Pubblicità

Ho bisogno di capire cosa non va (1507976167966)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 901 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

consulenza, le risposte dellespertoLiliane, 17

domanda

 

 

Salve sono una ragazza di 17 anni. Fino ad ora la mia vita non è mai stata tutta rose e fiori,specialmente dal punto di vista familiare, ma sono sempre riuscita a far quadrare tutto.

In questi ultimi tempi, sopratutto quest'anno, però ho incominciato a perdere interesse per tutto , avevo iniziato dormire molto più spesso, ho rischiato di perdere l'anno scolastico, piangere spesso...

Con l'arrivo dell'estate ho pensato che forse tutte queste cose si potevano sistemare pensando che forse ero io a prendere troppo seriamente le cose, cosi decisi di i scrivermi in palestra, di trovarmi degli hobby e farmi nuove amicizie, ma niente andò cosi l'unica cosa che sono riuscita a fare è recuperare la mia autostima.

In questo periodo sono confusa, tendo a isolarmi, non riesco a non arrabbiarsi , anche se mi ripeto che posso farcela spesso non ci credo davvero. Non ho l'appoggio dei miei perché con loro non posso parlare e nessuno mi ascolta veramente, cerco di essere il più positiva possibile ma non riesco nemmeno a mangiare...

In questi giorni stavo pensando di rivolgermi a qualcuno...Spero possiate darmi una risposta perché sono davvero disperata è tutto un delirio di sbalzi d'umore,confusione,inadeguatezza ,vi prego ditemi qualcosa ho solo 17 anni e non mi pare giusto soffrire cosi alla mia età.... La prego mi aiuti.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Cara Liliane,

l’adolescenza è il periodo di maggiore instabilità e le oscillazioni d’umore, soprattutto nelle prime fasi dell’adolescenza,  sono molto comuni nei ragazzi.

Dunque gli sbalzi d’umore non devono necessariamente diventare un motivo di preoccupazione, tuttavia il malessere non va trascurato perchè potrebbe sfociare in decisioni drammatiche.

Ciò che distingue un normale momento no da un più preoccupante mal di vivere è sicuramente la loro durata: se i sintomi che hai descritto, tra i quali il pianto e la mancanza di interesse, non sono momentanei ma si protraggono per mesi allora è il caso di chiedere un aiuto.

La tua idea di rivolgerti a qualcuno è molto sensata e se l’hai pensato, tanto più visto che solitamente i ragazzi della tua età non riconoscono di avere bisogno di un aiuto esterno, significa che è opportuno che tu lo faccia davvero.

I professionisti a cui potresti rivolgerti però necessitano di incontrare anche i tuoi genitori quindi dovresti prima parlarne con loro, o altrimenti, se proprio non te la senti di farlo, potresti provare a rivolgerti al Consultorio familiare più vicino dove puoi trovare degli esperti che sapranno sicuramente dirti cosa fare.

Un caro saluto

A cura della Dottoressa Eleonora Mercadante

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita amicizia adolescenza umore problemi familiari

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni