Pubblicità

Depressione generata da una serie di cause (1508321743997)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 832 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

depressioneTartina88, 29

domanda

 

 

Gentili dottori,

cercherò di spiegare brevemente la mia situazione. Ho 29 anni e pochi mesi fa mi sono sposata.

Fino al matrimonio e nei due mesi appena successivi non ho avuto particolari problemi. Da quando mio marito a Settembre ha iniziato a lavorare e ha ripreso ritmi di vita normali, io mi sento depressa perchè passo molto tempo a casa da sola e nonostante lo cerchi, non trovo lavoro.

Ho lasciato un lavoro che odiavo, da precaria, 3 mesi prima del matrimonio perchè mi sentivo male ogni mattina solo al pensiero di dovermi alzare dal letto per andarci e credevo che risolto quel problema sarei stata meglio e mi sarei sentita più libera.

Invece, la catastrofe.

Mio marito è una persona meravigliosa, cerca di starmi vicino e di non farmi sentire inutile, prova a spronarmi ad uscire di casa dicendomi di fare qualche corso di formazione, volontariato o attività sportiva ma io sono restìa ad avere contatti con le altre persone.

Quando lui esce di casa al mattino presto, io mi rimetto a dormire sul divano. Poi mi sveglio dopo 1-2 ore e inizio a guardare serie tv su Netflix. A volte devo uscire a fare la spesa e faccio uno sforzo immenso per lavarmi, vestirmi e uscire e non vedo l'ora di rientrare a casa per potermi mettere il pigiama e fare la mia faccia da funerale.

Lui quando faccio così mi dice ce sto buttando la mia vita comportandomi in quel modo, così quando lui è in casa cerco di non stare davanti alla tv, non farmi vedere triste e cerco escamotage per fingere di stare bene. Non vedo l'ora di andare a dormire la sera per finire la farsa e ricominciare la mattina dopo. Con lui la relazione è sempre stata ottima, parliamo di tutto e ci siamo sposati dopo 6 anni insieme. Come coppia siamo felici, io sono felice che lui abbia un lavoro stabile e sono felice di averlo sposato.

Il problema è che mi sento inutile, in colpa, odio me stessa e a volte ho la sensazione, che cerco di zittire, che vorrei solo morire.

Sono apatica, asociale, paranoica, ipocondriaca, la notte dormo male. Credo di aver bisogno di aiuto ma non voglio farmi aiutare. Non voglio vedere psicologi e non voglio le medicine, in passato per altri problemi ho cercato aiuto ma ho trovato professionisti scorretti che invece di aiutarmi mi hanno rovinata.

Come posso uscirne?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 


risposta

 

 

Gentile signora,

Da quanto scrive la sua situazione è proprio difficile.  Concorrono al suo disagio aspetti individuali e sociali .

Credo che sia indispensabile rivolgersi ad un professionista esperto e serio. Per individuarlo dovrebbe consultare l albo degli psicologi della sua regione e magari scegliere chi offre il primo colloquio gratuito, in modo da consultare più di uno e poi affidarsi a quella quello con il quale si sente più a suo agio e riesce a comunicare meglio.

Augurandole ogni bene, la saluto.


Pubblicato l' 11/01/2018


A cura della Dottoressa Susanna Bertini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione consulenza online gratuita matrimonio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Sonnofilia

La sonnofilia, o sindrome della "bella addormentata", è una parafilia caratterizzata dall'eccitazione stimolata attraverso carezze o altri metodi, esclusi strum...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

News Letters

0
condivisioni