Pubblicità

Ansia e pensieri fissi e insonnia (1463741519566)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 2723 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoStella, 34

 

D

 

 

Due anni fa in seguito alla chiusura della mia attività ho passato un brutto periodo accompagnato da degli stati di ansia per situazioni irrisolte che non avevo mai provato prima. Pensieri fissi e costanti che non riuscivo a scacciare, tristezza, a volte pianto, sensazione di pericolo infondato si accompagnavano a insonnia, bruciori allo stomaco, pesantezza al petto e a volte bruciori tipo scariche di adrenalina.

Credendo che fosse stress passeggero dovuto a quella specifica situazione ho aspettato che passasse da solo senza chiedere un aiuto specifico, nei momenti peggiori ho usato rimedi naturali che hanno attenuato il problema mentre per le aritmie mi sono stati prescritti dei betabloccanti che devo dire hanno fatto scomparire i sintomi più spaventosi.

Questa cosa mi ha tranquillizzato in più fortunatamente il tempo è passato e la situazione è rientrata ma ultimamente ho capito che da quando ho conosciuto l'ansia non sono più stata e non sarò mai più serena come prima.

Perchè l'ansia si era nascosta ma non se n'era andata davvero. Ho una bella famiglia ma come tantissimi della mia generazione pur avendo titoli e capacità sono sprovvista di una sicurezza lavorativa/economica che mi consenta di fare progetti per il futuro e questa cosa, accumulata al senso di colpa di aver già chiuso l'attività a cui tenevo, mi sta di nuovo buttando nello sconforto.

Ultimamente l'ansia si ripresenta meno intensa di prima ma più costante nel tempo, fa diventare anche la più piccola preoccupazione quotidiana un problema enorme, non mi fa dormire pur essendo stanchissima e mi tartassa con pensieri negativi incessanti, sempre più spesso non solo anticipatori ma del tutto immotivati, oltre a farmi rimuginare su tutte le decisioni prese e su ipotetici errori mi fa avere paura delle conseguenze del passato che potrebbero verificarsi in un fututo già incerto.

Voi che ne pensate della mia situazione? Vorrei non aver mai conosciuto queste sensazioni, devo eliminarle dalla mia vita, so di essere ancora in tempo per gestire questa situazione prima che sfoci nel panico e nella paura vera, qual'è il percorso giusto da intraprendere?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 

 

Gentile Stella,

purtroppo molta gente pensa che l’ansia sia gestibile con semplici rimedi fai da te, o prendendo psicofarmaci o betabloccanti per la tachicardia.. L’ansia va trattata con colloqui psicologici e tecniche di rilassamento adatte per la gestione e la cura.

Dall’ansia si guarisce come pure dagli attacchi di panico. Purtroppo gli eventi stressanti della vita possono provocare queste psicopatologie, però se prese in tempo e non cronicizzate, possono essere gestite e curate anche nel breve tempo.Un caro saluto.

Dott.ssa Ilaria Palumbo Potenza Psicologa

 

A Cura della Dottoressa Ilaria Palumbo Potenza

 

Pubblicato in data 21/06/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: tristezza ansia insonnia pensieri negativi colloquio psicologico tecniche di rilassamento pensieri fissi aritmie betabloccanti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

News Letters

0
condivisioni