Pubblicità

Attacchi di panico/ansia (1459459279344)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 695 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoMary, 25

 

D

 

 

Buongiorno, voglio provare a chiederle un consiglio. Sono una ragazza di 25 anni, abito con i miei genitori e da poco sono disoccupata. Da quando ho perso il lavoro il buio. Ho frequenti attacchi di panico/ansia che mi stanno condizionando la vita.

Ho sempre sofferto di questi attacchi, adesso sono diventati ingestibili. Ho sempre dolore al petto, nausea, dolori alle braccia, bruciore di stomaco, tremolio, vampate di calore, mal di testa con fitte e bruciori, stanchezza... Potrei elencarne fino a stasera.

Il mio medico stamattina mi ha consigliato di andare dallo psichiatra per farmi prescrivere una cura. Io non voglio andarci sono contro a psicofarmaci! Mi ha anche prescritto dello xanax che non ho mai preso in vita mia! Cosa dovrei fare? Grazie mille

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

 

 

Carissima Mary,

le sensazioni fisiche che descrivi comunicano in modo puntuale lo stato di ansia e di  panico che affermi di provare. Nel complesso fornisci poche informazioni rispetto alla condizione di ansia che era comunque già presente prima che si verificasse la perdita del lavoro ma che ora sembra diventata ingestibile.

La perdita del lavoro è un evento che certamente determina uno stato di ansia e di  incertezza e amplificando i nostri stati emotivi può accrescere un disagio già presente.

Credo che un colloquio con uno psicoterapeuta potrebbe aiutarti ad esplorare le cause del tuo stato di ansia e indicarti la strategia più efficace per imparare a gestirla, nell’ottica del raggiungimento di uno stato di benessere psicofisico.

L’acquisizione di uno stato di maggiore serenità è senz’altro importante per  affrontare la ricostruzione della propria dimensione lavorativa. Tieni presente che è fondamentale fare sempre riferimento a professionisti abilitati e  iscritti all’Albo. Puoi  rivolgerti a quelli della tua regione di appartenenza.

La ricostruzione della propria dimensione lavorativa è un lavoro arduo e impegnativo ma potresti provare a vederla come una sfida che va ad arricchire il tuo bagaglio personale ed esperienziale.

Un caro augurio per la riconquista della tua serenità personale e lavorativa.
Dott.ssa Arianna Grazzini

 

(A cura della Dottoressa Arianna Grazzini)

 

Pubblicato in data 14/04/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: ansia panico psicoterapia supporto psicologico nausea perdita lavoro dolore al petto xanax

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni