Pubblicità

La noia può portare alla depressione? (1496085328748)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 5024 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara, 29le risposte dellesperto

 

 

 

 

 

 

 

domanda

 

 

Salve,

sono una ragazza di 29 anni e da qualche anno a questa parte mi rendo conto di essere annoiata dalla vita.

Tutto quello che prima poteva stuzzicare il mio interesse (o che avrei potuto definire "una passione") ormai mi annoia. Leggere un libro, guardare una serie TV, doppiare per divertimento, uscire con gli amici (ridotti a zero, sia le uscite che gli amici) tutto ormai mi demotiva.

Vivo trascinandomi da una parte all'altra quando sono obbligata a farlo, come per il lavoro, ed evitando qualsiasi altra cosa non necessaria alla sopravvivenza. Certe volte trovo conforto nel sonno, la sera è il mio momento preferito perché so che per qualche ora posso smettere di esistere.

Questo mi fa sentire in colpa verso chi ha tanta voglia di vivere davvero (e non di sopravvivere) ma la guerra, la malattia o l'ingiustizia glielo vietano. Il sentirmi una fallita in ogni campo non mi aiuta. Non sono ricca, non ho un lavoro stabile, non sono bella ma sicuramente sono fortunata rispetto a chi un motivo vero per stare così come sto io ce l'ha.

Eppure sono apatica. Mi vergogno a parlarne con chicchessia perché io stessa penso di fare del vittimismo visto che tragedie gravi per stare così non ne ho subite. Può la noia di vivere portare alla depressione? Oppure è la depressione a portare ad essere annoiati dalla vita?

Mi sento inutile e tanto stanca..

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Cara Sara,

sulla base del suo racconto e dell’ atteggiamento generale di noia e demotivazione che afferma di aver maturato verso la vita, inizierei ad attivare delle riflessioni partendo da alcune specifiche parole che lei ha utilizzato e sulle quali credo sia utile indirizzare la sua attenzione: “uscire con gli amici (ridotti a zero, sia le uscite che gli amici) tutto ormai mi demotiva”.

La riduzione a zero delle uscite e degli amici è una conseguenza del suo stato di noia oppure una causa? Si è dunque ritirata dalla vita sociale a seguito del senso di noia e demotivazione oppure ha deciso di isolarsi a causa di difficoltà o delusioni che può avere incontrato nella gestione dei rapporti interpersonali?

“ Il sentirmi una fallita in ogni campo non mi aiuta. Non sono ricca, non ho un lavoro stabile, non sono bella ma sicuramente sono fortunata rispetto a chi un motivo vero per stare così come sto io ce l'ha”.

Le chiedo di riflettere circa l’idea se, secondo lei, una persona è fallita se non è ricca, non è bella o non ha un lavoro stabile. Entrano in gioco dei meccanismi individuali di interpretazione delle cose, parametri  di riferimento con i quali ci si confronta e serie di aspettative che ci poniamo verso noi stessi e verso gli altri.

Ricchezza e bellezza sono dei modelli artificiali spesso enfatizzati dai social media molto distanti dalla realtà, rispetto ai quali alcune persone, in modo particolare giovani alla ricerca della propria identità, possono sviluppare un senso di inadeguatezza.

Un lavoro stabile purtroppo oggi in Italia risulta essere un obiettivo oggettivamente molto difficile da perseguire pertanto entrano in gioco dei fattori sociali ed economici complessi che mescolandosi con le variabili individuali possono accrescere le difficoltà con un impatto talvolta sulla propria autostima. Ad esempio auto-colpevolizzarsi perché non si ha un lavoro stabile non contestualizzando la situazione oggettiva complessa nella quale si inserisce il problema.

Le suggerirei dunque di iniziare una riflessione di questo tipo, utilizzando come punto di partenza la sua autoconsapevolezza e il suo porsi delle domande.

Uno psicologo potrebbe aiutarla ad esplorare i nuclei che sono alla base dello stato di disagio in un percorso finalizzato ad una giusta riappropriazione di interessi, motivazioni e patrimoni di significati che rendono davvero ricca la vita.

Cari auguri

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 

Pubblicato in data 09/06/2017

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione senso di colpa senso di fallimento inutilità noia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters

0
condivisioni