Pubblicità

Come argomentare con figlio ventitreenne (1576484559451)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 366 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto 2

 

FRA, 50 anni

domanda

 

 

Mio figlio23 enne, pur vivendo in casa, fa quello che vuole (per questo lo consideriamo ancora adolescente), non collaborando su nulla in casa, creando dissapori fra mio marito e me.
Da poco ha la ragazza e tutte le volte che crede, si ferma a dormire da lei avvisandoci con un sms.

Come potere argomentare con lui che non mi fa piacere? Anche alla luce del fatto che abbiamo anche un altro figlio 17enne che si sente autorizzato a seguire le orme fraterne e che, essendo cattolici praticanti (tutt'altro che bigotti!!), riteniamo non sia costruttivo un atteggiamento del genere sia in termini dell'avere "tutto subito", sia in termini di rispetto per la famiglia.
Abbiamo sempre provato a creare dialogo, ma la totale chiusura del ragazzo ha reso le cose sempre più difficili.

Grazie per l'attenzione.
Francesca

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

 

 

Cara Fra,
Suo figlio si trova a vivere forse il periodo della vita più complesso, in quanto durante l'adolescenza l’individuo si trova a dover affrontare cambiamenti fisiologici, morfologici e sessuali, cognitivi e sociali, che, come diretta conseguenza, condurranno ad una completa ristrutturazione della propria immagine. L’inizio dell’adolescenza è chiaramente scandito dalla maturazione puberale che avviene intorno agli 11-12 anni per le femmine e poco più tardi per i maschi. La sua conclusione invece non coincide con degli elementi di sviluppo precisi ma piuttosto è legato più da fattori di ordine sociale, come l’ingresso nel mondo del lavoro. Il ruolo rivestito dalla famiglia nelle dinamiche adolescenziali si è reso evidente soprattutto negli ultimi anni a causa delle mutate condizioni socio economiche che hanno prolungato la permanenza dei ragazzi nel nucleo familiare.

Come l‘esperienza di tanti genitori ci può mostrare, l‘adolescente solitamente non sembrerebbe accettare pacificamente i valori e i criteri-guida proposti dalla famiglia, ma non per questo si deve considerare il ruolo genitoriale inutile poiché è grazie al confronto con le idee dei genitori che l‘adolescente capisce chi è e cosa è importante per lui. L’atteggiamento educativo del genitore, infatti, è fondamentale per una serena conquista dell’identità ed è stato dimostrato che lo stile educativo in grado di consentire ciò è quello autorevole, cioè quello in cui il genitore esercita un giusto controllo sul figlio ponendo delle regole ben ferree ma, d'altra parte, ha con lui una relazione affettuosa e calorosa, gli fornisce spiegazioni riguardo alle proprie scelte educative e lo considera abbastanza maturo.

L‘atteggiamento più adeguato dei genitori per far fronte all‘adolescenza dei figli è dunque quello di "protezione flessibile", ossia un atteggiamento che consenta l‘emergere dei bisogni di autonomia e di differenziazione e, nel contempo, sia sensibile ai bisogni di dipendenza, protezione e appartenenza che, sebbene non sembrerebbe, ancora esistono nell‘adolescente. Questa flessibilità permette all‘adolescente che si sta sperimentando in diversi ruoli di fare ritorno nel nucleo familiare per confrontarsi, per elaborare le sue esperienze e per ricevere dai genitori dei criteri-guida che gli serviranno per orientare le sue scelte future.

Inoltre, un tema molto importante nell’adolescenza è quello dato alla sessualità: non vi è dubbio che le condizioni che favoriscono sviluppi psicologici positivi di fronte al fenomeno, sono costituite da ciò che sì definisce una vera educazione sessuale, vale a dire dall'assunzione di entrambi i genitori di sani atteggiamenti verso di essa.

Cordiali saluti,

dott.ssa Eleonora Mercadante

 

Pubblicato in data 31/01/2020

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Psicopatologia

Il Narcisismo materno

Secondo la recente letteratura il narcisismo materno presenterebbe sei facce diverse che possono essere indentificate nell’estroversione eccessiva, orientamento alla realizzazione, componenti...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola faccio f...

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

News Letters

0
condivisioni