Pubblicità

Paura dell'impegno o ansia da relazione (1453220915174)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 2350 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoRosy, 27

 

D


Ho bisogno d'aiuto, non ce la faccio più a sopportare questa situazione, non riesco a capire perchè tutte le volte che inizio a sentirmi con una persona inizialmente va bene ma quando le cose potrebbero diventare veramente serie inizio ad avere forti attacchi d'ansia e di panico.

Mi assalgono una paura e un'ansia che crescono man mano che la relazione va avanti e che l’aspettativa di un impegno si fa sempre più grande.
Provo un conflitto interiore tra il desiderio di una relazione seria e quello di mantenere la mia individualità e libertà.

Puntualmente tendo a mollare e rovinare tutto, soprattutto se vengo pressata dagli altri, affinché prenda questo impegno; il panico mi porta a terminare la relazione. Ho bisogno di parlarne con qualcuno che non mi giudichi ma che mi aiuti a capire cosa devo fare, come posso sconfiggere questi sentimenti.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

 


Cara Rosy, da quanto scrive sembrerebbe che i pericoli da cui cerca di difendersi (l’ansia e il panico costituiscono forti campanelli d’allarme!) siano la perdita della sua individualità e libertà.
Inoltre il suo riferimento alla pressione di altre persone affinché “prenda l’impegno” e il suo dichiarato bisogno di parlare con qualcuno che non la giudichi, sembrerebbe denotare un conteso relazionale che è fonte di ulteriore rischio per la libertà di decidere serenamente.

Rispetto a alla sua percezione di pericolosità di una relazione seria, reagisce con un comportamento che in psicologia viene definito di “evitamento”, teso cioè a non esporsi a una situazione ritenuta pericolosa. La conseguenza dell’evitamento è, purtroppo, il rafforzamento della convinzione di pericolosità (ancorché ingiustificata), e quindi la reiterazione dell’evitamento.

Probabilmente occorrerà indagare sul perché lei, a priori, concepisce una relazione “impegnativa” come non rispettosa della sua individualità e libertà.  Dovrà anche essere acquisita la  consapevolezza che si ha sempre la possibilità di interrompere una relazione che non ci stia bene, anche se è diventata “impegnativa”.

Tuttavia, data la presenza di una severa sintomatologia ansiosa e il verificarsi di attacchi di panico, è quanto mai opportuno un consulto psicoterapeutico (spesso il primo colloquio è gratuito).

La saluto cordialmente.

 

(a cura del Dottor Giovanni Madeddu)

 

Pubblicato in data 25/01/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: ansia paura attacchi di panico bisogno aiuto impegno evitamento ansia da relazione individualità libertà pericolosità sintomatologia consulto psicoterapeutico

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

News Letters

0
condivisioni