Pubblicità

Ansia sociale e depressione (1535113376975)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 515 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoGIAN FRANCESCO, 29

domanda

 

 

Buongiorno, sto passando il momento più complicato della mia vita, le situazioni negative sono più di una, e tutte stanno secondo il rispettivo peso contribuendo al mio stato obiettivamente depressivo.

Sto assumendo farmaci antidepressivi prescritti dallo psichiatra di fiducia. La causa del mio malessere è ben nota e nel tempo l'ho sempre nascosta.

Riuscivo a metterla in secondo piano grazie agli obiettivi da inseguire. Adesso che quegli obiettivi rischiano di scomparire del tutto, mi trovo solo contro la mia fobia sociale.
Crescendo sono migliorato, infatti non si presenta nella sua forma più grave, però è indubbio che la sua presenza condizioni molto negativamente la mia vita. Da tempo sto frequentando una psicologa ma (per colpa mia) abbiamo tergiversato molto sul tema.

Mi chiedo se sia meglio cercare un nuovo psicologo specializzato in questioni del genere. Potreste consigliarmi?

Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Caro Gian Francesco,

la forte autoconsapevolezza del suo stato interiore espressa nella sua lettera rappresenta una risorsa molto preziosa nel favorire l’evoluzione di un percorso terapeutico; percorso che lei sta attualmente seguendo sia con la terapia farmacologica prescritta da uno psichiatra sia attraverso i colloqui con una collega psicologa .

Rispetto al condizionamento che una forma di fobia sociale esercita nella sua vita, afferma che con la crescita è migliorato in quanto tale fobia non si presenta più nella sua forma più grave: tale percezione rappresenta a mio avviso la consapevolezza del percorso che ha compiuto ad oggi ed è espressione della sua volontà di progredire ulteriormente.

Lei ritiene tuttavia che la presenza di tale fobia possa avere tuttora un ruolo di primo piano ed essere condizionante rispetto ai suoi obiettivi personali che corrono il rischio di scomparire. A mio avviso può essere ora utile porre il focus sugli obiettivi esplorando la sfera delle motivazioni. Porsi delle domande quali: perchè tali obiettivi rischiano di scomparire?

E’ necessario attivare nuove strategie per il loro perseguimento? Si potrebbe rimodulare il vecchio obiettivo oppure è il caso di procedere a definirne uno nuovo? Un lavoro di questo tipo può essere funzionale ad una riattivazione della leva motivazionale e alla mobilitazione delle sue risorse personali verso il perseguimento dell’obiettivo stesso.

Quello che mi sento di suggerirle è di ampliare i canali comunicativi confrontandosi con la sua psicologa (anche alla luce dei suoi attuali interrogativi se proseguire o meno il percorso terapeutico già intrapreso) al fine di prendere una decisione con piena consapevolezza e dopo aver fatto un’analisi accurata del percorso svolto ed eventualmente ridefinirlo.

Partendo dal presupposto che qualunque percorso terapeutico non è mai lineare, si conceda tutto il tempo di cui ha bisogno per chiarire i suoi interrogativi, una volta che avrà fatto questo passaggio comunicativo e di scambio/confronto sarà probabilmente più facile prendere una decisione circa la modalità che ritiene possa essere più efficace per proseguire la sua terapia.

Qualunque decisione prenderà, credo sia importante guardare avanti con la consapevolezza di quello che si è riusciti a fare e facendo nel contempo tesoro dell’esperienza fatta.

Cari auguri per un pieno superamento.

 

Pubblicato il 12/09/2018

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione consulenza online gratuita

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters

0
condivisioni