Pubblicità

Esther Bick e la psicoanalisi infantile

0
condivisioni

on . Postato in Le biografie dei grandi della psicologia | Letto 1285 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Il contributo più noto di Esther Bick alla psicoanalisi riguarda il suo interesse per gli stati mentali infantili precoci, le relazioni tra i bambini e le cure primarie che la portarono ad elaborare concetti clinici che arricchiscono la comprensione psicoanalitica delle ansia e delle difese infantili.

Esther BickEsther Bick (Esteza Lifsza Wander) nacque da una famiglia ebrea ortodossa in Polonia.

La sua inusuale intelligenza ed energia le hanno permesso di continuare la sua formazione a Vienna, dove ha studiato con Charlotte Buhler e completato un dottorato.

Questo background nell'osservazione sistematica di bambini piccoli è stata molto importante nella sua successiva teorizzazione di una nuova forma di osservazione naturalistica dei bambini.

Giunse in Gran Bertagna come rifugiata poco prima della seconda guerra mondiale. Quasi tutta la sua famiglia morì nei campi di concentramento e la comunità psicoanalitica divenne gradualmente la sua famiglia sostitutiva.

Si stabilì a Manchester, lavorando negli asili di guerra, e iniziò un'analisi con Michael Balint. Ha completato la sua formazione psicoanalitica a Londra e poi ha iniziato una seconda analisi con Melanie Klein.

Nel 1948 fu invitata da John Bowlby a dirigere un corso di psicoterapia infantile presso la Tavistock Clinic, che era appena entrata a far parte del nuovo Servizio Sanitario Nazionale.

La formazione iniziò l'anno seguente e continuò a gestirla fino al 1960. Rimase un supervisore attivo di psicoterapeuti infantili in formazione negli anni successivi, oltre ad insegnare presso l'Istituto di psicoanalisi.

Contributo alla formazione psicoanalitica

Sebbene abbia lavorato per molti anni principalmente come analista nella pratica privata, l'influenza a lungo termine di Esther Bick è maggiormente visibile nel campo della formazione psicoanalitica.

La sua scoperta del potenziale dell'osservazione infantile, come ha definito il suo metodo, ha portato alla sua inclusione in un gran numero di formazioni psicoanalitiche in tutto il mondo.

In relazione allo sviluppo della psicoterapia infantile, la sua eredità è enorme. La formazione di psicoterapia infantile alla Tavistock Clinic è stata modellata dal suo originale adattamento dell'addestramento psicoanalitico per il lavoro con i bambini, gli adolescenti ed i loro genitori.

Pubblicità

La Bick ha posto molta importanza sull'osservazione del bambino nella propria casa, per un periodo di due anni, al fine di comprendere meglio quelle traiettorie evolutive in cui spesso poteva subentrare una componente o più componenti patologiche.

Esther Bick raccolse un gruppo di studenti insolitamente talentuosi nei primi anni della formazione della Tavistock Clinic tra cui Mary Boston, Martha Harris, Frances Tustin, Irma Picl, Isca Wittenburg ed Edna O'Shaugnessy.

La combinazione dell'insegnamento della Bick e la sua comprensione intuitiva del talento hanno ottenuto un grande successo. I suoi contributi alla psicoanalisi non sono adeguatamente rappresentati dai suoi pochi documenti pubblicati per due motivi.

Non era una scrittrice naturale, nonostante il fatto che i suoi due documenti più noti avessero uno status classico. Piuttosto il suo punto di forza era l'insegnamento.

La sua sensibilità immaginativa alle forme dell'esperienza infantile è stata vividamente comunicata attraverso il suo insegnamento sull'osservazione infantile ed il suo controllo clinico, in particolare in bambini particolarmente disturbati.

La sua mente acuta, l'amore e la comprensione di dettagli rilevanti, e la sua irrequietezza diretta, la rendevano un'insegnante straordinaria, a volte allarmante.

Poteva portare in vita l'esperienza psicosomatica di un bambino e le travolgenti ansie suscitate nei neo-genitori con memorabile eloquenza.

Trasmetteva una passione per l'indagine, in cui l'osservazione ravvicinata era lo strumento e la teoria doveva essere messa da parte. Le note dettagliate erano quindi l'essenza e la devozione al compito era prevista.

Pubblicità

Osservazione infantile e relazione precoce tra madre e figlio

Il primo dei suoi due articoli, ora ampiamente citato, è “Note sull'osservazione infantile nella formazione psicoanalitica”.

Questo testo mostra chiaramente il suo modello di osservazione infantile e la sua visione di quanto si possa imparare da esso - come osservare, la natura della prima ansia infantile, in particolare la paura del bambino di “cadere a pezzi”, l'impatto dell'ansia materna e depressione post-natale, ed il significato di buone capacità di osservazione per i futuri analisti di bambini.

Sottolineava la raccolta di dati nel tempo, la necessità di attendere che emergesse il significato e la responsabilità dell'osservatore di rispettare il proprio ruolo di discente e di comportarsi con tatto e affidabilità.

Il secondo è “L'esperienza della pelle nelle prime relazioni oggettuali” che espone la sua comprensione della funzione della pelle come contenitore primario.

La pelle può essere sentita per tenere insieme le parti del sé che non hanno ancora coerenza. Il contenimento materno è ciò che supporta la crescita della pelle psichica del bambino, e quando tale contenimento è difettoso, per qualsiasi motivo, il bambino può ricorrere a difese della “seconda pelle” che sono forme di protezione pseudo-indipendenti onnipotenti che usano la tensione muscolare per tenere il sé insieme e prevenire la disintegrazione.

Il bambino senza un senso di spazio interno crea collegamenti adesivi con il suo oggetto, attaccandosi alla superficie in assenza di accesso ad un oggetto tridimensionale.

Pubblicità

Le idee di Bick hanno preso forma contemporaneamente al lavoro di Bion su “Una teoria del pensiero, e queste due esplorazioni delle dimensioni emozionali e cognitive della prima relazione madre-bambino sono profondamente complementari.

La comprensione di Esther Bick delle forme primitive di onnipotenza e la sua delineazione dei fenomeni della “seconda pelle” si sono dimostrate particolarmente fertili per il lavoro con i bambini gravemente maltrattati e trascurati, così spesso indirizzati al trattamento e anche nella comprensione dei bambini nello spettro autistico.

Ciò ha reso il suo lavoro particolarmente importante per gli psicoterapeuti infantili che lavorano nelle cliniche.

L'oramai consolidato International Journal of Infant Observation testimonia l'ampiezza della sua influenza in corso e della sua evoluzione.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

Tags: psicoanalisi infanzia Esther Bick pelle

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - ‘trasferire’ presenta diverse declinazioni a seconda del contesto...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni