Pubblicità

Sospetta depressione (145003873691)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 634 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoLuigi, 43

 

D


Gentili Dottori,
Credo di essere malato di depressione.

Non ho mai avuto un umore allegro e spensierato, ma questa volta mi sento proprio male e temo di aver bisogno di aiuto.
È iniziato tutto qualche mese fa, quando il mio partner ha deciso di interrompere la nostra relazione che durava da ormai sei anni. Mi sono sentito abbandonato, perso, senza la possibilità di risalire. Dopo aver tentato invano di ricucire, per circa un mese, mi sono rassegnato all'evidenza: era tutto finito.

Ho incontrato qualcun altro: più adulto di me, vive all'estero e ha addirittura una famiglia. Non so in quali termini condurremo questa relazione (ci separano diverse ore di viaggio, e lui per ragioni contingenti non ha molta libertà), che nessuno dei due ha cercato, che non mi aspettavo, che non desideravo, ma che vorrei che continuasse, perché mai sono stato meglio con nessun altro.

Tornando alla mia situazione mi rendo conto che c'è qualcosa che non va già da come la mia vita è cambiata: non faccio più le stesse cose, trascuro la casa, il lavoro, sono ingrassato e non faccio più attività fisica, è molto difficile anche dormire perché capita spesso che mi svegli di notte senza poi riuscire a riaddormentarmi (a volte mi batte forte il cuore e non riesco a calmarmi), sopraffatto da pensieri che riguardano la mia esperienza sentimentale passata, la mia relazione presente e le possibilità di sviluppo, e un corollario di pensieri economici, professionali, quindi pratici e contingenti che mi terrorizzano.

Spesso fantastico anche di farla finita, cerco di inventare un metodo indolore, oppure immagino di essere trovato quasi esanime da qualcuno e salvato in extremis. Piango spesso.

Questa la situazione che vivo, si è molto acuita negli ultimi giorni. Spero che possiate darmi qualche suggerimento, grazie della vostra attenzione.

Luigi

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R


Gentile Luigi, purtroppo la sua relazione precedente ormai terminata, ha innescato una forte paura di amare e sentirsi amato, proprio perché la fine di una storia importante, segna molto nella vita di una persona, tanto da scaturire un umore tendenzialmente basso.

C’è anche da dire però che la sua attuale relazione che lei definisce “non cercata”, “inaspettata”, sembra averla confusa di più in quanto, è pur vero che in questa relazione lei forse abbia trovato un modo per sentirsi desiderato, amato e che vorrebbe che continuasse magari anche per cercare di superare la fine della precedente relazione, ma è pur vero che molto probabilmente, ciò l’ha resa più vulnerabile, più insicuro, più pensieroso, portandolo anche a cambiare le sue abitudini e stile di vita.

Le consiglio di riflettere su cosa potrebbe essere più opportuno fare, tenendo conto di cosa lei vuole veramente, pensando al fatto anche che si tratta di una relazione a distanza, e magari di fare un percorso terapeutico per un maggior supporto personale e per ripristinare il suo benessere.
Un saluto.


(a cura della Dottoressa Ilaria Palumbo)

 

Pubblicato in data 05/01/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione piangere relazione partner aiuto pensieri

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

News Letters

0
condivisioni