiva alta verso le immagini omosessuali.

Dall’altra parte gli uomini che non avevano concezioni negative sui gay non guardavano le fotografie delle coppie omosessuali per più tempo rispetto a quelle eterosessuali.

I risultati sul tempo di visione delle fotografie permettono di capire perché alcuni (ma non tutti) gli uomini, che dimostravano di essere omofobici, avevano un interesse sessuale per gli individui dello stesso sesso”, hanno concluso i ricercatori. “Questo studio fornisce una comprensione migliore dei processi psicologici coinvolti nell’elaborazione del materiale erotico gay, da parte di persone che manifestano un alto livello di omofobia, e fornisce una previsione più accurata dei comportamenti sessuali correlati”.

 

Fonte: PsyPost.org

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: gay omosessualità rapporto tra omosessualità e eterosessualità

0
condivisioni

Guarda anche...

Ricerche e Contributi

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale intensa, fantasie, impulsi sessuali o...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

News Letters

0
condivisioni