Pubblicità

prof (1460113955203)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 495 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoNunzia, 49

 

D
 

Vi scrivo per sapere se il vs servizio possa aiutare anche al contrario, mi spiego. Mia mamma ha 76 anni con il marito (leucemia), il nipote figlio del primo figlio (sclerosi multipla, io, seconda figlia con (sclerosi mulptipla).

Come carattere era una donna spiritosa, attuale, generosa. Oggi io vedo una donna naturalmente anestetizzata, gonfia, piena di acredine, nera..vi scrivo dopo che è venuta a trovarmi e per la seconda volta non mi ha chiesto nulla del nipotino adorato, mio figlio di 12 anni.

Io ho la fortunata presenza di mio marito e tutto è più leggero, un carattere positivo e possibilista. Mamma invece ha dovuto sempre contare tutto sulle sue spalle. Non vi chiamerà mai.

Non lo ammetterà mai ma se trova modo di parlare si sfoga e diventa un fiume in piena violento e disequilibrato e io non posso permettermi di fare da orecchio in quanto non ho le forze di esserle d ausilio purtroppo. Lei non si muoverà, non andrà.

Se una persona forte, psicologa capace di aprire un varco e indirizzarla solo dopo. Penso che sia un aiuto fortissimo. Ora è contro tutti specialmente noi. Mi addolora questo ma....non posso fare di più.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R



Gentile Nunzia,

le vicissitudini familiari hanno contribuito al cambiamento dei comportamenti e del modo di essere di sua madre.

Cercate di parlarle e di dirle che ha bisogno di elaborare le sue situazioni negative da uno psicologo, magari lei potrebbe convincersi che effettivamente ha bisogno di essere aiutata in qualche modo, visto che voi non avete le forze necessarie per poterla ascoltare e aiutare.

Cercate di farle capire che lei non può continuare a stare in questa situazione. Se non volete parlarci voi, fate provare ai nipoti a parlarle o al suo medico di base. Noi purtroppo non possiamo contattare i pazienti e convincerli a venire in terapia.

Sono i pazienti che devono capire di aver bisogno di andare da uno psicologo e quindi chiederci aiuto. Un saluto.


Dott.ssa Ilaria Palumbo Potenza
Psicologa

 

(A cura della Dottoressa Ilaria Palumbo Potenza)

 

Pubblicato in data 04/05/2016

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: depressione cambiamento disagio, aiuto supporto psicologico consapevolezza malattie organiche madre anestetizzata sfogarsi

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

News Letters

0
condivisioni