Pubblicità

Il mio ragazzo mi ha allontanata (1534805529253)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 811 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoSara, 24

domanda

 

 

Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprensivo e mi scriveva sempre.

Poi ha trovato un lavoro estivo e si è temporaneamente trasferito, con il tempo è diventato freddo e non rispondeva neanche ai messaggi, gli ho fatto presente questo suo cambiamento, chiedendogli se avesse perso interesse in me o avesse trovato un'altra ragazza.

Lui mi risponde che la causa di questa sua freddezza è lo stress e che si sente soffocare da dei problemi. Passa un mese e la sua freddezza resta finché con molta insistenza da parte mia si apre e dice che vuole del tempo per riflettere sulla nostra relazione, alla fine di questa pausa aggiunge che si sente combattuto: una parte di lui non vuole una relazione al momento, ma l'altra ci tiene a me, propone di rimanere temporaneamente amici.

Riflettendoci su gli faccio presente che se ogni volta che ha questi "problemi" (di cui assolutamente non vuole parlare) si chiude in se stesso, io non so quanto tempo dovrò aspettarlo e la cosa mi fa male, quindi gli propongo una scelta fra due alterative: o mi lascia visto che ormai vuole essere mio amico ma raramente risponde ai miei messaggi, mai alle mie chiamate e non mi vuole incontrare di persona, oppure mi permette di stargli vicino e posso provare a supportarlo in questo suo momento difficile, per tutta risposta reagisce male alle mie alterative dicendo che vuole chiudere la storia è che lui in questo momento ha chiuso i suoi sentimenti e facendo così si sente più tranquillo quindi non può stare con me.

Tutto questo mi ha lasciato molto inquieta, perché ha rifiutato il mio supporto e si è comportato così? Ora non ci sentiamo più ma c'è qualcosa che posso fare? Sono molto preoccupata per lui. Grazie mille in anticipo per un eventuale risposta.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Ciao Sara, comprendo bene il tuo dolore per la fine di una giovane storia a cui tenevi. Purtroppo specie all’inizio di un rapporto, ripensamenti e passi indietro possono accadere con più facilità di quanto si pensi. Se lui non era sicuro dei suo sentimenti o di quello che vuole in questo momento della sua vita, per non farti soffrire ulteriormente, ha fatto bene a chiudere la storia.

Saresti rimasta chissà per quanto tempo, in sospeso, stando accanto ad un ragazzo che non ti cercava, non rispondeva ai tuoi messaggi e non voleva più vederti di persona. A volte i comportamenti delle persone, parlano più di mille parole, solo che sono troppo dolorosi e noi non li vogliamo né vedere né ascoltare. Per portare avanti una storia bisogna essere in due e volere tutti e due nello stesso tempo la medesima cosa.

Non preoccuparti per lui, se avrà bisogno di aiuto, sarà lui a chiederlo, magari alla sua famiglia. In certi momenti della nostra vita, dobbiamo capire che trattenere è più doloroso che lasciare andare. Non passare il tuo tempo ad aspettare, perché non puoi sapere cosa accadrà nel futuro. Usalo per riflettere e domandati perché hai ricorso un ragazzo che in tanti modi diversi ha cercato di allontanarti. Vedrai che pian piano capirai quello che è successo e potrai andare avanti con la tua vita. Cordialmente.

 

Pubblicato il 18/09/2018

 

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita ragazzo famiglia coppia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

News Letters

0
condivisioni