Pubblicità

Ascolto e Cura: il giusto supporto nelle difficoltà

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1231 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

quando lo stress incalza avere un partner che vi offre una spalla su cui piangere è un'ottima garanzia per sentirsi meglio

empatyGli Psicologi dell'Università della California, a Santa Barbara, hanno scoperto che comprendere esclusivamente la sofferenza del partner non è sufficiente per essere d'aiuto in una situazione stressante. Difatti, in primo luogo, bisognerebbe prendersi realmente cura della sofferenza altrui.

I risultati dello studio esplicano come l'ambito cognitivo e quello affettivo debbano collaborare per facilitare un corretto comportamento reattivo.
Secondo l'autore della ricerca, Lauren Winczewski, un partner "empaticamente impeccabile", cioè che ha compreso accuratamente i pensieri e sentimenti dell'altro, è solitamente più incline a preoccuparsi, avere compassione ed essere motivato a supportare le esigenze dell'altro.

Quindi la semplice comprensione accurata della situazione stressante in cui si trova il partner non è tutto ciò che occorre per aiutarlo, ma bisogna immedesimarsi con i suoi pensieri e sentimenti. Proprio l'empatia renderà più compassionevoli e solidali verso il partner.

In particolare, i ricercatori di tale studio hanno ipotizzato che la comprensione di pensieri e sentimenti di un'altra persona - un'abilità cognitiva nota come accuratezza empatica - potrebbe aiutare nelle difficoltà solo se è accompagnata da una giusta motivazione benevola o da una certa preoccupazione empatica.

I ricercatori hanno testato la suddetta ipotesi chiedendo a diverse coppie di parlare riguardo una condizione di difficoltà personale o relazionale. Videoregistrando le conversazioni, hanno poi valutato il livello di accuratezza e preoccupazione empatica, così come la loro reazione, sia al momento che dopo la discussione.

Gli studiosi avevano ragione: quando il livello di preoccupazione per il proprio partner era alto, la reazione di cura era accurata e precisa; ma quando la compassione verso il partner era scarsa, la comprensione ha aiutato di poco la reattività.

Secondo Winczewski, i risultati suggeriscono che l'accuratezza empatica facilita un comportamento reattivo e compassionevole solo quando si è motivati ad utilizzare la comprensione degli stati d'animo e sentimenti altrui per fini benevoli. Avere una semplice ma precisa conoscenza della situazione stressante in cui si trova l'altro, senza riporre verso questo sentimenti compassionevoli, può solo minare il successo di un eventuale sostegno.

Una comprensione accurata del mondo interiore che appartiene al nostro partner, in combinazione con l'essere compassionevoli, permette di fornire il tipo di supporto necessario per un caro. Pertanto lo studio dimostra che pensare e sentire dovrebbero lavorare insieme al fine di rappresentare un supporto solido per coloro che si ama.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: stress preoccupazione difficoltà pensare motivazione sentimenti partner sofferenza pensieri supporto cura ascolto comportamento reattivo accuratezza empatica compassione sentire

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni