Pubblicità

Non riesco a trovare un senso a tutto ciò (1454864391248)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 666 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoCristina, 18

 

D


Sono una ragazza di 18 anni e sono, da sempre, diversa dai miei coetanei.

Non riesco a divertirmi, principalmente perché non condivido l'attuale modo di divertirsi di quelli della mia età e, in secondo luogo, perché sono una persona molto razionale, penso troppo e ultimamente sono arrivata a chiedermi che senso abbia tutto ciò che ci circonda.

So che una risposta alla mia domanda non c'è perché siamo noi a dare alle cose il senso che più ci piace. Ma io non riesco a dare un mio senso alle cose. Non mi piace come funziona tutto quanto. Non mi piace il modo di esistere delle cose e delle persone. Non so nemmeno che senso abbia scrivere qui... forse per sentirmi un po' meno sola, forse solo perché ho bisogno dell'ennesima distrazione, forse per sfogarmi.

Sono sempre stata "distante" dalla realtà in cui vivo e mi sono sempre sentita diversa e più matura. Ultimamente mi sento anche più strana perché faccio pensieri assurdi, mi pongo delle domande alle quali non so dare delle risposte; mi sono sempre complicata la vita da sola, pur non avendo avuto una vita proprio semplicissima.

Non ho interessi. Non ho motivazioni. Non ho convizioni. Vivo giorno dopo giorno solo perché è inevitabile, ma mi trascino dietro un peso enorme che ogni giorno diventa sempre più grande e mi rende sempre più difficile la vita. E la cosa peggiore è che non penso che ci sia una soluzione a tutto ciò.

Ho provato tante volte a trovare delle motivazioni, a fare ciò che vorrei poter fare, ma non riesco ad essere costante. Mi sento priva di qualsiasi forza vitale certe volte.
Non sopporto tutto ciò che mi circonda e non sopporto le persone perché riescono ad ignorare tutto il male che c'è nel mondo, perché loro riescono a vivere la loro vita, mentre io no.

Come riescono a sorridere sapendo che c'è così tanta crudeltà e così tanta sofferenza nel mondo? Come fanno ad alzarsi la mattina, dove la trovano la forza di essere sempre attivi? Io a malapena riesco a fare quelle poche cose strettamente necessarie.

Io sono una persona abbastanza egoista, non mi importa degli altri, la mia non è empatia. La mia è semplicemente una constatazione del fatto che il mondo fa schifo. Le persone sono ipocrite e false.

Siamo circondati dal male. La nostra stessa essenza contiene il male. Lo abbiamo dentro, nel più profondo. E non potremmo mai essere totalmente e assolutamente buoni e giusti. Nessuno lo è. Eppure tutti convivono con ciò. Io non ci riesco più, mi va tutto troppo stretto.
Non so che fare.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R




Cara Cristina, da ciò che scrivi è evidente che non sei così egoista e non empatica come dici... il tuo malessere e il tuo senso di inadeguatezza in un mondo in cui non ti riconosci e non trovi stimoli denunciano la tua estrema sensibilità e capacità di riflettere, analizzando in profondità le situazioni.

Il fatto che tu non riesca ad adeguarti alla mediocrità da cui ti senti circondata e che riconosca il malessere che frena il tuo entusiasmo e la tua voglia di vivere e impegnarti è un segnale positivo, che ricorda a te stessa che sei viva dentro e non sei un automa... come tanti che vedi vivere insensibilmente accanto a te.. apparentemente ben adattati a un mondo che va per conto proprio...

Non devi aver paura di guardare a fondo dentro te stessa e trovare le ragioni profonde che ti spingono a cercare altro e non accontentarti. Quello che ora ti sembra un malessere, che ti fa sentire sola e diversa, se analizzato e sfruttato bene, potrà diventare il tuo punto di forza per emergere e trovare la tua strada in cui spiccare e dare il meglio di te.

Sarebbe utile approfondire la conoscenza di te stessa e delle tue reali potenzialità con la guida di un esperto che possa aiutarti in questa scoperta meravigliosa. Conoscendoti e amandoti imparerai a riconoscere anche i tuoi veri desideri e riscoprire le motivazioni autentiche che devono guidare la tua vita, facendoti sentire protagonista delle tue giornate e appassionata ad ogni attimo che vivi.

Ti sembra di non desiderare nè avere motivazioni o convinzioni perchè la tua vera essenza è soffocata da un malessere e un'insoddisfazione che inibiscono le tue potenzialità, ma, sotto la cenere, devi scoprire il tuo vero sè e portarlo alla luce... sentendoti orgogliosa del tuo essere diversa.... coraggio!
Scoprirai la bellezza di vivere e lottare per le proprie convinzioni... e anche per rendere migliore il mondo che non ti soddisfa.

 

(a cura della Dottoressa Sara Ingrosso)

 

Pubblicato in data 10/02/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: empatia potenzialità malessere sfogo coetanei peso interessi motivazioni convinzioni soluzione forza vitale egoista entusiasmo

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre problematiche, come gli attacchi di...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

News Letters

0
condivisioni