Pubblicità

Ansia e pensieri fissi e insonnia (1463741519566)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 1697 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoStella, 34

 

D

 

 

Due anni fa in seguito alla chiusura della mia attività ho passato un brutto periodo accompagnato da degli stati di ansia per situazioni irrisolte che non avevo mai provato prima. Pensieri fissi e costanti che non riuscivo a scacciare, tristezza, a volte pianto, sensazione di pericolo infondato si accompagnavano a insonnia, bruciori allo stomaco, pesantezza al petto e a volte bruciori tipo scariche di adrenalina.

Credendo che fosse stress passeggero dovuto a quella specifica situazione ho aspettato che passasse da solo senza chiedere un aiuto specifico, nei momenti peggiori ho usato rimedi naturali che hanno attenuato il problema mentre per le aritmie mi sono stati prescritti dei betabloccanti che devo dire hanno fatto scomparire i sintomi più spaventosi.

Questa cosa mi ha tranquillizzato in più fortunatamente il tempo è passato e la situazione è rientrata ma ultimamente ho capito che da quando ho conosciuto l'ansia non sono più stata e non sarò mai più serena come prima.

Perchè l'ansia si era nascosta ma non se n'era andata davvero. Ho una bella famiglia ma come tantissimi della mia generazione pur avendo titoli e capacità sono sprovvista di una sicurezza lavorativa/economica che mi consenta di fare progetti per il futuro e questa cosa, accumulata al senso di colpa di aver già chiuso l'attività a cui tenevo, mi sta di nuovo buttando nello sconforto.

Ultimamente l'ansia si ripresenta meno intensa di prima ma più costante nel tempo, fa diventare anche la più piccola preoccupazione quotidiana un problema enorme, non mi fa dormire pur essendo stanchissima e mi tartassa con pensieri negativi incessanti, sempre più spesso non solo anticipatori ma del tutto immotivati, oltre a farmi rimuginare su tutte le decisioni prese e su ipotetici errori mi fa avere paura delle conseguenze del passato che potrebbero verificarsi in un fututo già incerto.

Voi che ne pensate della mia situazione? Vorrei non aver mai conosciuto queste sensazioni, devo eliminarle dalla mia vita, so di essere ancora in tempo per gestire questa situazione prima che sfoci nel panico e nella paura vera, qual'è il percorso giusto da intraprendere?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

 

 

Gentile Stella,

purtroppo molta gente pensa che l’ansia sia gestibile con semplici rimedi fai da te, o prendendo psicofarmaci o betabloccanti per la tachicardia.. L’ansia va trattata con colloqui psicologici e tecniche di rilassamento adatte per la gestione e la cura.

Dall’ansia si guarisce come pure dagli attacchi di panico. Purtroppo gli eventi stressanti della vita possono provocare queste psicopatologie, però se prese in tempo e non cronicizzate, possono essere gestite e curate anche nel breve tempo.Un caro saluto.

Dott.ssa Ilaria Palumbo Potenza Psicologa

 

A Cura della Dottoressa Ilaria Palumbo Potenza

 

Pubblicato in data 21/06/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: tristezza ansia insonnia pensieri negativi colloquio psicologico tecniche di rilassamento pensieri fissi aritmie betabloccanti

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti. Nel modello operativo del mondo...

News Letters

0
condivisioni