Pubblicità

I cervelli lavorano in sincronia durante la musicoterapia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2843 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Per la prima volta i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che il cervello di un paziente e di un terapeuta si sincronizzano durante una sessione di musicoterapia, una svolta che potrebbe migliorare le interazioni future tra pazienti e terapisti.

cervello sincronizzazione musicoterapia

La ricerca, pubblicata sulla rivista Frontiers in Psychology, è stata condotta dal professor Jorg Fachner e dalla dott.ssa Clemens Maidhof dell'Anglia Ruskin University (ARU). Questo è il primo studio di musicoterapia che utilizza una procedura chiamata iperscanning, che registra contemporaneamente l'attività in due cervelli, consentendo ai ricercatori di comprendere meglio come le persone interagiscono.


Durante la sessione documentata nello studio, è stata suonata della musica classica, mentre il paziente discuteva di una grave malattia nella sua famiglia. Sia il paziente che il terapista indossavano cappucci EEG (elettroencefalogramma) contenenti sensori, che catturano segnali elettrici nel cervello, e la sessione è stata registrata in sincronia con l'EEG utilizzando delle videocamere.

I musicoterapisti lavorano a nuove tecniche, in cui stabiliscono una connessione significativa con il loro paziente. Ad un certo punto durante questo studio, l'attività cerebrale del paziente è passata improvvisamente dalla visualizzazione di sentimenti negativi profondi a un picco positivo. Pochi istanti dopo, quando la terapista si rese conto che la sessione stava funzionando, la sua scansione mostrò risultati simili. Nelle interviste successive, entrambi hanno identificato quello come un momento in cui hanno ritenuto che la terapia funzionasse davvero.

Pubblicità


I ricercatori hanno esaminato l'attività nei lobi frontali destro e sinistro del cervello, in cui vengono elaborate rispettivamente emozioni negative e positive. Analizzando i dati di iperscanning, insieme a filmati e una trascrizione della sessione, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che si verifica la sincronizzazione del cervello e anche come appare quel cambiamento all'interno del cervello del terapeuta.

L'autore principale Jorg Fachner, professore di musica, salute e cervello all'Anglia Ruskin University (ARU), ha dichiarato: "Questo studio è una pietra miliare nella ricerca sulla musicoterapia. I musicoterapisti riferiscono di aver sperimentato cambiamenti e connessioni emotive durante la terapia, e siamo stati in grado di confermarlo utilizzando i dati del cervello.

La musica, usata terapeuticamente, può migliorare il benessere e trattare condizioni tra cui ansia, depressione, autismo e demenza. I musicoterapisti hanno dovuto fare affidamento sulla risposta del paziente per giudicare se funziona, ma usando l'iperscanning possiamo vedere esattamente cosa sta succedendo nel cervello del paziente.

L'iperscanning può mostrare i piccoli, altrimenti impercettibili, cambiamenti che si verificano durante la terapia. Evidenziando i punti precisi in cui le sessioni hanno funzionato meglio, potrebbe essere particolarmente utile quando si trattano pazienti per i quali la comunicazione verbale è impegnativa. I nostri risultati potrebbero anche aiutare a migliorare e comprendere l'elaborazione emotiva in altre interazioni terapeutiche".



Fonte:

  • Jörg C. Fachner, Clemens Maidhof, Denise Grocke, Inge Nygaard Pedersen, Gro Trondalen, Gerhard Tucek, Lars O. Bonde. “Telling me not to worry…” Hyperscanning and Neural Dynamics of Emotion Processing During Guided Imagery and Music. Frontiers in Psychology, 2019; 10 DOI: 10.3389/fpsyg.2019.01561

 


Articolo a cura del dottor Andrea di Maio



Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: musicoterapia news di psicologia sincronizzazione cerebrale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

News Letters

0
condivisioni