Pubblicità

Anna Freud (1895 - 1982)

0
condivisioni

on . Postato in Le biografie dei grandi della psicologia | Letto 2288 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Anna Freud ha fatto molto più che vivere nell'ombra di suo padre. Divenne una delle più importanti psicoanaliste del mondo ed è riconosciuta come la fondatrice della psicoanalisi infantile, nonostante il fatto che suo padre suggerisse spesso che i bambini non potevano essere psicoanalizzati.

gli autori della psicologia anna freudAnna Freud nacque a Vienna nel 1895, sesta e ultima figlia di Sigmund Freud e Martha Bernays.

Fin dalla prima infanzia, non andò d'accordo con sua madre ed espresse sempre gelosia nei confronti della sorella maggiore. Ammirava molto suo padre e già a 14 anni mostrava un reale interesse per la psicoanalisi.

Nel 1917, iniziò a lavorare come insegnante di scuola elementare, una vocazione che amava coltivare, ma che fu interrotta quando contrasse la tubercolosi.

Durante la sua prolungata guarigione, lesse gli scritti del padre e dei suoi colleghi, che galvanizzarono la sua determinazione a diventare una psicoanalista.

Ha intrapreso la sua analisi con il padre, un evento non insolito a quel tempo. Continuò a studiare la letteratura psicoanalitica e iniziò a lavorare con i pazienti.

Divenne membro della Società Psicoanalitica di Vienna nel 1922, in seguito alla presentazione del suo saggio “Beating Fantasies and Daydreams”, iniziando a lavorare come psicoanalista infantile.

Nel 1923 a suo padre fu diagnosticato un cancro e queste fece precipitare Anna nello sconforto, assumendosi una responsabilità inaspettata nell'Istituto psicoanalitico di Vienna.

Nel 1925 divenne segretaria dell'Associazione Internazionale di Psicoanalisi, divenendo in seguito Presidente onorario nel 1973 fino alla sua morte nel 1982.

Pubblicità

Anna Freud pubblicò nel 1927 “Introduzione alla tecnica dell'analisi infantile”, al quale seguì un invito a presentarlo l'anno successivo a Londra.

Fu fortemente criticata da Melanie Klein e dai suoi colleghi e divenne chiaro che entrambe le donne avevano punti di vista molto diversi riguardo alla teoria e alla pratica della psicoanalisi infantile.

Nel 1936, pubblicò il suo primo libro importante “L'Io e i meccanismi di difesa”, ritornando così ad ampliare notevolmente le idee esistenti sulle difese.

Discusse attraverso la descrizioni di vari meccanismi di difesa su come l'Io tenta di proteggersi dal pericolo derivante sia dall'interno che dall'esterno, soprattutto per proteggersi dall'essere impotentemente sopraffatto.

Questo libro fu accolto molto bene dalla Società psicoanalitica tanto da restare un testo di riferimento anche oggi. Nel 1937 aprì la scuola materna Jackson a Vienna per bambini che erano stati deprivati dalle cure materne.

Chiusa nel 1938 a causa dell'arrivo dei nazisti, i Freud fuggirono dall'Austria per trasferirsi a Londra. Nel 1941, Anna Freud, insieme alla sua collega Dorothy Burlingham, aprì un'altra scuola, occupandosi di neonati e bambini piccoli, separati dalle loro famiglie a causa della guerra.

In questo contesto, la Freud richiedeva al personale di scrivere osservazioni dettagliate sul comportamento quotidiano dei bambini.

Queste osservazioni venivano discusse ogni sera insieme alla collega Burlingham e la loro comprensione divenne fondamentale per aiutare a perfezionare l'intuizione nello sviluppo normale e patologico del bambino.

Queste osservazioni gettarono le basi per due affascinanti pubblicazioni intitolate “Bambini in tempo di guerra” (1942) e “Bambini senza famiglia” (1944).

Con la creazione del corso e della clinica terapeutica per bambini nel 1959, Anna Freud perseguì un triplice obiettivo. Fornire formazione nel contesto della psicoanalisi infantile, creare una clinica per bambini e adolescenti e sviluppare un settore di ricerca.

Questo favorì un vivace luogo di apprendimento, ulteriormente rafforzato dallo sviluppo di collaborazioni con la Univerisity College di Londra.

La clinica di Hampstead è stata ribattezzata Anna Freud Center dopo la sua morte.

Pubblicità

Nella sua pubblicazione “Normalità e patologia nell'infanzia” del 1965, descrisse una teoria coerente che diede il giusto peso a tutte le fasi e le aree dello sviluppo di un bambino dall'infanzia all'adolescenza.

La sua teoria ha permesso allo psicoanalista infantile di distinguere il materiale da diverse aree e livelli di sviluppo, e visualizzare la psicopatologia sullo sfondo del normale sviluppo, ottenendo così una comprensione equilibrata dei disturbi dell'infanzia.

Attraverso una serie di pubblicazioni, colloqui e seminari specifici, Anna Freud ha dimostrato una profonda dedizione a condividere la sua comprensione analitica con tutti coloro che lavoravano con bambini, in particolare insegnanti, genitori, infermieri, pediatri e avvocati.

Era una voce forte accanto a James e Joyce Robertson, John Bowlby e Isabel Menzies Lyth nello studio dell'impatto dell'ospedalizzazione e della separazione sui bambini piccoli.

Pertanto, il lavoro di Anna Freud, nonostante la sua coerente e incrollabile identificazione con il lavoro di suo padre, è chiaro che ha apportato contributi sostanziali e originali ad un mondo che, a quell'epoca, era ancora ai suoi albori.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: psicoanalisi anna freud

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

News Letters

0
condivisioni