Pubblicità

Dipendenza da cibo (1504188820833)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 544 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoLaura, 20

 

domanda

 

 

Buongiorno

Vi scrivo perché penso di essere dipendente dal cibo o di soffrire di fame nervosa.

Da circa un anno ho cominciato a fare sporadiche abbuffate soprattutto dopo pranzo o mentre studio che poi sono via via aumentate nel tempo.

Ho provato a controllarmi e ad impormi di smettere senza però avere successo,per questo ho deciso di agire per interrompere questa dipendenza,ma non ho gli strumenti per farlo.

Probabilmente queste mie abbuffate sono dovute al fatto che sto attraversando un periodo di stress e di grande incertezza poiché non so bene se cambiare facoltà universitaria o meno e mi sento molto sola anche se ho una famiglia che mi sostiene e amici che mi vogliono bene.

Inoltre non mi sento bene con me stessa, ho sempre avuto una bassa autostima, tuttavia la situazione è peggiorata perché alle volte preferisco stare in casa che uscire e questo mi preoccupa.

Infine sto vivendo un periodo di sconforto,ho perso interesse in molte mie passioni che avevo un tempo e.anche se mi sforzo di reagire è come se fossi bloccata in un circolo vizioso.

Grazie per l'attenzione e spero mi potrete aiutare

Laura

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

risposta

 

 

Buongiorno Laura,

capisco la sua preoccupazione ed il suo bisogno di interrompere questo circolo vizioso.

E’ comprensibile che lei, da sola, non abbia gli strumenti per risolvere il suo problema, per questo motivo esistono degli specialisti in questo ambito che la potranno aiutare efficacemente.

E’ necessario capire come lei abbia strutturato negli anni questo comportamento e perché si è esacerbato proprio in questo momento. Quali sono stati i fattori scatenanti e perché proprio adesso.

Spesso portiamo con noi delle problematiche che restano latenti, per anni e poi emergono e si manifestano in un dato momento, perché molti fattori si innescano insieme e fanno scattare il nostro problema.

La invito per tanto a rivolgersi ad un collega psicoterapeuta specializzato nel trattamento dei disturbi alimentari. Che potrà aiutarla a fare luce sul perché ed aiutarla a mettere a fuoco delle tecniche che potranno aiutarla a contenere le abbuffate.

Per sapere a chi rivolgersi, può chiamare l’ordine degli psicologi della sua regione di residenza e farsi dare dei nominativi specifici. Oppure, se interessato ad un trattamento con EMDR, una tecnica che utilizza protocolli mirati per trattare i disturbi alimentari, può verificare nel sito internet ufficiale dell’Associazione EMDR italia chi è abilitato nella sua regione.

Spero che presto inizi un percorso che la aiuti a capire cosa le è accaduto e perché proprio adesso, così che al più presto possa contenere il suo disagio ed iniziare a stare meglio

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Pubblicato in data 13/09/2017

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: consulenza online gratuita disturbi alimentari dipendenza dal cibo;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

News Letters

0
condivisioni