Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

matrimonio, figli, amante (1513721077853)

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 137 volte

matrimoniotosca, 35


domanda

 

 

Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni.

Ci siamo sposati per una questione molto pratica - nonostante lui non lo volesse fare -, ovvero per lavoro dovevo trasferirmi negli Stati Uniti e senza un contratto matrimoniale lui non avrebbe potuto avere un visto che gli permettesse di stare nel paese per più di tre mesi) e madre di due bimbi piccoli (due e quattro anni, entrambi maschi).

La partenza per l'estero, con durata due anni e molto desiderata perché consentirà di ottenere il posto di lavoro che ho sempre sognato una volta rientrata in Italia, ha messo in crisi la mia intera esistenza.

Mio marito ha osteggiato il trasferimento, con i fatti e non con le parole, lasciandomi sola non solo nell'organizzare la trasferta familiare, ma caricandomi addosso più responsabilità di quelle reali.

Ha positicipato la sua partenza e ora è qui, in un miscuglio di vittimismo, "fare il padre a tempo pieno è massacrante", non voglio però trovare un lavoro, etc. Questo nonostante le tante discussioni prima di prendere la decisione del trasferimento.

La relazione extraconiugale che avevo da quattro anni, appagante dal punto di vista sessuale, ma che si stava trasformando in qualcosa di molto più forte, è stata troncata dall'amante, che mi ha accusato di non averlo mai fatto entrare nella mia vita come lui aveva fatto entrare me.

Il suo abbandono, gestito con silenzi assordanti da parte sua, mi ha colpito e addolorato profondamente. Forse lo amavo e non ho mai avuto il coraggio di prendere decisioni definitive.

Non so più cosa pensare e come agire. Non so neppure cosa provare. Tentare di salvare il matrimonio (ci sono due bimbi da salvaguardare)? Separarmi? Mio marito ha una storia familiare difficile ed è disposto, con i mezzi emotivi che ha, a tentare di salvare la nostra relazione. Io provo solo tanta rabbia nei suoi confronti ora.

In testa c'è l'altro uomo, l'idea di una vita completamente nuova, che però ha chiuso, con una certa ambiguità, che lo ha sempre caratterizzato. La paura di essere madre da sola, madre nel bel mezzo di una carriera tanto sognata...

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

risposta

 

 

Salve Tosca,

Il titolo che Lei pone in cima questa richiesta d’aiuto è molto significativo. Abbraccia le dimensioni più importanti che una persona sperimenta nel corso della sua esistenza.

In quanto moglie (matrimonio) si riferisce ad una dimensione di coppia che, da ciò che scrive, sembrerebbe poco appagante. In quanto madre (figli) appare preoccupata ed affaticata rispetto al sovraccarico che questo ruolo, se non opportunamente condiviso con l’altro genitore, può arrecare alla persona. Infine, in quanto individuo (amante) che necessita di stimoli tanto sul piano sessuale e sentimentale quanto sul piano lavorativo.

Al di là delle situazioni contingenti descritte, il miglior sforzo che può provare a fare in questa situazione è mettere un po’ di ordine alle cose. Quanto è importante per Lei vivere una dimensione di coppia coniugale soddisfacente? E quanto è importante per Lei una dimensione genitoriale che funzioni, che valga da sostegno, che sia educativa, che contenga i suoi figli.. (senza dimenticare che lei non è e non sarà mai l’unico genitore di queste persone, i genitori seppur separati rimangono 2)?

E quanto è importante per Lei realizzare i suoi più intimi desideri di realizzazione professionale e sentimentale come individuo che, specifico, ha tutto il diritto di desiderare questo per sé.

Diventa dunque una questione di attribuzione di priorità.

La capacità di trovare un compromesso è qualcosa che contraddistingue gli adulti dagli adolescenti. Faccia appello alla sua dimensione adulta per iniziare a pensare a cosa dare maggiore priorità e nel caso se ci sia qualcosa a cui si può rinunciare. Non è certo una cosa semplice, anzi forse rappresenta proprio la complessità dell’essere adulto, ma non è possibile sottrarvisi.

Per fortuna Lei dimostra avere già intuito che c’è qualcosa da regolare meglio per far sì che la situazione funzioni meglio ed ha intuito che spesso solo con le proprie forze è difficile fare tutto, motivo per cui lancia questo messaggio nella bottiglia, questa richiesta d’aiuto.

Cogliendo questa necessità, oltre ciò che Le ho voluto rimandare in questa breve risposta, le consiglierei un sostegno psicologico, che possa funzionare come un vertice osservativo esterno da cui vedere le cose in modo nuovo così da poter riuscire a pensare nuovi e più funzionali modalità di azione.

 

Pubblicato il 12/01/2018

 

A cura di Vito Leone

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: consulenza online gratuita figli matrimonio amante

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un d...

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters