Pubblicità

Ho bisogno di capire cosa non va (1507976167966)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 975 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

consulenza, le risposte dellespertoLiliane, 17

domanda

 

 

Salve sono una ragazza di 17 anni. Fino ad ora la mia vita non è mai stata tutta rose e fiori,specialmente dal punto di vista familiare, ma sono sempre riuscita a far quadrare tutto.

In questi ultimi tempi, sopratutto quest'anno, però ho incominciato a perdere interesse per tutto , avevo iniziato dormire molto più spesso, ho rischiato di perdere l'anno scolastico, piangere spesso...

Con l'arrivo dell'estate ho pensato che forse tutte queste cose si potevano sistemare pensando che forse ero io a prendere troppo seriamente le cose, cosi decisi di i scrivermi in palestra, di trovarmi degli hobby e farmi nuove amicizie, ma niente andò cosi l'unica cosa che sono riuscita a fare è recuperare la mia autostima.

In questo periodo sono confusa, tendo a isolarmi, non riesco a non arrabbiarsi , anche se mi ripeto che posso farcela spesso non ci credo davvero. Non ho l'appoggio dei miei perché con loro non posso parlare e nessuno mi ascolta veramente, cerco di essere il più positiva possibile ma non riesco nemmeno a mangiare...

In questi giorni stavo pensando di rivolgermi a qualcuno...Spero possiate darmi una risposta perché sono davvero disperata è tutto un delirio di sbalzi d'umore,confusione,inadeguatezza ,vi prego ditemi qualcosa ho solo 17 anni e non mi pare giusto soffrire cosi alla mia età.... La prego mi aiuti.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Cara Liliane,

l’adolescenza è il periodo di maggiore instabilità e le oscillazioni d’umore, soprattutto nelle prime fasi dell’adolescenza,  sono molto comuni nei ragazzi.

Dunque gli sbalzi d’umore non devono necessariamente diventare un motivo di preoccupazione, tuttavia il malessere non va trascurato perchè potrebbe sfociare in decisioni drammatiche.

Ciò che distingue un normale momento no da un più preoccupante mal di vivere è sicuramente la loro durata: se i sintomi che hai descritto, tra i quali il pianto e la mancanza di interesse, non sono momentanei ma si protraggono per mesi allora è il caso di chiedere un aiuto.

La tua idea di rivolgerti a qualcuno è molto sensata e se l’hai pensato, tanto più visto che solitamente i ragazzi della tua età non riconoscono di avere bisogno di un aiuto esterno, significa che è opportuno che tu lo faccia davvero.

I professionisti a cui potresti rivolgerti però necessitano di incontrare anche i tuoi genitori quindi dovresti prima parlarne con loro, o altrimenti, se proprio non te la senti di farlo, potresti provare a rivolgerti al Consultorio familiare più vicino dove puoi trovare degli esperti che sapranno sicuramente dirti cosa fare.

Un caro saluto

A cura della Dottoressa Eleonora Mercadante

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita amicizia adolescenza umore problemi familiari

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

News Letters

0
condivisioni