Pubblicità

Ascolto e Cura: il giusto supporto nelle difficoltà

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1382 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

quando lo stress incalza avere un partner che vi offre una spalla su cui piangere è un'ottima garanzia per sentirsi meglio

empatyGli Psicologi dell'Università della California, a Santa Barbara, hanno scoperto che comprendere esclusivamente la sofferenza del partner non è sufficiente per essere d'aiuto in una situazione stressante. Difatti, in primo luogo, bisognerebbe prendersi realmente cura della sofferenza altrui.

I risultati dello studio esplicano come l'ambito cognitivo e quello affettivo debbano collaborare per facilitare un corretto comportamento reattivo.
Secondo l'autore della ricerca, Lauren Winczewski, un partner "empaticamente impeccabile", cioè che ha compreso accuratamente i pensieri e sentimenti dell'altro, è solitamente più incline a preoccuparsi, avere compassione ed essere motivato a supportare le esigenze dell'altro.

Quindi la semplice comprensione accurata della situazione stressante in cui si trova il partner non è tutto ciò che occorre per aiutarlo, ma bisogna immedesimarsi con i suoi pensieri e sentimenti. Proprio l'empatia renderà più compassionevoli e solidali verso il partner.

In particolare, i ricercatori di tale studio hanno ipotizzato che la comprensione di pensieri e sentimenti di un'altra persona - un'abilità cognitiva nota come accuratezza empatica - potrebbe aiutare nelle difficoltà solo se è accompagnata da una giusta motivazione benevola o da una certa preoccupazione empatica.

I ricercatori hanno testato la suddetta ipotesi chiedendo a diverse coppie di parlare riguardo una condizione di difficoltà personale o relazionale. Videoregistrando le conversazioni, hanno poi valutato il livello di accuratezza e preoccupazione empatica, così come la loro reazione, sia al momento che dopo la discussione.

Gli studiosi avevano ragione: quando il livello di preoccupazione per il proprio partner era alto, la reazione di cura era accurata e precisa; ma quando la compassione verso il partner era scarsa, la comprensione ha aiutato di poco la reattività.

Secondo Winczewski, i risultati suggeriscono che l'accuratezza empatica facilita un comportamento reattivo e compassionevole solo quando si è motivati ad utilizzare la comprensione degli stati d'animo e sentimenti altrui per fini benevoli. Avere una semplice ma precisa conoscenza della situazione stressante in cui si trova l'altro, senza riporre verso questo sentimenti compassionevoli, può solo minare il successo di un eventuale sostegno.

Una comprensione accurata del mondo interiore che appartiene al nostro partner, in combinazione con l'essere compassionevoli, permette di fornire il tipo di supporto necessario per un caro. Pertanto lo studio dimostra che pensare e sentire dovrebbero lavorare insieme al fine di rappresentare un supporto solido per coloro che si ama.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: stress preoccupazione difficoltà pensare motivazione sentimenti partner sofferenza pensieri supporto cura ascolto comportamento reattivo accuratezza empatica compassione sentire

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angoscia è fondamentalmente diversa dalla...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters

0
condivisioni