Pubblicità

Consulto psicofarmaci urgente (1473940200860)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 598 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAndrea, 36

 

D

 

 

Salve ho 36 anni e soffro di ansia e depressione.prendo farmaci da quando avevo 15 annni dopo la morte di mia nonna.Lo psichiatra lunedi mi ha cambiato terapia e mi ha dato una pasticca di fluoxetina la mattina e la sera una pasticca di mirtazapina 10 goccie di valium perche non dormivo la notte.

Da giovedi mi sono sentito male attacchi d'ansia fortissimi quasi di panico .sentendo il mio psichiatra abbiamo sospeso su mia forte richiesta la fluoxetina che gia avevo preso e mi aveva dato gli stessi problemi l'ultima pasticca la ho presa sabato scorso e sto continuando colla mirtazapina e il valium.

Da domenica mi è presa una fortissima diarrea colite e gli attacchi d'ansia continuano. volevo chiedere se secondo voi può dipendere dall'interruzione della fluoxetina o può essere anche la mirtazapina a causare diarrea colite e attacchi d'ansia fortissimi?

Nel caso fosse stato solo il prozac ne ho preso 5 pasticche da 20 mg da lunedi 5 settembrea sabato 10 e poi interrotto quanto rimarrannno questi effetti? quanto ci mette il corpo x smaltirlo? insomma riassumendo ho fatto una terapia con 2 farmaci nuovi fluoxetina e mirtazapina e ho avuto 2 effetti collaterali attacchi d'ansia fortissimi e colite con diarrea secondo voi qual'è il farmaco che li ha provocati grazie mille.andrea

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

 

Caro Andrea,

i suoi interrogativi circa i possibili effetti collaterali degli psicofarmaci che assume troveranno una risposta esauriente rivolgendosi al suo psichiatra o al suo medico di riferimento i quali sapranno senz’altro fornirle una risposta adeguata al riguardo, chiarendo i suoi dubbi.

Lei afferma di fare utilizzo di psicofarmaci da quando aveva 15 anni. Dopo un periodo prolungato di assunzione è probabile che si possano creare alcune reazioni  nel momento in cui si smette la somministrazione di un tipo di farmaco e/o lo si sostituisce con un altro.

Le chiedo se in questi anni oltre alla terapia farmacologica che ha seguito con lo psichiatra per curare il suo stato di ansia e depressione abbia seguito nel contempo anche un percorso psicoterapico per affrontare il “nodo psicologico” del suo disagio (lei identifica nella morte di sua nonna l’evento a partire dal quale ha iniziato la terapia farmacologica).

Esplorare le radici del suo stato di ansia e di depressione con il sostegno di uno psicoterapeuta potrebbe aiutarla a focalizzare quali sono gli elementi che l’hanno condotta allo stato di disagio e a fare maggiore chiarezza in se stesso. Un percorso psicoterapico potrebbe essere dunque un valido strumento da affiancare alla terapia farmacologica al fine di organizzare e potenziare le sue risorse personali attivando la strategia più efficace per una positiva gestione e risoluzione del suo stato di disagio.

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 

Pubblicato in data 24/10/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione ansia psicoterapia attacchi di panico malessere profondo psicofarmaci

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters

0
condivisioni