Pubblicità

Incidente (1453044319810)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 798 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoBianca, 18

 

D


Buongiorno,
sono una ragazza di 18 anni; circa un anno fa, il mio ragazzo ha avuto un brutto incidente stradale e le cause ancora oggi non sono chiare.

Ha riportato un trauma cranico ed e' rimasto in coma farmacologico per circa un mese. Uscito dalla rianimazione, dopo quasi due mesi, non parlava e non si muoveva.

Con tanta fisioterapia e logopedia ora sta riprendendo a muoversi, seppur con qualche difficoltà. Ancora non riesce a camminare e ad essere autonomo, in più il suo modo di parlare non è del tutto chiaro, anche se comunque molto comprensibile.

Ricorda tutto, a parte il momento dell'incidente; si rende conto delle condizioni in cui si trova. Sono stata vicina a lui e alla sua famiglia per tutto questo tempo, anche grazie al supporto dei miei genitori che mi hanno sempre sostenuta.
A distanza di un anno comincio però a pensare al futuro e mi rendo conto che devo prendere una decisione. Non so come comportarmi nei suoi confronti, non so che tipo di rapporto potrebbe esserci tra noi due.

Come dovrei agire in questa situazione? So che e difficile dare una risposta a questa domanda, non è quello che cerco, vorrei solo un consiglio ''esterno'' per poterla affrontare al meglio. Grazie in anticipo.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R




Cara Bianca,
la situazione che descrivi è molto complessa e delicata. L'incidente occorso al tuo ragazzo è stata una prova molto dura che ha determinato necessariamente una nuova riorganizzazione della famiglia attorno alla sua condizione clinica e terapeutica nel percorso riabilitativo per riacquistare l'autonomia. 

In tale circostanza i vecchi equilibri vengono necessariamente destrutturati, se ne creano dei nuovi finalizzati alla gestione della situazione e i rapporti tra le persone si ridefiniscono in modo funzionale alle nuove esigenze.
Da un anno sei vicina al tuo ragazzo e alla sua famiglia e, con il tuo sostegno e la tua presenza, sei riuscita ad affrontare con grande impegno una situazione molto difficile anche grazie al supporto dei tuoi genitori.

A distanza di un anno però, una volta superata la fase più critica dello shock iniziale, il successivo adattamento rispetto alla condizione post incidente del tuo ragazzo e i progressi ottenuti con la riabilitazione, hai per la prima volta potuto considerare anche le tue esigenze personali interrogandoti sul futuro.

Concederti una pausa di riflessione personale potrebbe aiutarti a fare maggiore chiarezza rispetto alla situazione attuale. Dare ascolto alla tua voce interna facendo emergere nel contempo i tuoi bisogni ti sarà molto utile nella valutazione delle decisioni che dovrai prendere. Sei molto giovane e molto in gamba e sicuramente prendendoti il giusto tempo saprai correttamente orientare la tua scelta!
Un caro saluto.

 

(a cura della Dottoressa Arianna Grazzini)

 

Pubblicato in data 21/01/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ragazzo futuro incidente trauma cranico fisioterapia logopedia esigenze personali pausa di riflessione scelta

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

News Letters

0
condivisioni