Pubblicità

Brutta esperienza lavorativa e ora chi sono? (145702731098)

0
condivisioni

on . Postato in Lavoro | Letto 1874 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lavoratore_depresso, 35

 

D




Salve a tutti,
nella mia esperienza lavorativa sento di avere un pò di problemi di insicurezza, interazione e collaborazione.

Ho alle spalle diverse esperienze lavorative, mi sono trovato sempre bene e sono stato sempre apprezzato per la mia personalità, per il mio carattere e per le mie capacità.

Due anni fa sono approdato in una nuova azienda. Qui la mia esperienza è stata molto critica: discussioni continue con i superiori, insoddisfazione dell'attività svolta, forti pressioni psicologiche e situazioni in cui la mia professionalità veniva messa in discussione.

Durante le animate discussioni con i superiori, spesso la mia personalità è stata calpestata, le offese erano gratuite e ridicolizzarmi non era un problema. Anche una semplice pronuncia sbagliata di una parola diventava un buono motivo di derisione.

Dopo una sopportazione di 2 anni ho deciso di mollare e cambiare azienda. Mi trovo molto bene, ma mi sento insicuro, confuso e disorientato.
Sento di aver problemi di comunicazione, spesso con i colleghi non riusciamo a capirci. Faccio errori su errori senza rendermene conto, mi capita di mandare email dove mancano parole nel testo e spesso sono presenti un sacco di errori ortografici. Le mie email non sono per nulla assertive, anche se non è mia intenzione farlo.

Vorrei capire cosa mi è successo o mi sta succedendo e ritrovare la mia serenità lavorativa. Mi sento come in un posto che non mi spetta e non mi appartiene.
Ho paura di ritrovarmi nella stessa situazione della precedente, in conflitto con i miei superiori e venir etichettato come incompetente.

Per questo motivo spesso non intervengo in situazioni goliardiche o durante le riunioni di lavoro. Ogni errore o suggerimento da parte di un superiore lo vedo come una conferma di quanto successo nei 2 anni precedenti.

Grazie anticipatamente,
Michele.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

R




La casistica che mi esponi è abbastanza complessa. Le motivazioni al tuo stato emotivo mi sembrano molto interiori.

Cerca di capire ed identificare se in questo contesto nuovo di lavoro c'è qualcosa che ti spaventa o ti crea disagio. Magari ci potrebbe essere qualche atteggiamento di colleghi o superiori che ti ricordano la tua vecchia situazione e ti fanno tornare in mente le tue insicurezze. Potrebbe anche essere un periodo in cui sei sotto stress, per cui la tua mente richiede una pausa o un break.

Potresti pianificare una vacanza di un week-end lungo da venerdì e provare a staccare dal lavoro. Per attivare la tua propositività, pensa e scrivi le attività che ti riescono bene in questo contesto e per cui gli altri ti riconoscono positivamente.
Pensa ai risultati che hai ottenuto nella tua vita lavorativa. E ogni sera annotati quello che di buono riesci a sviluppare o qualche complimento o pregio che ti riconoscono.

Non aver fretta di scrivere e rispondere, prenditi del tempo e riguarda le email prima di spedirle. Fai questo per un mese e valuta se migliora la situazione.
Se non dovesse bastare meglio confrontarsi con uno specialista.

Ti auguro il meglio.

 

(a cura del Dottore Massimo Perciavalle)

 

Pubblicato in data 17/03/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: collaborazione insicurezza personalità insoddisfazione interazione esperienza lavorativa carattere professionalità pressioni psicologiche

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

News Letters

0
condivisioni