Pubblicità

Depressione e stanchezza cronica (1464866931281)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 1203 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAndryAnto , 23

D

 Salve sono Andrea, vengo da Brescia e ho 23 anni.Da almeno 5 anni soffro di malessere continuo.


Ho sintomi molto vaghi, si và dalla depressione resistente, stanchezza cronica(tutto il giorno mi sento stanco, privo di energia, anche se tutta la notte dormo bene) angoscia, senso di irrealtà, grossa confusione in testa, testa vuota (come se avessi pochi pensieri, come se il mio cervello si fosse bloccato,ho pochi ricordi, poca immaginazione,poca fantasia, come se non mi arrivasse sangue al cervello, sì,come se avessi accumulato così tanti batteri, energie negative in testa che non mi fanno arrivare ossigeno), almeno questi sono alcuni dei miei sintomi, poi mi sento spossato ma allo stesso tempo irrequieto, intontito, senso di ovattamento delle percezioni, come se avessi la testa chiusa dentro una palla di vetro e tutto mi sembrasse ovattato.

L'ottundimento che provo è stato provocato penso da un evento traumatico(ossia quando verso la fine del 2012,dopo alcuni mesi in cui ho provato forti mal di stomaco e dopo aver fatto vari esami e cure, ho pensato di avere una malattia cronica che mi avrebbe limitato nella vita e quindi ho iniziato ad avere pensieri spiacevoli, a provare brutte emozioni: rabbia, agitazione, irrequietezza, molta paura, l'impulso di suicidarmi e questo penso mi possa aver traumatizzato nel senso di avermi spaventato molto, soprattutto l'idea del suicidio e tutto ciò mi ha portato quindi ad avere certi sintomi molto fastidiosi oltre gli stati d'animo angoscianti e depressivi).

Adesso quindi provo anche una riduzione della reattività verso il mondo esterno come una sorta di "paralisi psichica" o "anestesia emozionale"; provo una marcata riduzione dell’interesse e della partecipazione ad attività precedentemente piacevoli, sensazione di distacco ed estraneità nei confronti delle altre persone, marcata riduzione della capacità di provare emozioni,molta diminuzione delle prospettive future.

Io non so più cosa fare, sono stufo di lamentarmi,di spendere soldi inutilmente; da più di 2 anni sono in cura da una psichiatra del Centro Psico-sociale di Brescia con dei farmaci.

Io desidero prendere in mano la mia vita, di smettere a pensare al suicidio perché non riesco a sopportare tutto ciò, ma sapermi gestire.... cavolo ci sarà qualcosa da fare per liberarmi, per far sì che non sono sempre in balia di queste emozioni,energie, stati d'animo che si ripetono ogni giorno come se non le avessi elaborate bene, capite, trasformate, accettate, boh e che quindi fanno stare male anche nel corpo...


Devo farcela cavolo, io voglio stare bene, più sereno,trovare energia positiva, forza interiore, vitalità che mi permetta di vivere, di costruire pian piano la mia vita: trovare un lavoro che possa farmi staccare dalla mia famiglia, libero di imparare nuove cose, di essere più creativo, di vedere me stesso e la vita con un altro spirito, con un altra mente, scoprire delle risorse in me, magari trovare una ragazza, fare una famiglia, avere degli amici con cui avere buone relazioni, questo mi viene da scrivere al momento... e la domanda è la solita.. siccome mi trovo in un buio totale:" da che parte iniziare per liberarmi dal male, dalla stanchezza cronica, iniziando quindi a VIVERE?
Vi ringrazio


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

R

 

Gentile AndryAnto,

da quanto scrive, sembra si sia fatta una diagnosi piuttosto precisa: il problema ora è individuare la terapia corretta. Il suggerimento che mi sento di darle è di rivolgersi ad uno psicoterapeuta da scegliere con molta cura.

Attraverso una terapia adeguata potrebbe individuare i motivi profondi del suo disagio e risolvere i nodi che le rendono difficile avere una vita soddisfacente.

Il professionista al quale rivolgersi dovrebbe in primo luogo essere iscritto all'ordine degli psicologi della sua regione, potrebbe privilegiare chi offre il primo colloquio gratuito, in modo da consultare più psicoterapeuti e rendersi conto con chi si sente più in sintonia (transfert positivo), e poi iniziare un percorso che oltre a fornirle strumenti per capire alla radice i motivi del suo disagio l'aiuti ad orientarsi nel mondo del lavoro.
Augurandole ogni bene, la saluto.

 

(A cura della dottoressa Susanna Bertini)

 

 

Pubblicato in data 08/07/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: angoscia cervello senso di irrealtà stanchezza cronica anestesia emozionale"

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

News Letters

0
condivisioni