Pubblicità

Aiuto [1610926691822]

0
condivisioni

on . Postato in Minori | Letto 121 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Brigida, 38 anni

domanda

 

 

Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni.
Da un annetto circa mi sta dando dei "problemi" con i suoi capelli. Mi spiego meglio...

Premetto che sin da piccola, ha sempre avuto un disagio con i suoi capelli, è sempre stata una "tragedia" farseli tagliare. E per questo motivo ha avuto sempre crisi di pianto quando la portavo
dalla parrucchiera. Li ha sempre voluti lunghi..

Ultimamente vuole sempre una coda alta, che le fa da "cascata". A lei piace, e non desidera altre acconciature. Prima almeno cambiava un po', o sciolti con il cerchietto o con qualche treccia. Ora niente!

Il problema nasce nel momento in cui le faccio questa coda. Dev'essere tirata dietro, senza la classica "gobba", e fatta bene anche sopra, sulla fronte. La vuole perfetta, insomma come dice lei.

Le vengono proprio crisi nervose e pianti, urla ogni volta che non riesco a farla come dice lei, e io con santa pazienza (con tanta ansia dentro di me quando si verifica questo) mi metto a farla e rifarla anche più di dieci volte per accontentarla e non sentirla disperare così. Si innervosisce e diventa aggressiva all'improvviso. Devo essere fortunatache la coda riesca ai primi tentativi!

Nemmeno io vivo bene questi momenti. Mi innervosiscono da morire, ma all'inizio riesco quasi sempre a mantenere la calma, per poi "crollare" e arrabbiarmi con lei che tutto ciò non è possibile, e di lasciare stare i capelli, senza toccarli in continuazione....

Durante la giornata, sono costretta a pettinarla altre volte. La coda così alta purtroppo vede oppure si inclina a destra o a sinistra ma lei sembra non capire che quel tipo di coda così non va bene...ma lei, ostinata, non vuole altre pettinature.

Giulia è una bimba creativa allegra, ma anche ansiosa, e penso chequesto c'entri qualcosa con questo suo comportamento. Soffre molto la mancanza di sua nonna lontana a cui è molto legata e questo sarà un'altra causa di disagio....

Volevo chiederVi un consiglio...da cosa può derivare questa sua mania per i capelli. A me fa sentire male il solo pensiero di quando mi chiama per pettinarla!

Non so più come devo comportarmi !Chiedo aiuto, prima di rivolgermi fisicamente a qualche specialista. Voglio spiegare anche altri comportamenti che assume. Ha l'abitudine di
svolgere dei "riti" quotidiani, ripetuti, sia prima di andare a letto la sera ( sistema sempre allo stesso modo e nella stessa posizione i suoi peluche della notte sul letto accanto a lei), sia di tenere alcune cose, alcuni giochini nella stessa posizione o sulla scrivania, o sul comodino, e guai a spostarli...lei li va ad aggiustare in modo che sianoprecisi....

Ho tanta paura, vorrei un consiglio, sono arrivata allo stremo delle forze poco fa dopo un ennesima sua sfuriata con i capelli.

Un saluto
Brigida

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

 

 

Buonasera sig.ra Brigida,


ho letto la sua preoccupazione per sua figlia Giulia di 9 anni. La mia domanda principale è: " Lava spesso le mani?" (oltre i rituali che compie prima di andare a dormire). La mia sensazione in base a ciò che ha scritto è che Giulia sia insicura, questi rituali ed abitudini tranquillizzano un pochino le sue paure. Si sente al sicuro se compie questi gesti e se le fa sempre la stessa coda.

Altra domanda che mi viene da porle per inquadrare bene la storia di sua figlia:
"Avete avuto lutti da poco?..."morti di familiari cari e vicini a Giulia? Spesso in questa fase di età i bambini si cominciano ad interrogare sul senso della morte, sviluppano delle paure, paura di morire o di perdere i genitori o i nonni.

Le abitudini tranquillizzano i bambini nel farli sentire al sicuro, colmando ogni sensazione di perdere se stessi o gli altri. Altro aspetto che mi ha colpito è che Giulia mette in atto i rituali prima dell'andare a dormire. I bambini che hanno paura della morte, hanno paura anche della notte e del buio. Quei gesti di mettere accanto a sé i peluche mi fanno pensare alla sua paura di restare da sola nell'affrontare il buio della notte e di perdere chi ha caro.


Le consiglio vivamente di poter fare incontrare per qualche mese Giulia ad una psicoterapeuta in modo che possa aiutarla a raccontare le sue paure e a superare ciò che potrebbero diventare blocchi durante la crescita.

L'aiuto di una psicoterapeuta basterà per aiutare Giulia a superare questi problemi.

Cordiali saluti
Dr.ssa Iolanda Lo Bue

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: le risposte dell' esperto;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

News Letters

0
condivisioni