Pubblicità

Autostima? [161290462495]

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 138 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

domanda

 

 

Buonasera!

vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e personali, nonostante sia una donna indipendente, creativa, professionale e resiliente.

Vorrei cambiare questo aspetto,,,potete guidarmi?

Grazie e buon lavoro!

 

 

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

 

risposta

 


Buongiorno Agne.

Se considero la descrizione che dà di sé immagino anche che Lei possa essere una persona esigente con se stessa: essere indipendenti implica autonomia dal campo cioè la capacità di autodeterminarsi e autoregolarsi secondo proprie preferenze e fattori motivazionali; la creatività implica forza propulsiva generatrice, la professionalità disciplina, la resilienza autosufficienza.

A fronte di questa possibile trasversale natura esigente potrebbe avere un tratto perfezionsitico che la renderebbe poco tollerante a tutto ciò che vada ad inteferire con le sue caratteristiche. Tra i fattori interferenti ce ne sono alcuni prevedibili ma molti non prevedibili, le incognite, gli imprevisti. Non risucire a portare avanti i progetti personali e professionali potrebbe indicare non una mancata capacità, una non efficienza delle sue azioni, ma un tentativo strategico e inconsapevole di evitare quanto di incerto e non controllabile si possa frapporre tra Lei e i suoi obbiettivi.

E' possibile però che l'ideale perfezionsitico e la conseguente strategia evitante intervengano fin dall'inizio e non già in corso d'opera, impedendole di realizzare una chiara adesione al progetto o alla relazione nel timore di disagio interferente o di disattesa dell'esito desiderato. Questo può inficiare una concreta ed efficace pianificazione dei progetti, compresa la previsione di possibili "Piani B" in caso che il piano A trovi ostacoli ( sebbene lei di definisca resiliente..e dico sebbene perchè pur essendo resiliente potrebbe essere più intollerante alle deviazioni di percorso di quanto sia in realtà resiliente), e boicottare il reale senso della sua motivazione iniziale (non il raggiungimento del compito che si prefigura ma il fatto che il percorso per raggiungerlo non devii da come lo intenderebbe percorrere).

Questa possibile eventuale intolleranza può essere ridefinita anche come bassa tolleranza alla frustrazione (che stonerebbe sempre col tratto resiliente e che prevede invece perseveranza e buona tolleranza alla frustrazione). La bassa tolleranza alla frustrazione è un tratto generalemenete della depressione, tant' è che molti stati depressivi, sono compensati con un'iperattivismo che tiene sottosoglia la percezione degli stati depressivi.

Come potrei guidarla non conoscendola? ponendole alcune domande a cui Lei potrà tentare di dare una risposta.

Le sembra di riconoscere di aver viussuto esperienze non positive che abbiano avuto il senso di una perdita  personale (perdita di aspettaviva, di un progetto, di una promessa, di sentimento in cui credeva..)?

Può fare mente locale su quelle che sono state le prime immediate e successive sue reazioni?

Può fare una ricognizione delle esperienze dove Le è sembrato di avere resilienza e di non averne? (come definisce la resilienza?)

Cosa succederebbe se invece riuscisse a portare a termine i suoi progetti (indipendentemente dal fatto che gli esiti attendano o non attendano le sue aspettative)?

Come cambierebbe cioè la sua gionata? E' possibile che in passato abbia avuto esperienze di sentimenti di vuoto appena ha portato a termine qualcosa  a cui teneva?

Non posso aggiungere altro sulle indicazioni da darle perchè le informazioni che lascia sono poche.

Se però si riconosce in qualcuna di queste mie riflessioni, le potrebbe giovare sentrisi con uno psicologo. Non dovrebbe esserre, per come me lo immagino, un  percorso particolarmente lungo. Potrebbe essere indicata una terapia cognitivo comportamentale, ma può trarre beneficio anche da altri approcci terapeutici.

Un cordiale saluto

Liuva Capezzani

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: autostima le risposte dell' esperto;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Sessualità

La sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità: razionalità, affettivit...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

News Letters

0
condivisioni