Pubblicità

Non so come uscire da questa situazione (1454925948668)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 1108 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAlice, 22

 

D

 


Gentile Dottore,
è la prima volta che scrivo su questo sito e sono molto agitata; premetto che sono una ragazza insicura e sensibile.

Ho 22 anni e da quasi due anni sono fidanzata con un ragazzo della mia età. Siamo molto diversi, due passati diversissimi, ma alla fine credo che caratterialmente ci assomigliamo per tante cose e se da un lato può essere una cosa positiva, dall'altro è un disastro.

Due caratteracci che si affrontano costantemente, un continuo discutere e ammazzarsi con parole forti e brutte che magari lì per lì sottovaluti, ma che inevitabilmente ritornano dentro e ti logorano. Ti buttano giù. Ogni volta che succede un episodio del genere mi vengono attacchi di ansia.

Già in passato da più piccolina, 15 anni circa, ne soffrivo. Non si è mai capito il motivo, comunque poi passarono.
Soffro tanto, tanto al punto di impazzire e non capire più niente. Non ho mai provato così tanta rabbia e dolore allo stesso tempo, ed il peggio è che più la relazione continua più le mie reazioni peggiorano. Sono in un costate stato di angoscia e tristezza e se anche li per li lo sfogo finisce, poi mi porto dietro gli strascichi di queste ferite.

E' orribile e vorrei tanto poter capire come riuscire a bloccare queste emozioni negative. Vorrei tornare serena come all'inizio. Anche perchè da come ho raccontato la mia storia con questo ragazzo sembra che sia sempre tutto grigio e negativo e così non è ovviamente, ci sono momenti fantastici in cui stiamo davvero bene ed è per questo che sono così legata a lui.
Eppure il risvolto negativo della medaglia c'è e io lo sento adosso in una maniera esagerata. Forse troppo. Dovrei cercare di calmarmi, di autoregolarmi e di viverla più tranquillamente, ma non ci riesco; per me qualsiasi pretesto è buono per iniziare a litigare.
Come dice lui "dovrei vivere questa relazione piu serenamente".

I nostri amici ci definiscono psicopatici quando stiamo insieme. Non capisco proprio perchè mi comporto così, anche perchè mi sento davvero sola ultimamente,  quindi aggiungere malumori e tensione con lui mi butta ancora più giu, fino ad arrivare al punto di deprimermi. Vorrei uscirne ma non so come.

Ciò che complica le cose è che i miei genitori non sanno nulla di lui: ho un blocco e non sono mai riuscita a dirglielo. Per me questo è fonte di disagio ,stress ed ansie perchè ogni volta che lo vedo devo inventare scuse con loro e giuro che mi muore il cuore a dover dire bugie alla mia famiglia perchè prima d'ora non l'avevo mai fatto.

Ho provato a obbligarmi a dirglielo, le mie amiche mi hanno sempre spinta, ma non riesco a superare questo limite che sta diventando per me un ostacolo insormontabile . E il peggio è che nemmeno lui sa che loro non sanno, perchè sin dall'inizio ha dato per scontato che io avessi raccontato ai miei genitori di lui (come è giusto e normale che sia) e quindi le cose si complicano anche su questo fronte perchè mi dispiace dire a lui dopo tutto questo tempo una cosa del genere, ci rimmarrebbe troppo male, e così la sto portando avanti evitando per la maggior parte delle volte il discorso.

Non ne posso piu! Ormai sono quasi due anni e non sta ne in cielo ne in terra che loro, i miei genitori, non lo sappiano!
Tra qualche mese ci sarà la mia laurea e probabilmente si incontreranno, mi viene l'ansia al solo pensiero, e per questo sto seriamente pensando di non invitare o lui o loro (ma è da pazzi lo so).

Davvero è più forte di me, non ci riesco in nessun modo! E so che nessuno mi può capire, perchè è una sensazione che sta solo nella mia mente malata e per questo chiedo a lei cosa ho che non va.
Ho provato a impormi di dirglielo tantissime volte con uno stress assurdo, ma ogni volta era più facile inventare una cavolata e levarmi dal problema, ogni volta sceglievo la strada più facile e non affrontavo mai la situazione  e ora al solo pensiero di doverglielo dire mi viene da nascondermi. Non so più come fare, mi sto esasperando.

Unito a tutto ciò penso sia utile informarla anche del fatto che un anno e mezzo fa la mia migliore amica è "impazzita " e ha deciso di eliminare me ed altri dalla sua vita, nessuno dei suoi amici se lo è saputo spiegare; mentre alcuni sono andati avanti, io ci sto ancora male e credo di non averla ancora superata.

Per me lei era un punto di riferimento , era la persona che mi conosceva meglio e che mi ha aiutata a superare i miei limiti; anche quando ero fidanzata con il mio ex solo a lei dicevuto tutto, condividevo il mio tempo. Ora senza di lei mi sento persa e tanto sola.
E forse è proprio per questo che punto tutto sul mio ragazzo adesso, vedendo solo lui come presenza fondamentale nella mia vita, ma sbagliando purtroppo, sia perche lui non la può sostituire sia perchè non posso far girare la mia vita intorno a lui, non posso concentrare tutto su di lui.
Anche perchè si sa, le relazioni possono finire da un giorno all'altro, figuriamoci a vent'anni, e io come farò nel caso? Il solo pensiero mi fa venire i brividi.

Insomma questa è la mia storia che mi sta portando all'esaurimento nervoso. Non so come uscirne e ho una paura folle di non saper affrontare queste situazioni.
La ringrazio per il suo ascolto e confido in una risposta perchè non so più davvero da che parte girarmi.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 


Gentile Alice,
certo, da quanto descrive,  la sua situazione è piuttosto complessa e richiederebbe molti approfondimenti. Sarebbe improprio cercare di darle risposte senza altri elementi.

Ritengo che la scelta più efficace sarebbe rivolgersi quanto prima ad un professionista esperto iscritto all'ordine degli psicologi della sua regione (magari privilegiando chi offre il primo colloquio gratis) in modo da analizzare le cause profonde del suo disagio ed individuare una via per rendere la sua vita serena e ricca di soddisfazioni.

Le pongo solo alcune domande sulle quali riflettere: qual è il vero motivo per il quale non informa i suoi parenti della sua relazione? come mai continua a frequentare una persona con la quale si trova continuamente a disagio? E perché ha difficoltà a comprendere la scelta della sua amica di non frequentare più lei e il suo gruppo?
Augurandole ogni bene, la saluto.
S. Bertini 

 

(a cura della Dottoressa Susanna Bertini)

 

Pubblicato in data 17/02/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: tristezza sensazione angoscia paura genitori ragazzo relazione reazioni rabbia bugie situazione emozioni negative tensione attacchi di ansia malumori mente malata esaurimento nervoso

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

News Letters

0
condivisioni