Pubblicità

Lutto (1503667381809)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 584 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoNadine, 36

 

domanda

 

 

 

Sono 4 mesi che è mancato mio papà a 58 anni per un microcitoma che lo ha portato via in nove mesi. Io avevo con i miei genitori un legame particolare, e non accetto la sua scomparsa.

All'inizio c'è stato un rifiuto totale adesso è subentrata una non voglia di continuare a vivere così e nel frattempo la non voglia di migliorare.

Non ho più interesse per mio marito e mio figlio, litigo in continuo anche con mia madre, sono aggressiva con tutti. È come se nessuno riuscisse a capire il dolore per la perdita che ho subito. Ho rifiutato tutti gli aiuti che mi hanno voluto dare, ho provato con lo psichiatra con lo psicologo ma mi sono resa conto che nessuno mi può dare indietro ciò che ho perso e per questo niente ha un senso ..,..

Non accetterò mai di non poter vedere più mio papà come non accetterò mai la sua consapevolezza nei confronti della malattia .. Chi mi sta intorno è sono capace a dirmi che la vita continua e me ne devo fare una ragione... Solo chi ha provato può giudicare è facile parlare tanto per parlare ... e io non so più cosa fare se non chiudermi ulteriormente in me stessa.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

 

risposta

 

 

Salve Nadine,

si, è vero, nessuno può riuscire a capire il dolore per questa perdita così come può capirlo Lei.

Ognuno capisce la morte e vive il lutto a suo modo.

Anche chi è vicino a Lei vive un personale lutto rispetto alla recente perdita di questa figura importante quale era suo padre. Ognuno diversamente da Lei.
Il bello di appartenere ad una famiglia è lo scambio reciproco di sostegno proprio in queste situazioni critiche, e la sua richiesta d'aiuto invece sottolinea la sua esigenza di essere sostenuta.

La progressiva chiusura che descrive è una posizione adottata da qualcuno che si confina in se stesso perché, come un bambino, pensa che non può essere capace di sostenere ma ha solo bisogno di essere sostenuta. Ed è qui la differenza tra essere adulti ed essere bambini.

Sicuramente nel periodo immediatamente dopo la scomparsa di suo padre è comprensibile un periodo di regressione, ma la realtà inevitabilmente ci riporta a galla e ci pone di fronte il sostegno di cui ha bisogno sua madre, una moglie che non ha più un marito, suo marito che condivide la sua famiglia con Lei, e suo figlio che identifica il futuro della sua famiglia. La vita che continua, la vita che contiene in sé anche la morte come cosa normale.

Ciò che nella mente delle persone può accadere a volte è che quando la realtà ci sbatte la vita in faccia, non vogliamo essere svegliati. Ci sono cose non risolte, che con questa morte probabilmente non sono più facilmente recuperabili o risolvibili. Ed è questo il vero problema, l'assenza!

Ma l'assenza non si combatte assentandosi. L'assenza si può riempire con contenuti che raccontano una storia familiare migliore.

Ognuno di noi ha in sé una rappresentazione dei propri genitori, sono simboli, che possono arrivare a farci una buona compagnia e non farci sentire dell'assenza.

Dunque Nadine, è un argomento ed un lavoro molto difficile parlare della morte cercando di non finire nell'ovvio che non Le è d'aiuto, impegnandomi ho cercato di essere il più chiaro possibile. Ora o forse tra qualche tempo, quando si sentirà più pronta, Le consiglio con l'aiuto di un professionista, può cercare di fare un lavoro psicoterapeutico che La sostenga e la guidi attraverso la rielaborazione di ciò che la figura di suo padre ha rappresentato, rappresenta e rappresenterà in Lei in tutta la sua vita.

Cordialmente

A cura del Dottor Vito Leone

Pubblicato in data 30/08/2017

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita lutto

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

News Letters

0
condivisioni