Pubblicità

sbalzi d' umore, ansia e pianti (1462609799714)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 1441 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoLorenzo, 33

 

D

  

 

Salve, sono un ragazzo di 33 anni da un po di tempo non riesco a trovare una mia serenità' interiore mi sento solo, stanco e non realizzato, lavoro da sette anni in un call center servizio clienti un lavoro che non da stimoli ne soddisfazioni ma solo un grande stress tra turni sballati e obbiettivi da raggiungere.

A settembre sono andato a vivere da solo pensando che questa novità' e responsabilità' avrebbe colmato questo senso di vuoto sentendomi quanto meno in parte realizzato, il risultato?

Mi sento ancora più' solo. ho pochissimi amici molti dei quali sposati o impegnati per cose proprie e sembra sempre che debba cercare io la loro compagnia non ho mai visto qualcuno in autonomia che mi inviti a vederci per un caffè o 4 chiacchiere forse perché' sono una persona poco interessante?

Non lo so.. ho una relazione con un ragazzo più' giovane di me da 3 anni ma anche qui molti bassi no riesco a vedere un futuro con questa persona attualmente studia vive dai suoi e non è molto autonomo e questo ha fatto si che nel corso dei mesi io sia diventato nei suoi confronti freddo e scostante con molte liti anche per sciocchezze.

Inoltre non riesco a buttarmi il passato alle spalle ho vissuto all eta' di 19 una relazione con un ragazzo di 30 durata ben 5 anni finita perché lui mi tradiva, sono stato con altre persone ma non riesco a dimenticare quella storia nonostante il male che mi e' stato fatto continuo a pensare a quella persona come l'unica che poteva far parte della mia vita e del mio futuro e da allora sono passati ben 10 anni.

Vorrei poter cambiare un po di cose ma non so cosa e come fare mi sento in trappola mi sveglio alcune mattine con ansia poi crollo in pianti ho bisogno di aiuto..

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 

 


Gentile Lorenzo, la sensazione di sentirsi irrealizzato sembra dipenda da diversi fattori come un lavoro poco gratificante, pochi amici, e una relazione sentimentale poco stimolante.

Per quanto riguarda il lavoro, forse avrebbe preferito fare un tipo di lavoro diverso, più gratificante, in modo da farla sentire più attivo e realizzato.

Lo stesso penso riguarda la sua storia attuale con questo ragazzo più giovane di lei. Avendo vissuto una storia intensa precedente a quella che sta vivendo, lei forse cerca una storia simile.

Però ovviamente ogni storia è diversa da un’altra. Molto probabilmente questa persona non è la persona che cerca per farla stare veramente bene. Il fatto che questo ragazzo non sia libero, autonomo e che vive ancora dai suoi, penso che lei lo veda come un figlio da accudire e non un uomo con il quale condividere la propria vita.

Invece per la questione sociale inerente alle amicizie, magari se lei avesse modo di frequentare posti più affollati tipo una palestra, o comunque un ambiente abbastanza frequentato che le permettesse di allargare le amicizie, potrebbe essere un modo non solo per appunto farsi degli amici, ma anche di sentirsi meno solo.

Le consiglio quindi di rivolgersi ad uno psicologo, il quale saprà aiutarla a superare queste situazioni e a ripristinare il suo benessere. Un saluto


Dott.ssa Ilaria Palumbo Potenza

Psicologa

 

A cura della Dottoressa Ilaria Palumbo Potenza

 

Pubblicato in data 30/05/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: solitudine stress Dubbi supporto psicologico sbalzi d'umore mancanza di soddisfazioni relazione insoddisfacente ritrovare il benessere

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Gerusalemme

La Sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa di impulsi religiosi ed espressioni visionarie, da parte di visitatori della città di Gerusa...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters

0
condivisioni