Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ansia ed attacchi di panico (1450290159674)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 773 volte

le risposte dellespertoNicla, 24

 

D




Sono una ragazza di 24 anni e da quando ho avuto la mia prima relazione non riesco più ad avere relazioni con altre persone.

Durante la mia unica relazione dopo i primi sei mesi trascorsi bene ho cominciato ad avere dubbi che sfociavano in attacchi di panico, pianti e depressione.
Da allora in poi ogniqualvolta inizio una relazione comincio ad avere dubbi e attacchi di panico e mi tiro indietro subito per paura di ripercorrere le stesse cose e star male di nuovo.
Come devo fare?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R




Cara Nicla,
L’attacco di panico consiste in un periodo di paura o disagio intensi, che raggiunge rapidamente l’apice e che si manifesta con una breve durata solitamente non superiore a dieci minuti. Di solito un attacco di panico arriva improvvisamente e si presenta apparentemente in assenza di un vero pericolo, anche se probabilmente un fattore scatenante di fondo è presente.

L’attacco di panico è un segnale che il corpo vuole mandarci per avvisarci che “qualcosa non va”. Non sono a conoscenza su cosa le stava succedendo in quel periodo di vita quando le si è presentato il primo attacco di panico, ma si potrebbe ipotizzare che stesse vivendo una situazione “stressante”. Questo periodo di vita difficile potrebbe essere stato provocato da problematiche legate alla relazione che stava vivendo in quel momento, oppure anche da cause indipendenti da ciò.

Lei sembrerebbe aver associato i dubbi che provava rispetto alla sua relazione con i sintomi presentati in quello stesso periodo e, dato ciò, ora, quando è sul punto di iniziare una nuova relazione, ha paura che i sintomi possano ricapitare. Preferisce quindi, piuttosto che nuovi dubbi le possano far riprovare gli attacchi di panico, evitare che la relazione continui.

Spesso infatti dopo il primo attacco di panico si innesca una paura persistente di avere un nuovo attacco di panico, detta “paura della paura”, e il rischio è quello di reagire evitando tutte le situazioni che possano attivarne un altro. Lo stesso avviene quando l'amore passato è fonte di sofferenza e, per paura di ritrovarsi nella stessa situazione, si evita di legarsi nuovamente a qualcuno. Nel suo caso però, più che evitare di soffrire per amore, si vuole evitare il ripresentarsi dei sintomi di cui ha sofferto.

Per quanto riguarda invece la presenza di pianti e depressione, a volte può succedere che, come conseguenza agli attacchi di panico, si possano sviluppare sintomi che fanno parte dei disturbi dell’umore, uno stato chiamato “demoralizzazione secondaria”. Tuttavia è consigliabile che il problema venga affrontato in modo più approfondito da un professionista in quanto l’attacco di panico, senza opportuni trattamenti, può ripresentarsi e cristallizzarsi, diventando uno sgradevole “compagno di vita”, mentre, se adeguatamente trattato, può portare ad una remissione dei sintomi in circa il 90% dei casi.
Per qualsiasi altro dubbio rimango a sua disposizione.

Cordiali saluti,
Dottoressa Mercadante Eleonora

 

(a cura della Dottoressa Eleonora Mercadante)

 

Pubblicato in data 22/12/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione ansia paura attacchi di panico relazione disagio, Dubbi pianti sintomi sofferenza pericolo situazione stressante

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

News Letters