Pubblicità

Come bloccare un pensiero ruminante?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 15788 volte

4.8888888888889 1 1 1 1 1 Votazione 4.89 (9 Voti)

5 consigli per evitare di rimuginare sul vostro dolore

pensiero ruminanteMentre l'auto-riflessione è utile, la ruminazione è dannosa. Rimuginare sui vostri problemi ed ingigantire la vostra disgrazia potrebbe aumentare solo la vostra angoscia.

Se i ricordi dolorosi vengono rimaneggiati continuamente dalla vostra mente, l'autostima si riduce e cadete in disperazione.

La difficoltà del pensiero ruminante

Soffermarsi sugli eventi negativi e sulle emozioni dolorose non è positivo. Ecco alcuni pericoli a cui ci si espone se si tende ad un pensiero ripetitivo:

1. Soffermarsi sulla negatività porta a problemi di salute mentale duraturi

Più pensate ai vostri disagi, errori o problemi, maggiore è la probabilità che cadrete in depressione o sarete colpiti dal disturbo post-traumatico da stress e dall'ansia.
Concentrandovi sui problemi, il disagio psichico dura più a lungo ed è più difficile ritrovare la salute psicologica.

2. Il pensiero negativo rafforza un ciclo mentale difficile da rompere

Nel corso del tempo, la ruminazione diventa una cattiva abitudine. Essa può divenire così radicata in voi che avrete difficoltà a cambiare modo di pensare.

3. Rimuginare può portare ad una capacità insana di fronteggiare le avversità

La ruminazione intensifica lo stress emotivo che, a sua volta, aumenta il rischio di sviluppare problemi di abuso di sostanze o disturbi del comportamento alimentare.

Come smettere di rimuginare

Se siete tipi che tendono a soffermarsi sulla negatività e vi affliggete eccessivamente per gli errori che avete commesso, è arrivata l'ora di cambiare il modo di pensare.

Pubblicità

Ci vogliono sia pratica che dedizione per fermare un pensiero ricorrente ma, arrivati all'obiettivo, vi sentirete sicuramente meglio e vi comporterete in modo più produttivo. Pertanto, per salvaguardare il vostro benessere psichico, potreste mettere in atto cinque accorgimenti che vi permetteranno, a lungo termine, di ridurre o addirittura bloccare un pensiero fastidioso e ricorrente.

1. Riconoscere che siete caduti nella trappola del pensiero insistente

Quanto più si rimugina, più è probabile che si resta bloccati in un ciclo negativo che è difficile rompere.
Diventate consapevoli delle vostre cattive abitudini di pensiero e prestate massima attenzione ai tempi che dedicate a riflettere sugli eventi dolorosi, più e più volte.
Più velocemente ve ne accorgete, prima potete trovarne riparo.

2. Cercate possibili vie di uscita

Pensare continuamente ai vostri problemi non è utile, a meno che non ricercate una soluzione per essi. Chiedetevi se c'è qualcosa che si può fare imparando dagli errori.

3. Dedicate al pensiero un limite di tempo

Ritagliarsi 20 minuti ogni giorno per pensare, preoccuparsi o riflettere per inserire così nel programma giornaliero del "tempo per pensare".  Quando vi accorgete che vi state preoccupando o rimuginate al di fuori di quel tempo programmato, dite dentro di voi "Ci penserò più tardi."
Aderire al programma impostato, rispettare il limite del tempo, vi aiuterà a pensare ai problemi in modo più produttivo ed eliminerà il ripensamento superfluo che prima accadeva più e più volte.

4. Distraetevi

Ripetere a voi stessi di non pensare semrpe alla stessa cosa potrebbe causarne l'effetto contrario: rimuginerete ancora di più.
Il modo migliore per distrarsi è quello di trovare un lavoro che vi tenga occupati: l'esercizio fisico, chiamare un amico per parlare di un argomento completamente diverso o fare un progetto in famiglia. Muovervi aiuterà a "cambiare canale" evitando i ricordi angoscianti.

5. Praticate la Mindfulness

Il termine Mindfulness significa "porre attenzione in un modo particolare: intenzionalmente, nel momento presente e in modo non giudicante”. Si tratta cioè di una forma di meditazione che dirige volontariamente l'attenzione a quello che accade nel proprio corpo e intorno ad esso, momento per momento, ascoltando più accuratamente la propria esperienza, e osservandola per quello che è, senza valutarla o criticarla.

La pratica di questo particolare "atteggiamento mentale”, che possiamo definire anche "consapevolezza”, è la chiave per vivere nel "qui e ora". Come altre forme di meditazione, la tecnica della mindfulness richiede pratica, ma nel corso del tempo, può ridurre notevolmente la ruminazione.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: salute mentale angoscia autostima dolore difficoltà bloccare consigli, meditazione negatività Mindfulness disperazione consapevolezza pensiero ruminante rimuginare auto-riflessione ruminazione eventi negativi pensiero ripetitivo disagio psichico stress emotivo trappola

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno stato di tensione e paura per una...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters

0
condivisioni